NEW

Uova e colesterolo

Le malattie cardiovascolari (CVD) contribuiscono a oltre 17 milioni di decessi all'anno a livello globale, che rappresentano quasi la metà di tutti i decessi per malattie non trasmissibili. Le malattie cardiovascolari sono principalmente causate dall'aterosclerosi....

Il coronavirus e i bambini

Nel dicembre 2019, un gruppo di casi di polmonite, che in seguito furono dimostrati essere causati da un nuovo coronavirus (chiamato "2019-nCoV"), è emerso nella città di Wuhan, nella provincia di Hubei, in Cina. Al 30 gennaio 2020, 9692 casi confermati e 15.238 casi...

Dieta senza glutine

La celiachia è un’intolleranza permanente al glutine. Quindi la dieta senza glutine serve per eliminare le sostanze proteiche presenti nei cereali come il grano, l’orzo, la segale e il farro. Continua ad aumentare, seppur gradualmente, il numero di persone cui viene...

Le diete vegetariane

Le diete vegetariane sono in forte espansione e, sebbene queste diete siano state collegate ad alcuni benefici per la salute, la bassa biodisponibilità di alcuni micronutrienti negli alimenti vegetali può comportare il rischio di carenze nutrizionali, il che rende...

15-17 anni. Non lasciamoli soli.

Finalità del progetto adolescenti di Giustopeso Italia #nonlasciamolisoli Attivare una rete integrata di professionisti specializzati nella prevenzione e nel trattamento del disagio e dei comportamenti a rischio negli adolescenti ansia depressione dipendenze disturbi...

Il coronavirus e i bambini

Diagnosi, trattamento e prevenzione di una nuova infezione da coronavirus nei bambini: dichiarazione di consenso degli esperti.

Nel dicembre 2019, un gruppo di casi di polmonite, che in seguito furono dimostrati essere causati da un nuovo coronavirus (chiamato “2019-nCoV”), è emerso nella città di Wuhan, nella provincia di Hubei, in Cina.

Al 30 gennaio 2020, 9692 casi confermati e 15.238 casi sospetti sono stati segnalati in circa 31 province e città della Cina.

Tra i casi confermati, 1527 erano casi gravi, 171 erano guariti ed erano stati dimessi a casa e 213 morirono. 28 casi confermati di età compresa tra 1 mese e 17 anni erano stati segnalati in Cina.

Coronavirus (CoV) appartiene alla famiglia Coronaviridae, ordine di Nidovirales.

I CoV sono divisi in quattro generi: α-, β-, γ- e δ-coronavirus. I coronavirus α e β infettano solo i mammiferi, mentre i coronavirus γ e δ infettano principalmente gli uccelli, con pochi mammiferi infettivi.

Il 2019-nCoV appartiene al genere β-coronavirus.

Gli studi attuali hanno rivelato che 2019-nCoV potrebbe provenire da animali selvatici, ma l’origine esatta rimane poco chiara.

I pazienti con infezione 2019-nCoV sono le principali fonti di infezione.

Tuttavia, dovremmo anche attribuire importanza ai casi asintomatici che possono svolgere un ruolo critico nel processo di trasmissione.

Le goccioline respiratorie e il contatto sono le principali vie di trasmissione.

Lo stretto contatto con casi sintomatici e casi asintomatici con infezione silente sono le principali vie di trasmissione dell’infezione 2019-nCoV nei bambini.

Le persone di tutte le età sono sensibili al 2019-nCoV. Gli anziani e quelli con patologie croniche sottostanti hanno maggiori probabilità di diventare casi gravi.

Finora, tutti i casi pediatrici con infezione 2019-nCoV confermata in laboratorio erano casi lievi e non erano stati riportati decessi.

Sulla base dei dati epidemiologici attuali, il periodo di incubazione delle infezioni 2019-nCoV varia da 1 a 14 giorni, per lo più da 3 a 7 giorni.

Il coronavirus e i bambini

I dati attualmente riportati sui casi pediatrici hanno rivelato che l’età dell’insorgenza della malattia variava da 1,5 mesi a 17 anni, la maggior parte dei quali aveva uno stretto contatto con casi infetti o erano casi di gruppi familiari.

I bambini infetti possono apparire asintomatici o presentare febbre, tosse secca e affaticamento, e pochi hanno sintomi respiratori superiori tra cui congestione nasale e naso che cola; alcuni pazienti presentavano sintomi gastrointestinali tra cui disagio addominale, nausea, vomito, dolore addominale e diarrea.

La maggior parte dei bambini infetti ha lievi manifestazioni cliniche.

Non hanno febbre o sintomi di polmonite con una buona prognosi. La maggior parte di loro guarisce entro 1-2 settimane dall’esordio della malattia.

Nessun neonato partorito da madri infette da 2019-nCoV è stato rilevato positivo; e non sono stati ancora segnalati casi di neonati.

I dati degli adulti rivelano che i casi gravi spesso sviluppano dispnea una settimana dopo l’insorgenza della malattia.

Casi gravi possono rapidamente evolvere in sindrome da distress respiratorio acuto (ARDS), shock settico, acidosi metabolica refrattaria e disfunzione della coagulazione. Sebbene finora non siano stati segnalati decessi nei bambini, il potenziale rischio di morte dovrebbe essere evidenziato.

Manifestazioni cliniche

  • Febbre
  • affaticamento
  • tosse secca
  • alcuni pazienti pediatrici possono avere febbre di basso grado o nessuna febbre

Casi sospetti o confermati devono sottoporsi a una radiografia del torace il più presto possibile. La scansione TC toracica è richiesta quando necessario.

Nella fase iniziale della malattia, le immagini del torace mostrano più piccole placche e cambiamenti interstiziali, che sono evidenti nella periferia polmonare, si deteriorano ulteriormente a più opacità bilaterali del vetro smerigliato e / o ombre infiltranti.

Il consolidamento polmonare può verificarsi in casi gravi. Il versamento pleurico è raramente riscontrato.

Nella fase iniziale della malattia, la conta dei globuli bianchi è normale o ridotta o con una diminuzione della conta dei linfociti.

In caso di polmonite è possibile evidenziare l’aumento della frequenza respiratoria, a seconda della gravità:

  1. ≥ 50-70 volte / min (<1 anno),
  2. ≥ 40-50 volte / min (≥ 1 anno)
  3. frequenza respiratoria> 50 volte / min per 2-12 mesi;
  4. > 40 volte / min per 1–5 anni;
  5. > 30 volte / min nei pazienti di età superiore ai 5 anni
  • saturazione di ossigeno <92%;
  • ipossia: respirazione assistita, cianosi, apnea intermittente;
  • disturbo della coscienza: sonnolenza, coma o convulsioni;
  • rifiuto alimentare o difficoltà di alimentazione, con segni di disidratazione.

Diagnosi differenziale

Dovrebbe essere fatta una diagnosi differenziale per distinguere da virus influenzale, parainfluenza, adenovirus, virus respiratorio sinciziale, rinovirus, metapneumovirus umano, SARS coronavirus e altre infezioni virali conosciute, nonché micoplasma pneumoniae e polmonite da clamidia e polmonite batterica.

La coinfezione di 2019-nCoV con altri virus e / o batteri dovrebbe essere considerata nella diagnosi.

Ossigenoterapia

Quando appare l’ipossia, l’ossigenoterapia efficace deve essere somministrata immediatamente includendo il catetere nasale, maschera l’ossigeno.

L’ossigenoterapia nasale ad alto flusso e la ventilazione meccanica non invasiva o invasiva devono essere intraprese quando necessario.

Criteri di dimissione

I pazienti confermati possono essere dimessi dall’isolamento o trasferiti ai dipartimenti corrispondenti per il trattamento di altre malattie se sono soddisfatti tutti i seguenti criteri:

  • La temperatura corporea torna alla normalità per più di 3 giorni;
  • I sintomi respiratori migliorano ovviamente;
  • Il rilevamento dell’acido nucleico patogeno respiratorio è negativo per due volte consecutive (l’intervallo di campionamento è di almeno 1 giorno).

Prevenzione

La nuova infezione da coronavirus è una nuova malattia trasmissibile con un focolaio emergente che colpisce tutte le popolazioni.

L’infezione 2019-nCoV è stata classificata come malattia infettiva di categoria B legalmente ma gestita come malattia infettiva di categoria A.

È fondamentale implementare pratiche di controllo delle infezioni mediante il controllo della fonte di infezione, il blocco delle vie di trasmissione e la protezione della popolazione sensibile.

Rafforzare l’immunità

Dieta equilibrata, salute orale, esercizio fisico adeguato, riposo regolare, prevenzione dell’affaticamento eccessivo e aumento dell’immunità sono le misure efficaci per prevenire l’infezione, oltre a mantenere la stabilità emotiva e la salute mentale.

(liberamente tratto da Shen, K., Yang, Y., Wang, T. et al. Diagnosis, treatment, and prevention of 2019 novel coronavirus infection in children: experts’ consensus statement. World J Pediatr (2020). https://doi.org/10.1007/s12519-020-00343-7)

Precedenti

Successivi

Share This

Share this post with your friends!