NEW

Covid-19 e i bambini: Esposizione prolungata allo schermo

Covid-19 e i bambini. Il COVID-19 è una grave crisi di salute pubblica e ha cambiato notevolmente le nostre vite. In particolare, la maggior parte dei bambini è colpita poiché il COVID-19 ha impedito loro di accedere all'istruzione in presenza. Covid-19 e i bambini....

Il nichel: onnipresente ma sconosciuto

Il nichel (Ni) appartiene agli elementi ferromagnetici, ed è naturalmente presente nella crosta terrestre solitamente in combinazione con ossigeno e zolfo sotto forma di ossidi e solfuri. In mare ci sono circa otto miliardi di tonnellate di Ni. Grazie alle sue...

Alimentazione ed eros – Parte seconda

I cibi afrodisiaci - Alimentazione ed eros - Parte seconda Alimentazione ed eros: Aglio e cipolla. Considerati eccitanti in tante culture, aglio e cipolla sono proibiti in molte congregazioni monastiche sia in Oriente che in Occidente. Sono i più popolari cibi...

Alimentazione ed eros – Prima parte

Tutto merito della BBC che in un programma aveva attribuito all’aglio crudo delle proprietà simili a quelle dei noti farmaci per il “potenziamento” della funzione sessuale maschile. Alimentazione ed eros. In effetti, da sempre e in ogni parte del mondo, l’uomo ha...

Uso degli antibiotici

Uso degli antibiotici. Si ritiene che il microbiota intestinale sia coinvolto nella patogenesi della malattia celiaca, unitamente alla componente genetica. Il microbiota intestinale è fortemente influenzato dagli antibiotici sistemici, specialmente nelle prime fasi...
vinci-partners

Sindrome da morte improvvisa infantile

I genitori seguono le raccomandazioni?

Sindrome da morte improvvisa infantile. La posizione prona (a pancia in giù) per dormire è il principale fattore di rischio modificabile noto per la sindrome della morte improvvisa del lattante (SIDS).

Alla fine del ventesimo secolo, furono avviate campagne preventive, che raccomandavano ai genitori di far dormire i propri figli in posizione supina (il corpo è sdraiato sulla schiena o a pancia in su, con una significativa riduzione dei tassi di SIDS in tutto il mondo.

Ci sono altre raccomandazioni per la SIDS oltre alla posizione per dormire, anche se con un impatto minore.

È questo uno studio trasversale condotto su 640 famiglie con bambini da 0 a 11 mesi.

Oltre alla posizione del sonno, è stata analizzata l’aderenza ad altre quattro raccomandazioni riguardanti la SIDS:

  • luogo in cui dorme il neonato
  • allattamento al seno
  • uso di suzione non nutritiva e fumo materno

Risultati

Il 41,3% dei bambini di età inferiore a 6 mesi e il 59,7% dei bambini di età compresa tra 6 e 11 mesi ha dormito in una posizione non raccomandata. Solo il 6,4% delle famiglie analizzate ha seguito tutte e cinque le raccomandazioni.

Discussione

Vi è un’elevata, e quindi preoccupante, prevalenza di fattori di rischio modificabili per la SIDS tra la popolazione studiata.

Dovrebbe essere promossa un’educazione personalizzata, insieme ad altre campagne per aumentare la consapevolezza e prevenire la SIDS.

La sindrome della morte infantile improvvisa (SIDS) è definita come la morte improvvisa e inaspettata di un bambino prima dell’età di 1 anno che rimane inspiegabile dopo un’indagine completa del caso, compresa un’indagine sul contesto della morte, i risultati dell’autopsia e una revisione dettagliata della storia medica.

È un problema serio e, nonostante tutte le ricerche condotte negli ultimi anni, continua ad essere imprevedibile.

La sindrome della morte improvvisa del lattante è la principale causa di morte tra 1 mese e 1 anno di età nei paesi sviluppati, rappresentando il 40-50% dei decessi in questa fascia di età, con un picco di incidenza tra 2 e 3 mesi.

Negli Stati Uniti d’America (USA), l’incidenza della SIDS è dello 0,38 per 1000 nati vivi.

Nei paesi confinanti con la Spagna, come Germania, Regno Unito e Irlanda, l’incidenza varia tra lo 0,3 e lo 0,43 ‰.

Giappone, Svezia e Canada sono paesi con una bassa incidenza rispetto a questi paesi europei, poiché oscilla tra lo 0,1 e lo 0,24 ‰.

In Spagna, sulla base dei dati dell’Instituto Nacional de Estadística (Istituto nazionale di statistica, INE), negli ultimi anni si sono verificati circa 50 casi di SIDS all’anno.

Dagli anni ’80, un numero crescente di prove ha stabilito che esistono fattori che aumentano il rischio di SIDS, nonché fattori che potrebbero essere considerati protettivi contro di essa.

La postura durante il sonno è il fattore modificabile più importante, con la posizione supina la posizione più sicura e la posizione prona quella associata al rischio più elevato, mentre la posizione laterale del sonno aumenterebbe il rischio in misura minore.

Altri fattori di rischio possono essere raggruppati in fattori materni (fumo pre e post-natale, convivenza nel periodo post-natale, uso di sostanze incluso alcol, età materna inferiore a 20 anni, complicazioni durante la gravidanza o il parto come anemia, pre-eclampsia / eclampsia, placenta rottura e altri), fattori legati al neonato (parto pre-termine, basso peso alla nascita, gestazione multipla, sesso maschile) e fattori ambientali (dormire su una superficie morbida, presenza di oggetti come animali di peluche o cuscini, biancheria da letto in eccesso, elevata temperatura ambientale).

Oltre a dormire in posizione supina, altri fattori protettivi includono l’allattamento al seno (BF), la suzione non nutritiva con l’uso di un ciuccio durante il sonno, la condivisione della stanza con i genitori e le vaccinazioni.

I rischi e gli effetti protettivi associati al sonno notturno rimangono controversi.

Anche se dormire insieme potrebbe facilitare il mantenimento dell’allattamento al seno, alcuni studi hanno rilevato rischi associati, almeno in circostanze specifiche.

Attualmente, sia l’American Academy of Pediatrics che il Working Group on Sudden Infant Death of the Asociación Española de Pediatría (Spanish Association of Paediatrics, AEP) e il Committee on Breastfeeding of the AEP ritengono che le condizioni di sonno più sicure per un bambino siano il sonno in posizione supina in culla separata dal letto dei genitori ma nella stessa stanza dei genitori.

Questi gruppi sconsigliano anche il co-sonno con bambini di età inferiore a 3 mesi (4 mesi nel caso dell’American Academy of Pediatrics), nati pretermine o con peso alla nascita basso, e anche nel caso in cui i genitori consumino farmaci con effetto sedativo, tabacco o alcol o quando sono molto stanchi.

È inoltre sconsigliato dormire nel divano-letto o condividere il letto con parenti diversi dai genitori.

L’affermazione nella letteratura scientifica dei fattori di rischio e di protezione ha portato alla realizzazione di campagne di prevenzione educativa rivolte a genitori e operatori sanitari con particolare enfasi sulla promozione della posizione supina durante il sonno, a partire dal 1994.

Queste campagne hanno consentito di ridurre l’incidenza della SIDS negli Stati Uniti da 1,3 per 1000 nati vivi nel 1990 a 0,38 per 1000 nati vivi nel 2016, corrispondente alla prevenzione di circa 1500 decessi dovuti a SIDS nel 2016 in questo paese.

Riduzioni simili sono state osservate in altri paesi, con una diminuzione stimata del 30% in Giappone e dell’82% nei Paesi Bassi e in Norvegia.

Negli USA, grazie a queste campagne, la percentuale di neonati che dormono in posizione prona è diminuita dall’85,4% al 30,1% (una diminuzione del 55,3%), e la percentuale di neonati che dormono in posizione supina è aumentata dall’1,9% al 41,7%, con la percentuale di bambini che muoiono di SIDS trovato in posizione prona in diminuzione dal 84% al 48,5% nel primo decennio del 21 ° secolo.

Pertanto, stabilire che la posizione supina fosse la posizione più sicura per i bambini durante il sonno è stata una pietra miliare importante in pediatria, poiché ha dato origine a una raccomandazione semplice ed efficace per prevenire la SIDS.
È insolito che una raccomandazione per la cura dei bambini abbia un tale impatto sulla mortalità infantile.

Conclusioni

Sembra che occorra rilanciare massicce campagne per aumentare la consapevolezza della SIDS e promuoverne la prevenzione, diffondendo le attuali conoscenze sui fattori di rischio e di protezione tra gli operatori sanitari e trasmettendo queste informazioni alle famiglie in modo che possano tenerne conto nelle decisioni che prendono sulle loro pratiche di educazione dei figli.

Queste informazioni dovrebbero essere fornite alle famiglie durante la gravidanza, dopo il parto e nelle visite pediatriche che seguono, con consegna di un messaggio unanime da parte di tutta la comunità sanitaria, compresi i medici e il personale infermieristico.

La riduzione dell’incidenza della SIDS dopo l’implementazione di interventi basati sull’evidenza è un esempio del potenziale del campo dell’epidemiologia nel contribuire alla comprensione e alla prevenzione di un importante problema di salute pubblica.

Fonte: https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S2341287920300223

Precedenti

Successivi

Share This

Share this post with your friends!