NEW

Basso livello di vitamina D3

Questo articolo è una prestampa e non è stato certificato da peer review. Che cos'è una prestampa non revisionata? Prima della pubblicazione formale in una rivista accademica, gli articoli scientifici e medici sono tradizionalmente certificati da "peer review". In...

Disturbi dell’alimentazione (DA): cosa c’è da sapere

Disturbi dell’alimentazione (DA). Queste patologie si manifestano prevalentemente tra i 12 e i 25 anni, ma negli ultimi tempi è emerso un preoccupante aumento delle fasce di età coinvolte: attualmente circa il 20% dei pazienti ha un'età compresa tra gli 8 e i 14 anni....

Considerazioni su bambini e Covid-19

Bambini e Covid-19. Su questo punto i dati sono ormai consolidati e coerenti tra i diversi studi effettuati, in Paesi diversi e da diversi gruppi di ricerca: i bambini si ammalano poco, molto poco; e quando lo fanno, le manifestazioni cliniche sono lievi. Le eccezioni...

Dieta mediterranea e artrosi

Questo perché i risultati di molti studi di base, clinici ed epidemiologici sono arrivati a considerarlo come un fattore protettivo contro lo sviluppo di processi multipli come malattie cardiovascolari, diversi tipi di cancro, malattie neurodegenerative e persino...

ALIMENTAZIONE E PSICHE

È indubbio che esiste un forte tra alimentazione e psiche. La famiglia, oltre a trasmettere i caratteri genetici, influenza inevitabilmente il comportamento alimentare e questo “imprinting” familiare risulta particolarmente importante in età prescolare. Nelle famiglie...

Obesità infantile: segni cutanei

L’obesità infantile rappresenta un problema socio-sanitario emergente nei Paesi industrializzati.

Dal punto di vista dermatologico

La condizione di obesità è responsabile di importanti alterazioni generali delle funzioni della cute e dei suoi annessi (funzione barriera, ghiandole sebacee e produzione di sebo, ghiandole sudoripare, vasi linfatici, struttura e funzione del collagene, processi di cicatrizzazione, micro e macrocircolo).

Inoltre l’obesità si associa alla comparsa o all’aggravamento di un ampio spettro di condizioni dermatologiche, alcune delle quali, come l’acanthosis nigricans e le striae distensae.
Queste possono essere considerate spie precoci di importanti alterazioni metaboliche (resistenza periferica all’insulina, sindrome di Cushing).

Una accurata ipsezione cutanea consente l’individuazione dei soggetti a rischio per lo sviluppo di sindrome metabolica o importanti alterazioni endocrinologiche.

Precedenti

Successivi

Share This

Share this post with your friends!