NEW

Basso livello di vitamina D3

Questo articolo è una prestampa e non è stato certificato da peer review. Che cos'è una prestampa non revisionata? Prima della pubblicazione formale in una rivista accademica, gli articoli scientifici e medici sono tradizionalmente certificati da "peer review". In...

Disturbi dell’alimentazione (DA): cosa c’è da sapere

Disturbi dell’alimentazione (DA). Queste patologie si manifestano prevalentemente tra i 12 e i 25 anni, ma negli ultimi tempi è emerso un preoccupante aumento delle fasce di età coinvolte: attualmente circa il 20% dei pazienti ha un'età compresa tra gli 8 e i 14 anni....

Considerazioni su bambini e Covid-19

Bambini e Covid-19. Su questo punto i dati sono ormai consolidati e coerenti tra i diversi studi effettuati, in Paesi diversi e da diversi gruppi di ricerca: i bambini si ammalano poco, molto poco; e quando lo fanno, le manifestazioni cliniche sono lievi. Le eccezioni...

Dieta mediterranea e artrosi

Questo perché i risultati di molti studi di base, clinici ed epidemiologici sono arrivati a considerarlo come un fattore protettivo contro lo sviluppo di processi multipli come malattie cardiovascolari, diversi tipi di cancro, malattie neurodegenerative e persino...

ALIMENTAZIONE E PSICHE

È indubbio che esiste un forte tra alimentazione e psiche. La famiglia, oltre a trasmettere i caratteri genetici, influenza inevitabilmente il comportamento alimentare e questo “imprinting” familiare risulta particolarmente importante in età prescolare. Nelle famiglie...

La tosse psicogena nel bambino

La tosse psicogena è una tosse cronica, tipicamente secca.

La tosse psicogena, si caratterizza per il timbro metallico e per gli accessi, che si presentano solo quando il bambino è sveglio e che per lo più si evocano in presenza dei genitori, degli insegnanti o di operatori sanitari.

Non ha eziologia organica ma si manifesta spesso dopo un banale episodio infettivo delle alte vie respiratorie.

Si presenta prevalentemente in età scolare o pre-adolescenziale (6-14 anni), per lo più in occasione di situazioni stressanti (paura della scuola e/o l’elevata conflittualità fra i genitori).

Il bambino non si cura della tosse. Ha invece bisogno di attenzioni.

I genitori sono molto coinvolti e controllanti; spesso c’è elevata conflittualità in famiglia; nella storia familiare si possono ritrovare un membro con tosse cronica; frequentemente il bambino con tosse psicogena è il più piccolo dei fratelli.

La tosse psicogena è caratteristica.

È sempre uguale a se stessa e nello stesso bambino; si può riconoscere addirittura prima di vedere il bambino, con un timbro abbaiante o metallico (barking, honking), di gola (come se il bambino “raschiasse la gola”), non schiarisce la voce, non c’è espettorazione, si accentua nei momenti di tensione e si riduce quando il bambino è distratto e, tipicamente, scompare con l’addormentamento.

Per la diagnosi differenziale è importante escludere la tosse cronica presente come uno dei sintomi associati ad altri disturbi comportamentali (sindrome di Tourette, tic, tic cronici motori o tic cronici vocali).

Le probabilità di guarigione di un bambino con tosse psicogena sono eccellenti: una rapida remissione del sintomo è già possibile con un intervento informativo/educativo rivolto sia al paziente perché acquisisca una capacità di controllo della tosse – sia ai genitori, affinchè si rassicurino.

(da “La tosse cronica in età pediatrica” DOCUMENTO INTERSOCIETARIO (SIAIP- SIMRI-SIPO-SIPPS. 2015)

Precedenti

Successivi

Share This

Share this post with your friends!