NEW

COVID-19 in Pediatria. A cosa prestare attenzione

Covid-19 in Pediatria La maggior parte dei bambini era asintomatica (13,1%) o presentava una malattia lieve (62,3%), mentre 11 (8,5%) aveva una malattia moderata, 11 (8,5%) aveva una malattia grave e 9 (6,9%) aveva una presentazione critica. La febbre è stata...

Dieta mediterranea: di cosa parliamo.

Ci sono stati molti indici proposto per la valutazione della dieta mediterranea. Gli indici di qualità della dieta sono strumenti mirati nel quantificare la conformità a un modello dietetico definito. Questi indici sono una misura combinata della dieta fattori (gruppi...

La storia della nutrizione – prima parte

Storia della nutrizione La dieta dei nostri precursori era rappresentata da vegetali ed animali. Questo per soddisfare (ancora oggi) il fabbisogno umano in proteine e lipidi di circa 1gr/kg di peso corporeo ciascuno e di circa 100 gr di glucidi al giorno. Pochi...

Covid-19: Il rientro a scuola

A causa dell’emergenza epidemiologica Covid-19 ha vissuto per un lungo periodo una preoccupazione collettiva di enorme portata, è rimasto chiuso in casa e ha dovuto fronteggiare esperienze inedite a livello individuale, interpersonale e sociale. Ciascuno ha vissuto...

Carenza di vitamina D

L'infanzia è un periodo durante il quale maturano i sistemi immunitari innati e adattativi, a partire dalla nascita per questo è importante controllare la carenza di vitamina D. Carenza di vitamina D Nell'infanzia, c'è un alto rischio di infezioni del tratto...

I bambini e la pandemia Covid ‐ 19

È improbabile che i bambini siano i principali motori della pandemia COVID ‐ 19 - Una revisione sistematica.

Pandemia Covid – 19. Molti paesi hanno chiuso scuole e asili per ridurre al minimo il COVID ‐ 19, ma il ruolo che i bambini svolgono nella trasmissione delle malattie non è chiaro.

700 articoli e lettere scientifiche e 47 testi completi sono stati studiati in dettaglio.

I bambini hanno rappresentato una piccola parte dei casi COVID ‐ 19 e per lo più hanno avuto contatti sociali con coetanei o genitori, piuttosto che le persone anziane a rischio di malattia grave.

I dati sulle cariche virali erano scarsi, ma indicavano che i bambini potrebbero avere livelli più bassi rispetto agli adulti, in parte perché spesso presentano meno sintomi e questo dovrebbe ridurre il rischio di trasmissione.

Gli studi sulla trasmissione delle famiglie hanno mostrato che raramente i bambini erano il primo caso in una famiglia e la letteratura suggerisce che i bambini con COVID-19 raramente causano focolai.

Tuttavia, è molto probabile che i bambini possano trasmettere il virus SARS‐COV‐2, che causa COVID-19, e anche i bambini asintomatici possono avere cariche virali.

  • I bambini rappresentano una piccola percentuale di casi COVID‐19, ma il loro ruolo nella trasmissione è stato poco chiaro ed è stata condotta una revisione sistematica.
  • I bambini tendono ad avere una malattia più lieve o nessun sintomo e gli studi sulla trasmissione familiare mostrano che raramente sono i casi indice e raramente causano focolai.
  • Anche i bambini asintomatici possono avere cariche virali, ma è improbabile che l’apertura di scuole e asili abbia un impatto sul quadro più ampio della mortalità.

Alla fine del 2019, a Wuhan, in Cina, è stato scoperto un nuovo virus altamente infettivo, la sindrome respiratoria acuta grave coronavirus (SARS‐CoV‐2).

Il virus SARS‐CoV‐2 provoca la malattia di coronavirus 2019 (COVID‐19), che in genere presenta gravi sintomi respiratori acuti.

Tuttavia, sono state riportate anche altre manifestazioni, come sintomi gastrointestinali, e gravi esiti, tra cui ictus, disturbi della coagulazione e possibilmente iperinfiammazione.

L’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha classificato l’epidemia COVID ‐ 19 come una pandemia.

I bambini hanno spesso una malattia più lieve degli adulti e le morti sono estremamente rare, ma i bambini in molti paesi sono stati sottoposti allo stesso confinamento sociale degli adulti.

Le questioni relative alla potenziale trasmissione da parte dei bambini sono diventate rapidamente un problema, poiché i paesi devono sapere quando rimandare i bambini a scuola poiché le restrizioni di blocco vengono allentate.

Si è anche temuto che l’apertura delle scuole comporti un aumento della trasmissione a causa della pandemia COVID – 19.

Molti bambini sono socialmente attivi e quando giocano spesso comportano un contatto fisico.

Ricerche precedenti sulla trasmissione di malattie respiratorie suggeriscono che i bambini delle scuole interagiscono principalmente con individui della stessa età, anziché con le persone anziane.

Più tempo trascorso nelle scuole materne e nelle scuole può pertanto ridurre la loro esposizione agli anziani, come i nonni, che hanno maggiori probabilità di morire per la pandemia COVID – 19.

Questa recensione ha mostrato che i bambini:

  • I bambini costituiscono una piccola parte di individui con COVID ‐ 19 e che la maggior parte aveva contatti sociali con coetanei o genitori, piuttosto che con le persone anziane che rischiano una grave malattia.
  • I dati sulle cariche virali sono scarsi, ma quelli disponibili indicano che i bambini potevano avere livelli inferiori rispetto agli adulti.
  • I bambini tendono ad avere sintomi respiratori più lievi o assenti, e questo probabilmente riduce il rischio di trasmissione virale.
  • Gli studi sulla trasmissione delle famiglie hanno mostrato che raramente i bambini erano il caso indice e i casi studio suggerivano che i bambini con COVID-19 raramente causavano focolai. Nonostante ciò, sembra anche chiaro che i bambini asintomatici possano avere cariche virali. È anche molto probabile che i bambini possano trasmettere la malattia.

Malattie più lievi e cariche virali potenzialmente inferiori nei bambini possono innescare gli adulti infetti, in modo che sviluppino una risposta a COVID-19 e non siano sopraffatti dall’infezione.

In futuro, sarebbe interessante esplorare se gli adulti che hanno ricevuto la malattia da un bambino hanno meno probabilità di progredire in una malattia grave rispetto agli adulti che sono stati infettati da altri adulti.

Ormai è chiaro che i gruppi a rischio sono costituiti principalmente da individui di età superiore ai 70 anni e da adulti con alcuni disturbi di base, tra cui malattie cardiovascolari, obesità e diabete di tipo 2.

È improbabile che l’apertura di scuole e asili aumenti la trasmissione di COVID ‐ 19 alle persone anziane che necessitano di protezione.

Poiché i bambini tendono ad avere forme lievi della malattia, se infettano altri bambini ciò non dovrebbe avere un impatto sul quadro generale della mortalità COVID-19.

Questa recensione ha anche trovato prove del fatto che i bambini interagiscono principalmente con coetanei di età simile o con i genitori.

  • La conclusione di questa revisione sistematica è che è improbabile che i bambini siano i principali motori della pandemia.
  • È improbabile che l’apertura di scuole e asili abbia un impatto sui tassi di mortalità COVID‐19 nelle persone anziane.

https://doi.org/10.1111/apa.15371

Precedenti

Successivi

Share This

Share this post with your friends!