NEW

La melatonina

I disturbi del sonno sono molto diffusi nei bambini e, senza un adeguato trattamento, possono diventare cronici e durare per molti anni. La definizione di insonnia è la difficoltà ripetuta di addormentarsi (più di 30 minuti a notte), sonno insufficiente (meno di 8...

Ginecomastia adolescenziale

Dovrebbe essere differenziato dalla pseudo ginecomastia (seno grasso) che è comunemente visto nei maschi obesi a causa della maggiore deposizione di grasso senza proliferazione ghiandolare. La ginecomastia adolescenziale può causare imbarazzo e disagio emotivo nei...

Gocce di Luteina

In diversi Centri Nascita è invalso l’uso di prescrivere a neonati a termine sani gocce a base di carotenoidi come luteina o il suo stereoisomero zeaxantina per la prevenzione di un supposto danno retinico. La ricerca in letteratura di studi che ne documentino...

L’ adolescenza e la bellezza costruita

È collocabile tra i 12-14 e i 18-20 anni, ed è caratterizzata da una serie di cambiamenti fisici e psicologici che possono rendere i ragazzi più fragili e confusi. È importante considerare che in questa fase di transizione lo sviluppo psicologico-emozionale avviene in...

Test della saliva per lo screening della malattia celiaca

  Nella mucosa dell’intestino tenue sono presenti lesioni caratteristiche: infiammazione e appiattimento dei villi con iperplasia delle cripte di Lieberkün (le strutture in cui gli enterociti, le cellule che rivestono il lume intestinale, vengono prodotte e...
Latte Sano, chi pensa Sano ama il buono della vita.

I genitori hanno abdicato la loro ruolo di educatori

Molti genitori concedono l'uso dello smartphone ai propri figli come 'calmante'. Altri genitori ne permettono il possesso a partire dalla scuola primaria.

Ancor prima di analizzare il problema relativo a “cosa guardano i bambini online” bisognerebbe interrogarsi sul perché i bambini abbiano a disposizione potenti dispositivi come smartphone e tablet già in tenera età.

E in molti casi papà e mamme, ma anche nonni e baby sitter, lasciano che il lattante o il bambino piccolo giochi con il tablet.

Sono tutti comportamenti di cui non si devono sottovalutare le conseguenze: davanti allo schermo i bambini perdono infatti il ‘rispecchiamento emotivo’, che significa guardarsi negli occhi e pensare alla stessa cosa, ovvero uno degli aspetti indispensabili per sviluppare l’empatia, che è essenziale per crescere.

Perché accade tutto questo?

La mia impressione è che ormai i genitori abbiano abdicato al loro ruolo, e non riescono a dare regole precise – ne basterebbero poche, ma condivise da entrambi i genitori – circa la gestione di questi dispositivi.

Il risultato è che i bambini di oggi non hanno più diritto a un’infanzia ‘wifi-free’.

Il nucleo familiare spesso non aiuta:

frequentemente sono infatti i genitori a offrire ai bambini un pessimo esempio, perché sono i primi a essere continuamente collegati, sempre con lo smartphone in mano (e nell’altra, magari, l’amata sigaretta, anche quella elettronica).

Cosa pensate che faranno allora questi figli, una volta grandi? La pubblicità martellante, poi, arreca altri danni e con il passare degli anni la frequentazione dei coetanei fa il resto.

Molto spesso sento dire dai genitori: “Quando sta davanti al computer riesco a non pensarlo”.

Ma i bambini hanno bisogno di essere pensati. Genitori, pensateci».

Precedenti

Successivi

Share This

Share this post with your friends!