NEW

Uova e colesterolo

Le malattie cardiovascolari (CVD) contribuiscono a oltre 17 milioni di decessi all'anno a livello globale, che rappresentano quasi la metà di tutti i decessi per malattie non trasmissibili. Le malattie cardiovascolari sono principalmente causate dall'aterosclerosi....

Il coronavirus e i bambini

Nel dicembre 2019, un gruppo di casi di polmonite, che in seguito furono dimostrati essere causati da un nuovo coronavirus (chiamato "2019-nCoV"), è emerso nella città di Wuhan, nella provincia di Hubei, in Cina. Al 30 gennaio 2020, 9692 casi confermati e 15.238 casi...

Dieta senza glutine

La celiachia è un’intolleranza permanente al glutine. Quindi la dieta senza glutine serve per eliminare le sostanze proteiche presenti nei cereali come il grano, l’orzo, la segale e il farro. Continua ad aumentare, seppur gradualmente, il numero di persone cui viene...

Le diete vegetariane

Le diete vegetariane sono in forte espansione e, sebbene queste diete siano state collegate ad alcuni benefici per la salute, la bassa biodisponibilità di alcuni micronutrienti negli alimenti vegetali può comportare il rischio di carenze nutrizionali, il che rende...

15-17 anni. Non lasciamoli soli.

Finalità del progetto adolescenti di Giustopeso Italia #nonlasciamolisoli Attivare una rete integrata di professionisti specializzati nella prevenzione e nel trattamento del disagio e dei comportamenti a rischio negli adolescenti ansia depressione dipendenze disturbi...

Il microbiota intestinale

Da madre in figlio

Proporzioni più elevate di Lactobacillus e percentuali inferiori di Bacteroides entro tre mesi dalla nascita predice un rischio più elevato di sovrappeso nell’infanzia.

Inoltre, una abbondanza di Bifidobacterium spp. all’inizio della vita sembra essere associato con un minor rischio di diventare sovrappeso, mentre l’abbondanza di Bacteroides fragilis aumenta la probabilità di sviluppo dell’obesità.

In aggiunta a queste evidenze c’è da dire che uno dei più forti predittori dell’obesità infantile è rappresentata dall’obesità materna.

Un insieme di prove suggerisce che questo potrebbe essere parzialmente spiegato dal trasferimento verticale di microbiota obesogenico da madri obese alla loro progenie.

Il microbiota intestinale

Contribuisce fortemente all’aumento di peso e l’obesità.

C’è un crescente interesse nel targeting o nella manipolazione del microbiota intestinale al fine di prevenire l’obesità o facilitare la perdita di peso.

Riconoscendo l’importanza della colonizzazione dell’intestino, diversi studi stanno testando nuove terapie probiotiche (ad esempio Akkermansia muciniphila e Butirricocco pullicaecorum) negli studi clinici di donne in gravidanza, anche se sono necessarie ulteriori indagini per determinare complessivamente la sicurezza clinica e l’efficacia di questo approccio.

Accanto a questi tentativi per ottimizzare il microbiota intestinale con i probiotici, c’è un forte interesse nella comprensione circa l’impatto degli antibiotici sul microbiota intestinale in via di sviluppo.

da Isolauri E, Sherman PM, Walker WA (eds): Microbioma intestinale: aspetti funzionali in salute e malattia. Nestlé Nutr Inst Workshop Ser, vol. 88, pagg. 67-79, (DOI: 10.1159 / 000455216) Nestec Ltd., Vevey / S. Karger AG., Basel, © 2017

Precedenti

Successivi

Share This

Share this post with your friends!