NEW

Alimentazione ed eros – Parte seconda

I cibi afrodisiaci - Alimentazione ed eros - Parte seconda Alimentazione ed eros: Aglio e cipolla. Considerati eccitanti in tante culture, aglio e cipolla sono proibiti in molte congregazioni monastiche sia in Oriente che in Occidente. Sono i più popolari cibi...

Alimentazione ed eros – Prima parte

Tutto merito della BBC che in un programma aveva attribuito all’aglio crudo delle proprietà simili a quelle dei noti farmaci per il “potenziamento” della funzione sessuale maschile. Alimentazione ed eros. In effetti, da sempre e in ogni parte del mondo, l’uomo ha...

Uso degli antibiotici

Uso degli antibiotici. Si ritiene che il microbiota intestinale sia coinvolto nella patogenesi della malattia celiaca, unitamente alla componente genetica. Il microbiota intestinale è fortemente influenzato dagli antibiotici sistemici, specialmente nelle prime fasi...

Pediatra, dove stai andando?

Pediatra, dove stai andando? È indubbio che la medicina, negli ultimi 40 anni, ha beneficiato di un enorme volume di conoscenze. Noi attualmente abbiamo le risorse tecniche per diagnosticare un numero impressionante di malattie, ma non siamo ancora capaci di curarne...

I nitrati alimentari e attività sportiva agonistica . L’importanza della Barbabietola

I nitrati sono composti costituiti da un atomo di azoto e tre di ossigeno (NO3). La maggiore fonte dei nitrati alimentari non proviene come si pensa dagli insaccati ma dai vegetali, quelli maggiormente ricchi, avendo un contenuto per kg di prodotto vegetale superiore...
vinci-partners

Tolleranza gastrointestinale

Crescita e sicurezza di una formula parzialmente fermentata con prebiotici specifici in neonati sani: uno studio in doppio cieco, randomizzato e controllato

Tolleranza gastrointestinale. L’allattamento al seno è la fonte di nutrimento preferita per i neonati ed è stato dimostrato che fornisce una serie di benefici a breve e lungo termine per il sistema nervoso, immunitario, metabolico e gastrointestinale del bambino.

Ogni volta che l’allattamento al seno non è possibile o viene interrotto, i sostituti del latte materno dovrebbero mirare a fornire proprietà nutrizionali e funzionali il più vicino possibile a quelle del latte umano.

  • Negli ultimi decenni, diversi studi hanno indicato che le formule del latte per neonati (parzialmente) fermentato hanno un effetto benefico sulla funzione gastrointestinale.
  • I processi di fermentazione che utilizzano microrganismi di qualità alimentare generano composti bioattivi, noti anche come postbiotici.
  • È stato riferito che postbiotici specifici hanno proprietà antimicrobiche, antiossidanti e immunomodulatorie.
  • Gli alimenti per lattanti fermentati che utilizzano i ceppi batterici Bifidobacterium breve C50 (BbC50) e Streptococcus thermophilus 065 (St065) durante la lavorazione hanno mostrato benefici per la salute immunitaria e intestinale in diversi studi clinici.
  • Parallelamente, la presenza di una specifica miscela prebiotica di galatto-oligosaccaridi a catena corta (scGOS) e frutto-oligosaccaridi a catena lunga (lcFOS; 9: 1) nel latte artificiale (non fermentato) ha dimostrato di avere effetti benefici sulle feci consistenza e frequenza, microbiota intestinale e funzione immunitaria.
  • In precedenza, la combinazione di questa specifica miscela prebiotica con diversi dosaggi di latte artificiale fermentato (utilizzando i ceppi batterici BbC50 e St065) non ha sollevato problemi di sicurezza nei neonati sani a termine.

L’obiettivo dell’attuale studio esplorativo randomizzato, controllato, in doppio cieco era di valutare l’effetto di un latte artificiale che combina la specifica miscela prebiotica scGOS/lcFOS (9: 1; 0,8 g/L) e il latte artificiale fermentato (30% di composizione totale; utilizzando BbC50 e St065 durante la fermentazione) sull’incidenza dei sintomi gastrointestinali (GI), sulle caratteristiche delle feci, sul pianto e sul comportamento del sonno del neonato, nonché sull’adeguatezza e sicurezza della crescita del bambino. Come riferimento, è stato incluso un gruppo di neonati completamente allattati al seno.

In questo studio sono stati randomizzati un totale di 200 bambini.

Un totale di 152 bambini ha completato lo studio di cui 72 e 80 bambini facevano parte rispettivamente del gruppo sperimentale e di controllo, con un tasso di abbandono del 21%. Il gruppo di riferimento allattato al seno comprendeva 100 bambini di cui 72 hanno completato lo studio.

Le formule di intervento erano comparabili nella composizione nutrizionale; Prodotti isocalorici (66 kcal/100 mL) a base di latte vaccino contenenti quantità simili di proteine (1,2 g/100 mL), lipidi (3,4 g/100 mL), vitamine e minerali, fabbricati secondo buone pratiche di fabbricazione (ISO 22000) e conforme alla Direttiva 2006/141/CE.

La formula sperimentale conteneva la miscela prebiotica specifica scGOS / lcFOS (9: 1) e il 30% della composizione totale era la formula fermentata.

La frazione di formula fermentata è stata ottenuta da un processo di fermentazione unico (Lactofidus TM ) con due ceppi batterici Bifidobacterium breve C50 e Streptococcus thermophilus065 che genera composti bioattivi; uno di questi è la 3′galattosillattosi (3′-GL), un oligosaccaride presente nel latte umano, a un livello di circa 25 mg / 100 ml.

Il latte formulato di controllo non conteneva prebiotici e non è stato applicato alcun processo di fermentazione.

Entrambi i prodotti avevano un gusto, un odore e un aspetto simili e sono stati prodotti da Danone Nutricia Research (Paesi Bassi).

In circa l’85% dei bambini, indipendentemente dall’alimentazione del neonato, almeno un’occasione di un sintomo gastrointestinale è stata segnalata dai genitori o da chi si prende cura di lui da moderata a grave.

Ciò è in linea con il fatto che è noto che i sintomi gastrointestinali compaiono in una percentuale significativa di neonati durante i primi 6-12 mesi.

Come previsto, il rigurgito, definito come vomito senza forza, è stato uno dei sintomi gastrointestinali più comuni riportati dai genitori durante questo studio.

La frequenza mediana del rigurgito giornaliero era bassa; con incidenze mediane di una volta al giorno o meno per i lattanti allattati con latte artificiale (senza differenze statistiche tra i gruppi) e due volte al giorno o meno per i bambini allattati al seno.

I punteggi di frequenza e gravità degli altri sintomi gastrointestinali erano bassi e, per quanto riguarda il rigurgito, la sua incidenza era in linea con i risultati precedentemente riportati per una popolazione di neonati sani.

Nello studio attuale, i risultati della crescita del neonato in entrambi i gruppi di latte artificiale erano vicini a quelli dei bambini allattati al seno del gruppo di riferimento.

Entrambe le formule sono state ben accettate senza differenze nel consumo di formule tra i due gruppi.

Questi risultati sono in linea con studi precedenti che hanno dimostrato che le formule contenenti la specifica miscela prebiotica e/o la formula fermentata sono ben tollerate e supportano un’adeguata crescita del bambino.

Degno di nota, i prodotti di intervento nel presente studio avevano livelli di proteine inferiori (1,2 g / 100 ml) rispetto ai prodotti utilizzati in questi studi precedenti (1,4-1,5 g / 100 ml).

Come indicato da altri in precedenza, questi livelli di proteine possono essere sufficienti a supportare una crescita adeguata del bambino, se confermati da una rigorosa valutazione di sicurezza e idoneità.

Quindi, confermando i risultati precedenti, non ci sono problemi di sicurezza per l’uso di prodotti che combinano la formula fermentata (utilizzando Lactofidus TM processo di fermentazione) e una specifica miscela prebiotica in neonati sani a termine.

La miscela prebiotica scGOS / lcFOS (9:1) presente nella formula sperimentale, ha dimostrato di stimolare la colonizzazione intestinale con bifidobatteri, che si traduce in effetti benefici sulla funzione immunitaria e ha un effetto emolliente delle feci.

D’altra parte le coliche infantili sono associate ad alterazioni del microbiota e infiammazione sistemica di basso grado.

Considerando le proprietà immunomodulatorie precedentemente riportate di entrambi i prebiotici, si ipotizza che la loro combinazione abbia un impatto benefico sul funzionamento intestinale e immunitario e sui sintomi gastrointestinali.

Questo studio ha valutato una formula di latte per neonati parzialmente fermentata contenente la specifica miscela prebiotica scGOS / lcFOS (9:1) in neonati sani a termine.

I suoi risultati dimostrano che la formula è ben tollerata, supporta un’adeguata crescita del bambino ed è sicura per l’uso nei neonati sani a termine.

Rispetto a una formula per neonati di controllo, la formula parzialmente fermentata con prebiotici aveva una consistenza delle feci più vicina a quella osservata nei bambini allattati al seno.

Per concludere, sia gli alimenti per lattanti che non contengono formule fermentate (e i suoi postbiotici affiliati) che i prebiotici sono ben tollerati.

fonte: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6683277/

Precedenti

Successivi

Share This

Share this post with your friends!