NEW

La dieta mediterranea e ADHD in bambini e adolescenti.

Sebbene il disturbo da deficit di attenzione/iperattività (ADHD) sia stato correlato a carenze di nutrienti e diete "malsane", abbiamo ipotizzato che una scarsa aderenza ad una dieta mediterranea sarebbe positivamente associata ad un aumento della diagnosi di ADHD....

Disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD)

Cosa è noto su questo argomento dedicato al disturbo da deficit di attenzione e iperattività: I modelli dietetici non salutari (di solito ricchi di grassi saturi, zuccheri raffinati e alimenti trasformati e poveri di frutta e verdura) sono spesso associati a disturbo...

Al mattino, fai sempre colazione: ti conviene!

Si presume che conferisca una serie di benefici per la qualità della dieta, la salute e le prestazioni cognitive e accademiche. Quindi, fai sempre colazione! Bambini e adolescenti che consumano abitualmente la colazione hanno maggiori probabilità di avere una migliore...

La terapia della colica infantile: quale probiotico funziona?

La colica infantile o l'eccessivo pianto da causa sconosciuta è una condizione gravosa che colpisce circa 1 neonato su 5 di età inferiore a 3 mesi. È più comunemente definito dai criteri Wessel rappresentati da pianto e/o agitazione per più di 3 ore al giorno per più...

Sport e salute: attenzione al rene

Ma attenzione, a proposito di sport e salute: tra il 6 e il 10% dei clienti di una palestra usano droghe e ormoni per aumentare le prestazioni, altro che Sport e salute. In popolazioni selezionate, come sollevatori di pesi e culturisti, l'abuso di queste sostanze è...
Latte Sano, chi pensa Sano ama il buono della vita.

Il microbiota intestinale

Da madre in figlio

Proporzioni più elevate di Lactobacillus e percentuali inferiori di Bacteroides entro tre mesi dalla nascita predice un rischio più elevato di sovrappeso nell’infanzia.

Inoltre, una abbondanza di Bifidobacterium spp. all’inizio della vita sembra essere associato con un minor rischio di diventare sovrappeso, mentre l’abbondanza di Bacteroides fragilis aumenta la probabilità di sviluppo dell’obesità.

In aggiunta a queste evidenze c’è da dire che uno dei più forti predittori dell’obesità infantile è rappresentata dall’obesità materna.

Un insieme di prove suggerisce che questo potrebbe essere parzialmente spiegato dal trasferimento verticale di microbiota obesogenico da madri obese alla loro progenie.

Il microbiota intestinale

Contribuisce fortemente all’aumento di peso e l’obesità.

C’è un crescente interesse nel targeting o nella manipolazione del microbiota intestinale al fine di prevenire l’obesità o facilitare la perdita di peso.

Riconoscendo l’importanza della colonizzazione dell’intestino, diversi studi stanno testando nuove terapie probiotiche (ad esempio Akkermansia muciniphila e Butirricocco pullicaecorum) negli studi clinici di donne in gravidanza, anche se sono necessarie ulteriori indagini per determinare complessivamente la sicurezza clinica e l’efficacia di questo approccio.

Accanto a questi tentativi per ottimizzare il microbiota intestinale con i probiotici, c’è un forte interesse nella comprensione circa l’impatto degli antibiotici sul microbiota intestinale in via di sviluppo.

da Isolauri E, Sherman PM, Walker WA (eds): Microbioma intestinale: aspetti funzionali in salute e malattia. Nestlé Nutr Inst Workshop Ser, vol. 88, pagg. 67-79, (DOI: 10.1159 / 000455216) Nestec Ltd., Vevey / S. Karger AG., Basel, © 2017

Precedenti

Successivi

Share This

Share this post with your friends!