NEW

Basso livello di vitamina D3

Questo articolo è una prestampa e non è stato certificato da peer review. Che cos'è una prestampa non revisionata? Prima della pubblicazione formale in una rivista accademica, gli articoli scientifici e medici sono tradizionalmente certificati da "peer review". In...

Disturbi dell’alimentazione (DA): cosa c’è da sapere

Disturbi dell’alimentazione (DA). Queste patologie si manifestano prevalentemente tra i 12 e i 25 anni, ma negli ultimi tempi è emerso un preoccupante aumento delle fasce di età coinvolte: attualmente circa il 20% dei pazienti ha un'età compresa tra gli 8 e i 14 anni....

Considerazioni su bambini e Covid-19

Bambini e Covid-19. Su questo punto i dati sono ormai consolidati e coerenti tra i diversi studi effettuati, in Paesi diversi e da diversi gruppi di ricerca: i bambini si ammalano poco, molto poco; e quando lo fanno, le manifestazioni cliniche sono lievi. Le eccezioni...

Dieta mediterranea e artrosi

Questo perché i risultati di molti studi di base, clinici ed epidemiologici sono arrivati a considerarlo come un fattore protettivo contro lo sviluppo di processi multipli come malattie cardiovascolari, diversi tipi di cancro, malattie neurodegenerative e persino...

ALIMENTAZIONE E PSICHE

È indubbio che esiste un forte tra alimentazione e psiche. La famiglia, oltre a trasmettere i caratteri genetici, influenza inevitabilmente il comportamento alimentare e questo “imprinting” familiare risulta particolarmente importante in età prescolare. Nelle famiglie...

Il coronavirus e i bambini

Diagnosi, trattamento e prevenzione di una nuova infezione da coronavirus nei bambini: dichiarazione di consenso degli esperti.

Nel dicembre 2019, un gruppo di casi di polmonite, che in seguito furono dimostrati essere causati da un nuovo coronavirus (chiamato “2019-nCoV”), è emerso nella città di Wuhan, nella provincia di Hubei, in Cina.

Al 30 gennaio 2020, 9692 casi confermati e 15.238 casi sospetti sono stati segnalati in circa 31 province e città della Cina.

Tra i casi confermati, 1527 erano casi gravi, 171 erano guariti ed erano stati dimessi a casa e 213 morirono. 28 casi confermati di età compresa tra 1 mese e 17 anni erano stati segnalati in Cina.

Coronavirus (CoV) appartiene alla famiglia Coronaviridae, ordine di Nidovirales.

I CoV sono divisi in quattro generi: α-, β-, γ- e δ-coronavirus. I coronavirus α e β infettano solo i mammiferi, mentre i coronavirus γ e δ infettano principalmente gli uccelli, con pochi mammiferi infettivi.

Il 2019-nCoV appartiene al genere β-coronavirus.

Gli studi attuali hanno rivelato che 2019-nCoV potrebbe provenire da animali selvatici, ma l’origine esatta rimane poco chiara.

I pazienti con infezione 2019-nCoV sono le principali fonti di infezione.

Tuttavia, dovremmo anche attribuire importanza ai casi asintomatici che possono svolgere un ruolo critico nel processo di trasmissione.

Le goccioline respiratorie e il contatto sono le principali vie di trasmissione.

Lo stretto contatto con casi sintomatici e casi asintomatici con infezione silente sono le principali vie di trasmissione dell’infezione 2019-nCoV nei bambini.

Le persone di tutte le età sono sensibili al 2019-nCoV. Gli anziani e quelli con patologie croniche sottostanti hanno maggiori probabilità di diventare casi gravi.

Finora, tutti i casi pediatrici con infezione 2019-nCoV confermata in laboratorio erano casi lievi e non erano stati riportati decessi.

Sulla base dei dati epidemiologici attuali, il periodo di incubazione delle infezioni 2019-nCoV varia da 1 a 14 giorni, per lo più da 3 a 7 giorni.

Il coronavirus e i bambini

I dati attualmente riportati sui casi pediatrici hanno rivelato che l’età dell’insorgenza della malattia variava da 1,5 mesi a 17 anni, la maggior parte dei quali aveva uno stretto contatto con casi infetti o erano casi di gruppi familiari.

I bambini infetti possono apparire asintomatici o presentare febbre, tosse secca e affaticamento, e pochi hanno sintomi respiratori superiori tra cui congestione nasale e naso che cola; alcuni pazienti presentavano sintomi gastrointestinali tra cui disagio addominale, nausea, vomito, dolore addominale e diarrea.

La maggior parte dei bambini infetti ha lievi manifestazioni cliniche.

Non hanno febbre o sintomi di polmonite con una buona prognosi. La maggior parte di loro guarisce entro 1-2 settimane dall’esordio della malattia.

Nessun neonato partorito da madri infette da 2019-nCoV è stato rilevato positivo; e non sono stati ancora segnalati casi di neonati.

I dati degli adulti rivelano che i casi gravi spesso sviluppano dispnea una settimana dopo l’insorgenza della malattia.

Casi gravi possono rapidamente evolvere in sindrome da distress respiratorio acuto (ARDS), shock settico, acidosi metabolica refrattaria e disfunzione della coagulazione. Sebbene finora non siano stati segnalati decessi nei bambini, il potenziale rischio di morte dovrebbe essere evidenziato.

Manifestazioni cliniche

  • Febbre
  • affaticamento
  • tosse secca
  • alcuni pazienti pediatrici possono avere febbre di basso grado o nessuna febbre

Casi sospetti o confermati devono sottoporsi a una radiografia del torace il più presto possibile. La scansione TC toracica è richiesta quando necessario.

Nella fase iniziale della malattia, le immagini del torace mostrano più piccole placche e cambiamenti interstiziali, che sono evidenti nella periferia polmonare, si deteriorano ulteriormente a più opacità bilaterali del vetro smerigliato e / o ombre infiltranti.

Il consolidamento polmonare può verificarsi in casi gravi. Il versamento pleurico è raramente riscontrato.

Nella fase iniziale della malattia, la conta dei globuli bianchi è normale o ridotta o con una diminuzione della conta dei linfociti.

In caso di polmonite è possibile evidenziare l’aumento della frequenza respiratoria, a seconda della gravità:

  1. ≥ 50-70 volte / min (<1 anno),
  2. ≥ 40-50 volte / min (≥ 1 anno)
  3. frequenza respiratoria> 50 volte / min per 2-12 mesi;
  4. > 40 volte / min per 1–5 anni;
  5. > 30 volte / min nei pazienti di età superiore ai 5 anni
  • saturazione di ossigeno <92%;
  • ipossia: respirazione assistita, cianosi, apnea intermittente;
  • disturbo della coscienza: sonnolenza, coma o convulsioni;
  • rifiuto alimentare o difficoltà di alimentazione, con segni di disidratazione.

Diagnosi differenziale

Dovrebbe essere fatta una diagnosi differenziale per distinguere da virus influenzale, parainfluenza, adenovirus, virus respiratorio sinciziale, rinovirus, metapneumovirus umano, SARS coronavirus e altre infezioni virali conosciute, nonché micoplasma pneumoniae e polmonite da clamidia e polmonite batterica.

La coinfezione di 2019-nCoV con altri virus e / o batteri dovrebbe essere considerata nella diagnosi.

Ossigenoterapia

Quando appare l’ipossia, l’ossigenoterapia efficace deve essere somministrata immediatamente includendo il catetere nasale, maschera l’ossigeno.

L’ossigenoterapia nasale ad alto flusso e la ventilazione meccanica non invasiva o invasiva devono essere intraprese quando necessario.

Criteri di dimissione

I pazienti confermati possono essere dimessi dall’isolamento o trasferiti ai dipartimenti corrispondenti per il trattamento di altre malattie se sono soddisfatti tutti i seguenti criteri:

  • La temperatura corporea torna alla normalità per più di 3 giorni;
  • I sintomi respiratori migliorano ovviamente;
  • Il rilevamento dell’acido nucleico patogeno respiratorio è negativo per due volte consecutive (l’intervallo di campionamento è di almeno 1 giorno).

Prevenzione

La nuova infezione da coronavirus è una nuova malattia trasmissibile con un focolaio emergente che colpisce tutte le popolazioni.

L’infezione 2019-nCoV è stata classificata come malattia infettiva di categoria B legalmente ma gestita come malattia infettiva di categoria A.

È fondamentale implementare pratiche di controllo delle infezioni mediante il controllo della fonte di infezione, il blocco delle vie di trasmissione e la protezione della popolazione sensibile.

Rafforzare l’immunità

Dieta equilibrata, salute orale, esercizio fisico adeguato, riposo regolare, prevenzione dell’affaticamento eccessivo e aumento dell’immunità sono le misure efficaci per prevenire l’infezione, oltre a mantenere la stabilità emotiva e la salute mentale.

(liberamente tratto da Shen, K., Yang, Y., Wang, T. et al. Diagnosis, treatment, and prevention of 2019 novel coronavirus infection in children: experts’ consensus statement. World J Pediatr (2020). https://doi.org/10.1007/s12519-020-00343-7)

Precedenti

Successivi

Share This

Share this post with your friends!