NEW

COVID-19 in Pediatria. A cosa prestare attenzione

Covid-19 in Pediatria La maggior parte dei bambini era asintomatica (13,1%) o presentava una malattia lieve (62,3%), mentre 11 (8,5%) aveva una malattia moderata, 11 (8,5%) aveva una malattia grave e 9 (6,9%) aveva una presentazione critica. La febbre è stata...

Dieta mediterranea: di cosa parliamo.

Ci sono stati molti indici proposto per la valutazione della dieta mediterranea. Gli indici di qualità della dieta sono strumenti mirati nel quantificare la conformità a un modello dietetico definito. Questi indici sono una misura combinata della dieta fattori (gruppi...

La storia della nutrizione – prima parte

Storia della nutrizione La dieta dei nostri precursori era rappresentata da vegetali ed animali. Questo per soddisfare (ancora oggi) il fabbisogno umano in proteine e lipidi di circa 1gr/kg di peso corporeo ciascuno e di circa 100 gr di glucidi al giorno. Pochi...

Covid-19: Il rientro a scuola

A causa dell’emergenza epidemiologica Covid-19 ha vissuto per un lungo periodo una preoccupazione collettiva di enorme portata, è rimasto chiuso in casa e ha dovuto fronteggiare esperienze inedite a livello individuale, interpersonale e sociale. Ciascuno ha vissuto...

Carenza di vitamina D

L'infanzia è un periodo durante il quale maturano i sistemi immunitari innati e adattativi, a partire dalla nascita per questo è importante controllare la carenza di vitamina D. Carenza di vitamina D Nell'infanzia, c'è un alto rischio di infezioni del tratto...

Il microbiota intestinale

Da madre in figlio

Proporzioni più elevate di Lactobacillus e percentuali inferiori di Bacteroides entro tre mesi dalla nascita predice un rischio più elevato di sovrappeso nell’infanzia.

Inoltre, una abbondanza di Bifidobacterium spp. all’inizio della vita sembra essere associato con un minor rischio di diventare sovrappeso, mentre l’abbondanza di Bacteroides fragilis aumenta la probabilità di sviluppo dell’obesità.

In aggiunta a queste evidenze c’è da dire che uno dei più forti predittori dell’obesità infantile è rappresentata dall’obesità materna.

Un insieme di prove suggerisce che questo potrebbe essere parzialmente spiegato dal trasferimento verticale di microbiota obesogenico da madri obese alla loro progenie.

Il microbiota intestinale

Contribuisce fortemente all’aumento di peso e l’obesità.

C’è un crescente interesse nel targeting o nella manipolazione del microbiota intestinale al fine di prevenire l’obesità o facilitare la perdita di peso.

Riconoscendo l’importanza della colonizzazione dell’intestino, diversi studi stanno testando nuove terapie probiotiche (ad esempio Akkermansia muciniphila e Butirricocco pullicaecorum) negli studi clinici di donne in gravidanza, anche se sono necessarie ulteriori indagini per determinare complessivamente la sicurezza clinica e l’efficacia di questo approccio.

Accanto a questi tentativi per ottimizzare il microbiota intestinale con i probiotici, c’è un forte interesse nella comprensione circa l’impatto degli antibiotici sul microbiota intestinale in via di sviluppo.

da Isolauri E, Sherman PM, Walker WA (eds): Microbioma intestinale: aspetti funzionali in salute e malattia. Nestlé Nutr Inst Workshop Ser, vol. 88, pagg. 67-79, (DOI: 10.1159 / 000455216) Nestec Ltd., Vevey / S. Karger AG., Basel, © 2017

Precedenti

Successivi

Share This

Share this post with your friends!