NEW

Basso livello di vitamina D3

Questo articolo è una prestampa e non è stato certificato da peer review. Che cos'è una prestampa non revisionata? Prima della pubblicazione formale in una rivista accademica, gli articoli scientifici e medici sono tradizionalmente certificati da "peer review". In...

Disturbi dell’alimentazione (DA): cosa c’è da sapere

Disturbi dell’alimentazione (DA). Queste patologie si manifestano prevalentemente tra i 12 e i 25 anni, ma negli ultimi tempi è emerso un preoccupante aumento delle fasce di età coinvolte: attualmente circa il 20% dei pazienti ha un'età compresa tra gli 8 e i 14 anni....

Considerazioni su bambini e Covid-19

Bambini e Covid-19. Su questo punto i dati sono ormai consolidati e coerenti tra i diversi studi effettuati, in Paesi diversi e da diversi gruppi di ricerca: i bambini si ammalano poco, molto poco; e quando lo fanno, le manifestazioni cliniche sono lievi. Le eccezioni...

Dieta mediterranea e artrosi

Questo perché i risultati di molti studi di base, clinici ed epidemiologici sono arrivati a considerarlo come un fattore protettivo contro lo sviluppo di processi multipli come malattie cardiovascolari, diversi tipi di cancro, malattie neurodegenerative e persino...

ALIMENTAZIONE E PSICHE

È indubbio che esiste un forte tra alimentazione e psiche. La famiglia, oltre a trasmettere i caratteri genetici, influenza inevitabilmente il comportamento alimentare e questo “imprinting” familiare risulta particolarmente importante in età prescolare. Nelle famiglie...

Prevenzione del rischio di istruzione delle vie aeree nel bambino

A cura di Giorgio Pitzalis

ALIMENTI DURI O SECCHI


Carote:

tagliare nel senso della lunghezza e poi in pezzetti più piccoli. Evitare il taglio trasversale (a rondella).

Finocchio crudo, sedano:
eliminare i filamenti e tagliare in piccoli pezzi.


Noci

sminuzzare in piccoli pezzi.

 

 

Da evitare popcorn, caramelle dure, frutta candita.


ALIMENTI SOLIDI E SEMISOLIDI

Prevenzione del rischio di istruzione delle vie aeree nel bambinoGnocchi:
evitare l’abbinamento a formaggi che possono sciogliersi e creare “l’effetto colla”.

Pasta:
scegliere i formati più piccoli


ALIMENTI MOLLI O SCIVOLOSI

Prevenzione del rischio di istruzione delle vie aeree nel bambinoUva:
rimuovere i semi e tagliare gli acini nel senso della lunghezza.

Ciliegia:
rimuovere il nocciolo e tagliare in quattro parti.

Würstel:
Tagliare in quattro parto nel senso della lunghezza e poi in pezzettini più piccoli. Evitare il taglio trasversale (a rondella).

Arachidi e frutta a guscio:
Sminuzzare in piccoli frammenti.

Mozzarella:
Tagliare in piccoli pezzetti; evitare di aggiungerla come ingrediente a piatti caldi (quando fonde può inglobare altri componenti).

Pomodori e olive:
Tagliare in quattro parti (non a metà) ed eventualmente in pezzetti più piccoli.

Kiwi:
Tagliare il frutto nel senso della lunghezza e poi ricavarne pezzetti più piccoli (evitare il taglio a rondella).

Da evitare caramelle gelatinose e confetti.


ALIMENTI APPICCICOSI O COLLOSI

Carne o pezzi di formaggio:
tagliare in piccoli pezzetti

Prosciutto crudo:
rimuovere il grasso, evitare la fetta intera, che deve essere ridotta a piccoli pezzetti.

Burro, formaggi densi:
spalmare sul pane (evitare il cucchiaino).

Mela, pera:
Tagliare in pezzettini piccoli, grattugiare nel primo anno di vita.

Pesca, prugna, susina:
Rimosso il nocciolo tagliare in pezzetti piccoli, frullare o omogenizzare.

Uvetta e frutta secca (fichi, datteri, ecc…):
Tagliare in pezzetti piccoli.

Da evitare caramelle gommose, gomme da masticare, marshmallow

Precedenti

Successivi

Share This

Share this post with your friends!