NEW

Il suicidio in pediatria: parliamone

Il suicidio in pediatria. Il pediatra è coinvolto nell'identificazione o nella gestione di giovani con comportamenti suicidari. Il pediatra dovrebbe essere in grado di identificare la presenza di “segnali di allarme” per tentato suicidio / suicidio nei bambini e / o...

Vitamina C e Covid-19

Vitamina C e Covid-19. Il contributo nutritivo ottimale della vitamina C è quindi è correlato a un minor danno ossidativo e la sua integrazione è associata a una minore incidenza di infezioni specifiche. Inoltre, studi condotti su embrioni di pollo hanno mostrato che...

Olio extravergine di oliva: what else?

Olio extravergine di oliva (EVO). Chi non conosce? È uno degli alimenti più tipicamente mediterranei; è parte della nostra cultura alimentare e non solo. Ha un altissimo valore, sotto tutti i punti di vista. Per olio extravergine di oliva si intende un olio ottenuto...

Latte materno

Latte materno: come allattare. Nella posizione classica la madre deve stare seduta comodamente, su una sedia bassa o con i piedi poggiati su uno sgabello, in modo che le ginocchia rimangano sollevate, affinché le gambe sostengano il bambino. La madre non deve...

Dimmi cosa mangi e ti dirò di sei

Ed essa, già da sola, indirizza la differenziazione delle famiglie batteriche verso specifici enterotipi che appaiono correlati a determinate abitudini alimentari. Dimmi cosa mangi e ti dirò di sei! Dato che dalla composizione del microbiota (l’insieme dei...

Vitamina C e Covid-19

La vitamina C ha un ruolo antiossidante fondamentale.

Vitamina C e Covid-19. Il contributo nutritivo ottimale della vitamina C è quindi è correlato a un minor danno ossidativo e la sua integrazione è associata a una minore incidenza di infezioni specifiche.

Inoltre, studi condotti su embrioni di pollo hanno mostrato che il trattamento con vitamina C induce resistenza al coronavirus aviario.

Nonostante nessun beneficio comprovato associato alla supplementazione di vitamina C una volta che i sintomi del raffreddore comuni sono già iniziati, è stata suggerita la sua integrazione per prevenire o combattere il COVID-19.

Oltre alla supplementazione, la somministrazione endovenosa (IV) di vitamina C a dosi elevate potrebbe essere associata a una mortalità inferiore nei pazienti con sepsi grave, secondo i risultati di una meta-analisi.

Sulla scorta di queste indicazioni, i primi risultati basati su segnalazioni di piccoli gruppi di pazienti COVID-19 che hanno ricevuto vitamina C IV come parte del trattamento comune hanno migliorato i loro risultati clinici; di conseguenza, è stato recentemente lanciato un nuovo studio controllato incentrato sul test dell’effetto della vitamina C IV (a una dose di 24 g / die per 7 giorni) in pazienti con COVID-19.

La plausibilità fisiologica di questo trattamento potrebbe essere basata sui suoi benefici antiossidanti e antinfiammatori, che potrebbero ridurre la tipica tempesta di citochine innescata nella sindrome da distress respiratorio acuto.

Per quanto riguarda lo stato alimentare della vitamina C, per gli adulti, l’assunzione di riferimento della popolazione è fissata a 95 mg / giorno nelle donne e 110 mg / giorno per gli uomini, mentre in giovane età varia tra 20-100 mg / die, a seconda del sesso e dell’età.

Nella stessa tendenza della vitamina A, le donne in gravidanza e in allattamento necessitano di assunzioni più elevate (105 e 155 mg / die, rispettivamente).

Finora non è stato stabilito alcun limite massimo di vitamina C. Di conseguenza, lo stato ottimale della vitamina C deve svolgere un ruolo importante nel corretto funzionamento del sistema immunitario.

A questo proposito, paesi come il Regno Unito (75,3%), la Francia (86,9%), i Paesi Bassi (86,6%) e il Belgio (87,8%) non raggiungono un apporto alimentare ottimale di vitamina C.

Al contrario, la Germania si distingue per il suo livello di assunzione di vitamina C (143,9%) rispetto ad altri paesi.

Nonostante l’assunzione sub-ottimale di vitamina C sia debolmente correlata con l’incidenza di COVID-19, essa è strettamente correlata con la % di morti ( p = 0,035), che potrebbe suggerire un effetto positivo per combattere l’infezione una volta che l’individuo è già stato infettato da SARS-CoV-2.

fonte:
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC7551697/

Precedenti

Successivi

Share This

Share this post with your friends!