NEW

Basso livello di vitamina D3

Questo articolo è una prestampa e non è stato certificato da peer review. Che cos'è una prestampa non revisionata? Prima della pubblicazione formale in una rivista accademica, gli articoli scientifici e medici sono tradizionalmente certificati da "peer review". In...

Disturbi dell’alimentazione (DA): cosa c’è da sapere

Disturbi dell’alimentazione (DA). Queste patologie si manifestano prevalentemente tra i 12 e i 25 anni, ma negli ultimi tempi è emerso un preoccupante aumento delle fasce di età coinvolte: attualmente circa il 20% dei pazienti ha un'età compresa tra gli 8 e i 14 anni....

Considerazioni su bambini e Covid-19

Bambini e Covid-19. Su questo punto i dati sono ormai consolidati e coerenti tra i diversi studi effettuati, in Paesi diversi e da diversi gruppi di ricerca: i bambini si ammalano poco, molto poco; e quando lo fanno, le manifestazioni cliniche sono lievi. Le eccezioni...

Dieta mediterranea e artrosi

Questo perché i risultati di molti studi di base, clinici ed epidemiologici sono arrivati a considerarlo come un fattore protettivo contro lo sviluppo di processi multipli come malattie cardiovascolari, diversi tipi di cancro, malattie neurodegenerative e persino...

ALIMENTAZIONE E PSICHE

È indubbio che esiste un forte tra alimentazione e psiche. La famiglia, oltre a trasmettere i caratteri genetici, influenza inevitabilmente il comportamento alimentare e questo “imprinting” familiare risulta particolarmente importante in età prescolare. Nelle famiglie...

La melatonina

Cosa è e a cosa serve

I disturbi del sonno sono molto diffusi nei bambini e, senza un adeguato trattamento, possono diventare cronici e durare per molti anni.

La definizione di insonnia è la difficoltà ripetuta di addormentarsi (più di 30 minuti a notte), sonno insufficiente (meno di 8 ore), scarsa qualità del sonno o qualità del sonno nonostante si abbia il tempo e l’opportunità adeguati di dormire.

Tutti questi accadimenti concorrono a compromettere in maniera funzionale sia i pazienti che le loro famiglie.

La carenza di sonno dei bambini può manifestarsi come irritabilità, problemi comportamentali, difficoltà di apprendimento, incidenti automobilistici (adolescenti) e scarso rendimento scolastico.

Dopo i 2 mesi di vita il tempo di sonno totale varia da 12-16 ore giornaliere caratterizzati da frequenti sonnellini diurni.

Già a 3-5 anni Il 50% dei bambini di 3 anni non fa un sonnellino durante il giorno.

La causa più frequente di insonnia pediatrica è l’insonnia comportamentale dell’infanzia, che colpisce sia l’addormentarsi che il mantenimento del sonno.

Questo tipo di disturbo è caratterizzato dalla dipendenza di un bambino da stimoli specifici, oggetti o impostazioni per addormentarsi e/o nella sua impossibilità ornare a dormire dopo il risveglio.

Tutto questo è nella stragrande maggioranza dei casi dovuto a errate pratiche di addormentamento del lattante/bambino (in braccio, nel lettone) o nella cattiva abitudine di alimentare il bambino al momento dell’inizio del sonno.

L’insonnia psicofisiologica è caratterizzata da un’aumentata eccitazione e da una studiata prevenzione del sonno.

Altri disturbi del sonno sono dovuti a anomalie del ritmo circadiano come il ritardo del disturbo della fase sonno-veglia, che è particolarmente evidente negli adolescenti ed è caratterizzato dalla tendenza ad andare a letto tardi e difficoltà nel risveglio; questi soggetti hanno difficoltà a rimanere vigili durante la mattinata.

Insonnia e disturbi del sonno possono anche essere causati da malattie gastrointestinali e correlate al dolore, malattie polmonari come l’asma o tosse cronica e patologie delle vie aeree superiori, in particolare l’apnea notturna russare e ostruttiva (OSA) e dermatite atopica (AD).

La melatonina è un ormone che viene sintetizzato enzimaticamente dall’aminoacido triptofano nella ghiandola pineale.

La sua secrezione è regolata dal nucleo sovra-chiasmatico nell’ipotalamo, il sito dell’orologio biologico.

La melatonina viene spesso definita come “l’ormone dell’oscurità” perché la sua sintesi e secrezione è potenziata dall’oscurità e inibita dalla luce.

La melatonina svolge un ruolo chiave nella regolazione del ritmo circadiano (ritmo sonno-veglia) ed è coinvolta in altre funzioni biologiche a causa delle sue proprietà cronobiotiche e antiossidanti, degli effetti anti-infiammatori e dello scavenging dei radicali liberi.

Le concentrazioni di melatonina sono ridotte durante i primi 3 mesi di vita per poi aumentare bruscamente, probabilmente perché la melatonina nel latte umano ha una chiara curva circadiana e contribuisce a consolidare il ritmo sonno-veglia dei bambini fino alla maturazione del loro sistema circadiano maturo.

I livelli endogeni di melatonina notturna sono considerevolmente più bassi negli adulti che nei bambini, probabilmente a causa della loro maggiore dimensione corporea e/o ad una riduzione della secrezione pineale.

Effetti avversi della melatonina

Gli effetti indesiderati più frequentemente riportati associati all’uso di melatonina nei bambini comprendono sonnolenza mattutina, aumento di enuresi, mal di testa, vertigini, diarrea, rash cutanei e ipotermia; un lieve mal di testa transitorio e sintomi gastrointestinali si verificano principalmente durante i primi giorni di trattamento.

Poiché la melatonina può ridurre la pressione arteriosa o i livelli di glucosio nel siero, deve essere prestata particolare attenzione ai pazienti che ricevono un trattamento concomitante con agenti che influenzano queste variabili.

In conclusione

La melatonina può essere sicura ed efficace non solo nel caso di disturbi del sonno primario, ma anche per i disturbi del sonno associati a varie condizioni neurologiche.

Tuttavia, vi è ancora incertezza riguardo ai regimi di dosaggio e alla mancanza di altri dati.

La dose di melatonina deve quindi essere individualizzata sulla base di molteplici fattori, tra cui la gravità e il tipo di problema del sonno e la patologia neurologica associata.

D’altra parte, sebbene le dosi di melatonina siano normalmente basse, alcuni studi hanno suggerito che dosi più elevate di melatonina possono essere utili soprattutto nei pazienti con mutazioni dei recettori della melatonina.

Tratto da
Pediatric sleep disturbances and treatment with melatonin. Esposito S. et al. J Transl Med . 2019; 17: 77.

Precedenti

Successivi

Share This

Share this post with your friends!