NEW

Uova e colesterolo

Le malattie cardiovascolari (CVD) contribuiscono a oltre 17 milioni di decessi all'anno a livello globale, che rappresentano quasi la metà di tutti i decessi per malattie non trasmissibili. Le malattie cardiovascolari sono principalmente causate dall'aterosclerosi....

Il coronavirus e i bambini

Nel dicembre 2019, un gruppo di casi di polmonite, che in seguito furono dimostrati essere causati da un nuovo coronavirus (chiamato "2019-nCoV"), è emerso nella città di Wuhan, nella provincia di Hubei, in Cina. Al 30 gennaio 2020, 9692 casi confermati e 15.238 casi...

Dieta senza glutine

La celiachia è un’intolleranza permanente al glutine. Quindi la dieta senza glutine serve per eliminare le sostanze proteiche presenti nei cereali come il grano, l’orzo, la segale e il farro. Continua ad aumentare, seppur gradualmente, il numero di persone cui viene...

Le diete vegetariane

Le diete vegetariane sono in forte espansione e, sebbene queste diete siano state collegate ad alcuni benefici per la salute, la bassa biodisponibilità di alcuni micronutrienti negli alimenti vegetali può comportare il rischio di carenze nutrizionali, il che rende...

15-17 anni. Non lasciamoli soli.

Finalità del progetto adolescenti di Giustopeso Italia #nonlasciamolisoli Attivare una rete integrata di professionisti specializzati nella prevenzione e nel trattamento del disagio e dei comportamenti a rischio negli adolescenti ansia depressione dipendenze disturbi...

La terapia della colica infantile: quale probiotico funziona?

La colica infantile o l’eccessivo pianto da causa sconosciuta è una condizione gravosa che colpisce circa 1 neonato su 5 di età inferiore a 3 mesi.

È più comunemente definito dai criteri Wessel rappresentati da pianto e/o agitazione per più di 3 ore al giorno per più di 3 giorni alla settimana.

Anche se si ritiene essere una condizione di transitoria, sembrano emergere evidenze circa i suoi effetti negativi a lungo termine sul comportamento del bambino, il sonno.

Nonostante anni di ricerca, la sua eziologia rimane sconosciuta e le opzioni di gestione della colica infantile, sono limitate.

Nell’ultimo decennio, numerosi studi hanno dimostrato differenze nel microbiota intestinale tra i bambini con e senza coliche.

Il ruolo dei probiotici nella colica è emerso alla ribalta, con studi randomizzati controllati che indicano che Lactobacillus reuteri DSM17938 ha mostrato risultati promettenti nella gestione della colica. Tuttavia, i risultati sono stati contrastanti.

Tre studi su neonati allattati al seno con colica hanno dimostrato l’efficacia del probiotico.

Al contrario, 1 studio su neonati allattati al seno e in formula con colica, il più grande finora, ha concluso che era inefficace anche per coloro che erano allattati al seno.

Diverse meta-analisi recenti hanno indicato che Lactobacillus reuteri DSM17938 può essere efficace nei neonati allattati al seno con coliche.

L’effetto positivo è stato visto in modo più drammatico nei neonati allattati al seno e non è stato visto affatto nei bambini allattati con latte artificiale. Per i bambini con colica che sono stati allattati al seno, la riduzione del gruppo probiotico nella durata del pianto e / o dell’agitazione era di 46 minuti al giorno in più rispetto al gruppo placebo.

I neonati allattati al seno e allattati con latte artificiale hanno diverse composizioni di microbiota intestinale, con bifidobatteri che predominano nei neonati allattati al seno, mentre i neonati allattati con latte artificiale hanno un microbiota intestinale più vario.

La composizione unica del latte materno o, eventualmente, gli effetti diretti di microbi o oligosaccaridi nel latte materno possono contribuire a queste differenze. È anche possibile che particolari ingredienti in formula possano annullare gli effetti del probiotico.

Tuttavia, il tipo di alimentazione non ha dimostrato di influenzare l’insorgenza di colica infantile.

È possibile che farmaci come gli inibitori della pompa protonica-PPI, probiotici simultanei o prebiotici possano alterare il microbioma intestinale e quindi influenzare l’ efficacia di L. reuteri.

In conclusione, L reuteri DSM17938 è efficace nei neonati allattati al seno con colica e deve essere considerato in questo sottogruppo di neonati con colica. L’evidenza dell’efficacia del probiotico nei neonati nutriti con latte artificiale è limitata.

Tratto da Lactobacillus reuteri to Treat Infant Colic: A Meta-analysis. Sung V et al. Pediatrics. 2018 Jan;141(1).

Precedenti

Successivi

Share This

Share this post with your friends!