NEW

Colazione del mattino? Si, grazie!

Pedagogicamente parlando, la colazione del mattino, è una grande opportunità che si basa su diversi fattori importanti, in primo luogo per dare l'esempio. Un genitore che mangia bene - in altre parole, che evita gli spuntini tra i pasti, chi mette molta frutta e...

Le vitamine come nutrienti

Anche i micro-costituenti della dieta, quali le vitamine, la cui scarsa introduzione fino a qualche decennio fa era causa di deficit o addirittura di vere e proprie sindromi carenziali, hanno risentito favorevolmente del cambiamento delle abitudini alimentari da...

Dieta mediterranea e ipertensione arteriosa.

Uno stile di vita sano è una strategia fondamentale per ridurre l'ipertensione arteriosa e la dieta è l'elemento mutevole con l'effetto più forte sulla pressione arteriosa (BP). È dimostrato che il modello della dieta mediterranea (MedDiet) può migliorare la funzione...

Latte, tra siero e lattosio

Si spiega così perché non siamo ancora completamente adattati dal punto di vista genetico, tanto che si stima che circa il 50% della popolazione italiana sia intollerante al lattosio, lo zucchero principale del latte. Queste persone mostrano una carenza dell’enzima...

Malattie nasali e sinusali

La questione medica delle malattie nasali e sinusali comporta sempre più spesso l'uso di farmaci locali, che offrono la capacità di fornire alte concentrazioni evitando fastidiosi effetti sistemici. Dato il ruolo cruciale che le terapie topiche giocano in molte...
Latte Sano, chi pensa Sano ama il buono della vita.

Il Pediatra: il primo nutrizionista. Da sempre!

Il sovrappeso infantile è associato ad un aumentato rischio di diabete di tipo 2 in età adulta. Abbiamo studiato se la remissione del sovrappeso prima della prima età adulta riduce questo rischio.

Abbiamo condotto uno studio su 62.565 uomini danesi i cui pesi e altezze erano stati misurati a 7 e 13 anni di età e nella prima età adulta (da 17 a 26 anni di età).

Il sovrappeso è stato definito in accordo con i criteri di controllo e prevenzione dei centri per la prevenzione delle malattie. I dati sullo stato del diabete di tipo 2 (a età ≥30 anni, 6710 persone) sono stati ottenuti da un registro sanitario nazionale.

Risultati Il sovrappeso a 7 anni (3373 su 62.565 uomini, 5,4%), 13 anni (3418 su 62.565, 5,5%), o sull’età adulta (5108 su 62.565, 8,2%) è stato positivamente associato al rischio di tipo 2 diabete; le associazioni erano più forti in età avanzata in sovrappeso e in giovane età alla diagnosi di diabete di tipo 2.

Gli uomini che avevano avuto una remissione del sovrappeso prima dei 13 anni rischiavano di avere il diabete di tipo 2 diagnosticato a 30-60 anni simile a quello degli uomini che non erano mai stati in sovrappeso (hazard ratio, 0,96, 95% di fiducia intervallo , da 0,75 a 1,21).

Rispetto agli uomini che non erano mai stati sovrappeso, gli uomini che erano stati sovrappeso a 7 e 13 anni ma non durante la prima età adulta avevano un rischio più elevato di diabete di tipo 2 (hazard ratio, 1,47, IC 95%, 1,10-1,98), ma il loro rischio era inferiore a quello tra gli uomini con persistente sovrappeso (hazard ratio , 4,14, 95% IC, da 3,57 a 4,79).

Un aumento dell’indice di massa corporea tra i 7 anni e la prima età adulta è stato associato ad un aumentato rischio di diabete di tipo 2, anche tra gli uomini il cui peso era normale a 7 anni di età.

Conclusioni Il sovrappeso infantile a 7 anni era associato a un aumento del rischio di diabete di tipo 2 per adulti solo se continuava fino alla pubertà o età successive.


Bjerregaard  LG et al.
Change in Overweight from Childhood to Early Adulthood and Risk of Type 2 Diabetes.
N Engl J Med. 2018 Apr 5;378(14):1302-1312.

Precedenti

Successivi

Share This

Share this post with your friends!