NEW

Autosvezzamento

Il divezzamento, anche detto (meno correttamente) svezzamento, descrive il periodo di tempo in cui una progressiva riduzione dell'allattamento al seno o dell'alimentazione con il latte formulato, lascia il posto ad una graduale introduzione di alimenti complementari...

Noci e malattie cardiovascolari (CHD).

(Ros E Br J Nutr. 2015 aprile; 113 Suppl 2: S111-20) In virtù della loro composizione unica, è probabile che le noci influiscano positivamente sulla salute cardiovascolare. Studi epidemiologici hanno associato il consumo di noci con una ridotta incidenza di CHD in...

Gamberi e uova sono dannosi per il colesterolo?

In particolare, negli Stati Uniti, circa uno su quattro decessi si verificano a causa di malattie cardiache. La causa principale del CVD è l'aterosclerosi, che è una condizione infiammatoria cronica legata dalla deposizione di colesterolo e dei tessuti fibrosi nelle...

L’importanza di giustopeso.it

Obiettivo. Esaminare l'impatto dell'influenza dei social media sul marketing degli alimenti (sani e malsani) sull'assunzione di cibo da parte dei bambini. Per questo sono stati esaminati 176 bambini (9-11 anni, media 10,5 ± 0,7 anni), assegnati in modo casuale a...

Il calcio nella dieta

E mangiare in maniera equilibrata significa soprattutto "ruotare" i cibi presenti nel mondo animale ed in quello vegetale. Anche per quanto riguarda i minerali è indispensabile variare giornalmente le pietanze. Il calcio è il minerale più abbondante dell'organismo, è...
Latte Sano, chi pensa Sano ama il buono della vita.

Il latte vaccino è dannoso per la salute di un bambino?

(Carlo Agostoni, Dominique Turck Journal of Pediatric Gastroenterology and Nutrition. 53(6):594–600, DEC 2011)

Di recente sono emerse discussioni e dibattiti sui potenziali effetti positivi e negativi del latte vaccino nella comunità pediatrica, anche sotto la pressione dell’opinione pubblica.

Gli effetti negativi del consumo di latte vaccino sembrano essere limitati allo stato di ferro fino a 9-12 mesi; quindi non si osservano effetti negativi, a condizione che il latte vaccino, fino ad un massimo di assunzione giornaliera di 500 ml, sia adeguatamente integrato con alimenti arricchiti di ferro.

L’intolleranza al lattosio può essere facilmente gestita e possono essere consumati fino a 250 ml / giorno di latte.

L’allergia alle proteine ​​del latte vaccino è solitamente transitoria.

I bambini atopici possono essere indipendentemente a rischio di una scarsa crescita e il contributo dei nutrienti da latte alla loro dieta dovrebbe essere preso in considerazione.

La connessione del latte vaccino ai disturbi dello spettro autistico è carente, e anche una relazione causa-effetto con il diabete mellito di tipo 1 non è stata stabilita perché molti fattori possono essere coinvolti.

Sebbene sia vero che il latte di mucca stimola il fattore di crescita 1 insulino-simile e può influenzare la crescita lineare, non è stata stabilita un’associazione con malattie degenerative croniche non trasmissibili.

Infine, il latte ridotto in grassi (parzialmente scremato), se necessario, dovrebbe essere preso in considerazione dopo 24-36 mesi. Il latte vaccino rappresenta una fonte importante di proteine ​​di alta qualità nutrizionale e di calcio.

Inoltre, ha effetti di promozione della crescita indipendenti da composti specifici.

La sua composizione proteica e grassa, insieme al contenuto di micronutrienti, suggerisce un alimento funzionale, i cui effetti positivi sono enfatizzati dal consumo regolare, in particolare in condizioni di diete povere in alcuni nutrienti limitanti; comunque nei paesi industrializzati l’apporto giornaliero ottimale di latte vaccino dovrebbe essere circa 500 ml, adeguatamente integrato con altri nutrienti pertinenti.

Precedenti

Successivi

Share This

Share this post with your friends!