NEW

La tosse psicogena nel bambino

La tosse psicogena, si caratterizza per il timbro metallico e per gli accessi, che si presentano solo quando il bambino è sveglio e che per lo più si evocano in presenza dei genitori, degli insegnanti o di operatori sanitari. Non ha eziologia organica ma si manifesta...

I latti di crescita

Ad esempio, l'eccesso proteico precoce (quota energetica > 14% tra 6 e 24 mesi), conduce ad un aumento della concentrazione dei fattori di crescita (IGF-1). Quindi dell'insulina, con un’ipertrofia ed una iperplasia delle cellule adipose, nonché ad una stimolazione...

Probiotici e Covid-19

Da dicembre 2019, diversi casi di polmonite di eziologia sconosciuta sono stati segnalati a Wuhan, nella provincia di Hubei, in Cina. Il 7 gennaio 2020, un nuovo coronavirus è stato identificato da un campione di tampone della gola di un paziente dal Centro cinese per...

Efficacia del Lactobacillus rhamnosus GG

L'Organizzazione mondiale della sanità e il Fondo internazionale per le emergenze dei bambini delle Nazioni Unite definiscono la diarrea come più di tre feci molli o acquose durante un periodo di 24 ore. Una durata di 14 giorni è il criterio proposto per distinguere...

Covid-19 e mascherine di protezione: quale scegliere?

In Italia è definito dall’UNI, l’Ente nazionale italiano di unificazione. Le norme relative ai dispositivi di protezione per le vie respiratorie sono elaborate a partire dagli standard europei di riferimento (EN) e, a seconda della conformità alle diverse normative,...

Malattie nasali e sinusali

Instillare o nebulizzare. Questo è il problema.

La questione medica delle malattie nasali e sinusali comporta sempre più spesso l’uso di farmaci locali, che offrono la capacità di fornire alte concentrazioni evitando fastidiosi effetti sistemici.

Dato il ruolo cruciale che le terapie topiche giocano in molte condizioni cliniche quali rinosinusite acuta, rinosinusite cronica, rinite allergica e non allergica, notevole interesse nell’efficacia, nella tollerabilità e nella conformità di specifici dispositivi nasali sono diventati evidenti.

La somministrazione topica di farmaci nella cavità nasale è diventata una forma ampiamente prescritta: soluzione isotonica o ipertonica, acido ialuronico, steroidi o decongestionanti.

Diversi dispositivi nasali sono disponibili in commercio come siringhe, spray nasali e nebulizzatori con proprietà specifiche relativamente alla granulometria e alla tecnica di somministrazione.

Il successo del trattamento topico per via nasale dipende da molteplici fattori come metodi di somministrazione, ostruzione delle strutture anatomiche, posizioni della testa e viscosità del farmaco somministrato.

La dimensione delle particelle nebulizzate gioca un ruolo importante nella deposizione delle vie aeree: il diametro delle particelle pari a 1-5 μm è valido per le vie respiratorie inferiori; da 5 a 10 micron di diametro, le particelle vengono depositate principalmente nella trachea e nei bronchi, mentre il diametro maggiore di 10 μm si deposita principalmente nel naso.

Molti studi hanno suggerito che la nebulizzazione nasale è più metodo efficace per somministrare farmaci topici rispetto al nasale spray perché genera particelle piccole e lente che attraversano la cavità nasale coprendo una superficie maggiore di mucosa nasale.

I dispositivi nasali sono descritti come segue:

  1. Irrigazione con una sola dose di flaconcino da 5 ml di soluzione salina.
  2. Irrigazione con siringa: è una comune siringa nasale da 5 ml senza ago. Si aspira la soluzione con la siringa e poi procede alla irrigazione nasale.
  3. Spray nasale: è uno spray nasale comune dotato di dosatore atomizzante a spruzzo.
  4. Dispositivo di atomizzazione della mucosa (MAD) nasale o spray-sol. È un dispositivo medico specificamente progettato per effettuare trattamenti topici delle cavità nasali e sinusali, e consente la somministrazione rapida della soluzione tramite nebulizzazione in particelle di grandezza tra 10 a 20 micron, ideali per la terapia delle vie aeree superiori. Grazie alla sua forma conica, si adatta in modo ergonomico alla narice di adulti e bambini. E’ una nebulizzatore nasale caratterizzata dalla capacità di nebulizzare sostanze ad alta viscosità simili a un aerosol; i tempi di somministrazione molto brevi (10 secondi con 5 ml di prodotto). È portatile e non ha bisogno di elettricità.
  5. Doccia nasale Rinowash è una doccia nasale micronizzata progettata specificamente per somministrare correttamente la terapia endonasale. Questo la doccia nasale è collegata al dispositivo del compressore per aeroso-terapia che consente un trattamento completo delle vie aeree superiori in 2-3 minuti. Richiede l’uso di elettricità.

In conclusione due semplici dispositivi nasali, spray-sol e MAD, si sono dimostrati validi nella terapia gestionale delle ostruzioni delle prime vie nasali, soprattutto nei bambini e potrebbero essere particolarmente utili in corso di:

  • rinosinusite acuta
  • rinosinusite cronica
  • disfunzione olfattiva sinonasale
  • ipertrofia adenoidea e disfunzione della tuba di Eustachio

Precedenti

Successivi

Share This

Share this post with your friends!