NEW

Sensibilità al glutine non celiaca

Mentre la celiachia e l'allergia al grano sono disturbi ben noti con una diagnosi chiara basata su test clinici e parametri biologici, la sensibilità al glutine non celiaca (NCGS) è una diagnosi più difficile, specialmente nei bambini con disturbi gastrointestinali...

Food delivery

Food delivery. Parliamoci chiaro. La cucina è ancora il centro della casa, legata alla famiglia e agli affetti, il luogo in cui si preparano i cibi, in cui ci si ritrova per mangiare e non solo? E ancora, dove sta andando la cucina italiana? Parliamone qui visto che...

Pediatra? Allora visita così. Ti conviene

Pediatra? Allora visita così. Ti conviene. In questo studio di coorte su 6280 famiglie con casi pediatrici, le probabilità aggiustate di trasmissione familiare da parte di bambini di età compresa tra 0 e 3 anni erano 1,43 rispetto ai bambini di età compresa tra 14 e...

Covid-19 e malattie respiratorie croniche diverse dall’asma nei bambini: quale rapporto?

Covid-19 e malattie respiratorie croniche diverse dall'asma nei bambini. Durante l'infanzia, l'infezione da SARS-CoV-2 sembra essere meno comune, e la malattia è generalmente più mite. Tuttavia, diversi studi hanno dimostrato che, anche quando si presenta con sintomi...

Covid-19. Effetto dell’obesità sul sistema immunitario

Obesità e Covid-19. L'obesità può essere associata a una perdita della competenza immunitaria, con menomazioni dell'attività dei linfociti T helper, linfociti T citotossici, linfociti B e cellule natural killer, e ridotta produzione di anticorpi e IFN-γ. Ciò significa...
vinci-partners

Vitamina C e Covid-19

La vitamina C ha un ruolo antiossidante fondamentale.

Vitamina C e Covid-19. Il contributo nutritivo ottimale della vitamina C è quindi è correlato a un minor danno ossidativo e la sua integrazione è associata a una minore incidenza di infezioni specifiche.

Inoltre, studi condotti su embrioni di pollo hanno mostrato che il trattamento con vitamina C induce resistenza al coronavirus aviario.

Nonostante nessun beneficio comprovato associato alla supplementazione di vitamina C una volta che i sintomi del raffreddore comuni sono già iniziati, è stata suggerita la sua integrazione per prevenire o combattere il COVID-19.

Oltre alla supplementazione, la somministrazione endovenosa (IV) di vitamina C a dosi elevate potrebbe essere associata a una mortalità inferiore nei pazienti con sepsi grave, secondo i risultati di una meta-analisi.

Sulla scorta di queste indicazioni, i primi risultati basati su segnalazioni di piccoli gruppi di pazienti COVID-19 che hanno ricevuto vitamina C IV come parte del trattamento comune hanno migliorato i loro risultati clinici; di conseguenza, è stato recentemente lanciato un nuovo studio controllato incentrato sul test dell’effetto della vitamina C IV (a una dose di 24 g / die per 7 giorni) in pazienti con COVID-19.

La plausibilità fisiologica di questo trattamento potrebbe essere basata sui suoi benefici antiossidanti e antinfiammatori, che potrebbero ridurre la tipica tempesta di citochine innescata nella sindrome da distress respiratorio acuto.

Per quanto riguarda lo stato alimentare della vitamina C, per gli adulti, l’assunzione di riferimento della popolazione è fissata a 95 mg / giorno nelle donne e 110 mg / giorno per gli uomini, mentre in giovane età varia tra 20-100 mg / die, a seconda del sesso e dell’età.

Nella stessa tendenza della vitamina A, le donne in gravidanza e in allattamento necessitano di assunzioni più elevate (105 e 155 mg / die, rispettivamente).

Finora non è stato stabilito alcun limite massimo di vitamina C. Di conseguenza, lo stato ottimale della vitamina C deve svolgere un ruolo importante nel corretto funzionamento del sistema immunitario.

A questo proposito, paesi come il Regno Unito (75,3%), la Francia (86,9%), i Paesi Bassi (86,6%) e il Belgio (87,8%) non raggiungono un apporto alimentare ottimale di vitamina C.

Al contrario, la Germania si distingue per il suo livello di assunzione di vitamina C (143,9%) rispetto ad altri paesi.

Nonostante l’assunzione sub-ottimale di vitamina C sia debolmente correlata con l’incidenza di COVID-19, essa è strettamente correlata con la % di morti ( p = 0,035), che potrebbe suggerire un effetto positivo per combattere l’infezione una volta che l’individuo è già stato infettato da SARS-CoV-2.

fonte:
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC7551697/

Precedenti

Successivi

Share This

Share this post with your friends!