NEW

Sport ed attività fisica dei bambini

La fase di crescita è quella in cui gli esseri umani sperimentano la più grande vulnerabilità bio-psico-sociale. Il pediatra ha uno dei compiti principali in medicina: garantire che il bambino raggiunga il suo pieno potenziale di crescita geneticamente determinata....

Covid-19. Una pandemia senza precedenti.

In tutto il mondo, gli epidemiologi stanno costruendo proiezioni a breve e lungo termine per prepararsi e potenzialmente “prevedere” la diffusione e l'impatto della SARS-CoV-2, il virus che causa COVID-19. Sebbene le loro previsioni e tempistiche variano, i modellisti...

Sapori della psicologia

Il bisogno di nutrirsi, invece, eccede l’esigenza primitiva di sazietà e necessita di ingredienti emotivi, relazionali, mentali e comportamentali. Sin dalle prime fasi di vita il cibo evoca sensazioni viscerali, contribuisce a definire l’identità, perché parla della...

Le castagne

Le castagne sono un frutto tipico della stagione autunnale. In generale il frutto del castagno viene consumato cotto nei mesi di ottobre, novembre e dicembre, oppure impiegato per la preparazione di marmellate o dei marron glacé. Le varietà di castagne presenti in...

Covid-19. La lattoferrina è una barriera protettiva?

Lattoferrina. Una barriera protettiva. Recentemente, il mondo ha dovuto affrontare una devastante infezione da coronavirus pandemica globale, con oltre 45 milioni di infetti in tutto il mondo e oltre 1,18 milioni di decessi al 30 ottobre 2020, correlata a un nuovo...

Sport ed attività fisica dei bambini

La crescita, intesa come aumento delle dimensioni corporee, e misurata come incremento di peso e altezza, è uno dei principali indicatori di salute nell'infanzia e nell'adolescenza.

La fase di crescita è quella in cui gli esseri umani sperimentano la più grande vulnerabilità bio-psico-sociale.

Il pediatra ha uno dei compiti principali in medicina: garantire che il bambino raggiunga il suo pieno potenziale di crescita geneticamente determinata.

Diverse condizioni influenzano direttamente o indirettamente la crescita del bambino, come fattori genetici, ambientali, nutrizionali, metabolici, ormonali e psicoattivi, condizioni morbose e livello di attività fisica.

Nel 2019, abbiamo stimato una differenza di 20 cm o più in altezza media di adolescenti di 19 anni tra i paesi con la popolazione più alta (Paesi Bassi, Montenegro, Estonia e Bosnia ed Erzegovina per i ragazzi; e Paesi Bassi, Montenegro, Danimarca e Islanda per le ragazze) e quelle con la popolazione più bassa (Timor-Leste, Laos, Isole Salomone e Papua Nuova Guinea per i ragazzi; e Guatemala, Bangladesh, Nepal e Timor-Leste per le ragazze).

L’attività fisica è definita come qualsiasi attività del corpo con il coinvolgimento del muscolo scheletrico che si traduce in un dispendio energetico.

Durante l’attività fisica, di solito si osservano aumento della frequenza cardiaca e sudorazione.

L’esercizio fisico è considerato come un tipo di attività fisica strutturata, organizzata e pianificata in precedenza, con pratica ripetitiva e finalizzata al miglioramento o al mantenimento del condizionamento fisico.

L’attività fisica porta numerosi vantaggi al corpo umano, sia per quanto riguarda la prevenzione delle malattie che per il trattamento e la riabilitazione di diverse patologie.

Quando viene praticato durante l’infanzia, ha anche un altro grande vantaggio, poiché tende a essere mantenuto per tutta la vita.

I principali dubbi sui possibili effetti dannosi dell’esercizio fisico sulla crescita (peso – altezza), si concentrano su quelli praticati con intensità vigorosa, nonché su esercizi ad alto impatto o resistenza.

Per questa revisione, è stata effettuata una ricerca nei database PubMed / Medline, Embase, Scielo e Cochrane, di studi pubblicati tra gennaio 1990 e ottobre 2018.

A differenza di quanto si pensava fino a poco tempo fa, la scienza ora indica che l’esercizio fisico durante la gravidanza è sicuro e porta benefici sia alla gestante che al bambino.

In particolare, riduce l’edema, la dorso-lombalgia, la stipsi, l’ansia, l’insonnia e il rischio di depressione. Inoltre, migliora l’umore e favorisce un parto eutocico.

L’attuale raccomandazione è quella di esercizi di intensità da lieve a moderata per donne incinte precedentemente sedentarie e di intensità da moderata a vigorosa per donne in gravidanza precedentemente attive fisicamente.

Idealmente, esercizi a basso impatto, come esercizi in acqua e aerobica, dovrebbero essere eseguiti almeno tre volte a settimana.

Diversi studi hanno indicato che questo tipo di attività fisica svolta dalla donna incinta non è associata a un rischio più elevato di deficit di crescita per il neonato.

Una revisione sistematica con meta-analisi di 30 studi clinici ha rilevato che il peso dei neonati di donne in gravidanza che eseguivano esercizi fisici di intensità lieve o moderata non era diverso da quello delle donne fisicamente inattive.

Esercizio fisico passivo per neonati pretermine.

Alcuni studi hanno indicato che l’esercizio fisico passivo o assistito, cioè quello prodotto da una forza esterna, come un’altra persona che flette o estende gli arti del bambino pretermine, apporta benefici alla crescita del bambino.

Un altro studio ha scoperto che sia il massaggio che l’esercizio fisico passivo (flessione ed estensione degli arti), per dieci minuti, tre volte al giorno, comportavano l’aumento di peso dei neonati prematuri.

Una recente revisione Cochrane sistematica ha valutato 11 studi con 324 neonati pretermine con età gestazionale tra i 26 e 34 settimane, sottoposti a interventi di attività fisica che vanno da tre a otto settimane di durata.

La meta-analisi con quattro prove ha rilevato un effetto positivo dell’attività fisica sull’aumento di peso e sulla crescita lineare durante il periodo di studio.

Attività fisica e crescita dei bambini in età prescolare.

Gli studi sugli effetti dell’esercizio fisico sulla crescita dei bambini in età prescolare sono scarsi e non consentono ancora ulteriori conclusioni.

Tuttavia, gli studi disponibili indicano che l’attività fisica nella prima infanzia sembra modellare alcuni tessuti come muscoli, ossa e tessuto adiposo, esercitando un’influenza per tutta la vita.

Scolari.

C’è una convinzione consolidata nella nostra società che i bambini non dovrebbero frequentare le palestre, perché gli esercizi di forza fisica possono compromettere la crescita lineare.

Dei 16 studi con 1008 partecipanti analizzati che avevano misurato la crescita longitudinale, non è stata osservata alcuna differenza nella crescita lineare dei bambini sottoposti ad allenamento per la forza e di quelli che non lo hanno fatto (p = 0,46).

La conclusione degli autori è stata che l’allenamento della forza non influenza negativamente la crescita lineare dei bambini.

È noto che l’esercizio fisico durante l’infanzia favorisce l’aumento del picco di massa ossea, che contribuisce a ridurre il rischio di osteoporosi e fratture per tutta la vita.

Adolescenti e sport

Le convinzioni molto popolari secondo cui alcuni sport possono modificare l’altezza finale dell’individuo, come ad esempio, la pratica del basket aumenta l’altezza e la ginnastica diminuisce, non ha basi scientifiche.

La scelta di questi sport si basa sul biotipo dell’individuo e quindi, le persone alte hanno maggiori probabilità di giocare a basket, mentre quelle di bassa statura hanno maggiori probabilità di praticare e avere successo nella ginnastica.

Gli effetti dell’esercizio fisico durante lo scatto puberale sembrano portare benefici per il resto della vita.

La pratica degli esercizi fisici durante la fase di crescita dell’individuo aumenta l’osso corticale attraverso l’espansione periostale fornendo un osso più durevole per tutta la vita.

Inoltre, in questa fase, subito dopo l’esecuzione degli esercizi di resistenza, si ha un aumento dei livelli circolanti di testosterone e ormone della crescita.

Per quanto riguarda la massa muscolare, non sembrano esserci dubbi sui benefici dell’esercizio fisico in aumento, soprattutto nell’adolescenza.

L’aumento della massa muscolare, che è superiore al 25% del peso del neonato ed è di circa il 40% nella vita adulta, raggiunge la sua massima velocità nella fase puberale e beneficia dell’attività fisica.

La ricerca ha dimostrato che gli esercizi fisici nell’adolescenza favoriscono il tessuto muscolare nei giovani adulti.

Nell’adolescenza la pratica di diversi sport non sembra ostacolare o favorire una crescita lineare. In questa fascia di età, gli studi tendono a indicare una crescita speciale dei tessuti ossei e muscolari.

Conclusioni

Le prove raccolte in questa revisione sembrano indicare che l’esercizio fisico durante la gravidanza è sicuro e non altera la crescita fetale.

L’esercizio fisico passivo sembra contribuire alla crescita dei neonati prematuri.

La pratica degli esercizi fisici da parte di bambini e adolescenti è sicura e sembra determinare la crescita di alcuni tessuti come muscoli, ossa e tessuto adiposo, esercitando la sua influenza per tutta la vita.

https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/30593790/

Precedenti

Share This

Share this post with your friends!