NEW

Dieta mediterranea e morbo di Alzheimer

Dieta mediterranea e morbo di Alzheimer. La malattia di Alzheimer (AD) è la causa più comune di demenza negli adulti, in media l’11% e aumenta con l'età tanto che è tra le prime 10 cause di morte di questa fascia di età; rappresenta una questione importante sia per i...

Io spero di farcela… nelle sale di attesa

Le sale di attesa, infatti, per noi informatori scientifici del farmaco possono diventare davvero pesanti, uno perché può protrarsi davvero a lungo, due perché le persone tendono ad additarti come il “rappresentante” che sta lì solo per fare due chiacchiere con il...

Vuoi bene alla tua pelle? Allora mangia così!

Il rapido aumento delle malattie metaboliche, avvenuto negli ultimi tre decenni sia nei paesi industrializzati che in quelli in via di sviluppo, è stato collegato all'aumento del consumo di zuccheri aggiunti e del consumo di bevande zuccherate. Evitarli, significa...

Latte vaccino

Il recupero post-esercizio è un processo complesso che varia in base alla natura dell'esercizio, al tempo che intercorre tra le sessioni di allenamento ed ai diversi obiettivi dell'operatore. Da un punto di vista nutrizionale, le principali considerazioni sono:...

LA STORIA DELLA PRIMA COLAZIONE

È improbabile che la prima colazione sia esistita prima dello sviluppo dell'allevamento, dell'agricoltura e dell'acquisizione della capacità di conservare il cibo. Prima di allora "il pasto" in generale era il risultato di una caccia fortunata o di fortuiti...
Latte Sano, chi pensa Sano ama il buono della vita.

Gocce di Luteina

Prescritti ai neonati sani: perché?

In diversi Centri Nascita è invalso l’uso di prescrivere a neonati a termine sani gocce a base di carotenoidi come luteina o il suo stereoisomero zeaxantina per la prevenzione di un supposto danno retinico. La ricerca in letteratura di studi che ne documentino l’efficacia non dà risultati.

La luteina è un carotenoide con proprietà antinfiammatorie.

In generale, il consumo prolungato di luteina, attraverso la dieta o l’integrazione, può contribuire a ridurre l’onere di diverse malattie croniche.

Tuttavia, ci sono anche dati contrastanti sull’efficacia della luteina nell’indurre effetti favorevoli sulla salute umana e non ci sono dati univoci riguardanti il dosaggio più appropriato per l’integrazione quotidiana di luteina.

La luteina è naturalmente abbondante e disponibile in frutta, cereali e verdure ed è presente anche nel tuorlo d’uovo, dove la sua biodisponibilità è superiore rispetto a qualsiasi altro alimento.

Poiché l’assunzione di Luteina dipende dal consumo di vegetali, può variare in base alle abitudini alimentari, in un intervallo che è stato stimato da 0,67 mg / giorno a più di 20 mg / giorno.

Negli individui che consumano una dieta di tipo occidentale, l’assunzione giornaliera media di Luteina è stata stimata a 1,7 mg / die mentre nei paesi che consumano una dieta mediterranea ricca di frutta e verdura è stato segnalato che si trova tra 1,07 e 2,9 mg / giorno, con ampia variabilità tra paesi.

In una popolazione coreana, l’assunzione media di Luteina era stimata a circa 3 mg / giorno.

È interessante notare che l’assunzione più alta di Luteina è stata segnalata nei paesi del Pacifico, dove gli individui consumano una dieta estremamente ricca di frutta e verdura, raggiungendo il picco di circa 25 mg / die nelle Isole Fiji.

Il latte materno è la principale fonte di luteina e di zeaxantina, dopo la nascita e fino allo svezzamento, quando inizia gradualmente a ridursi.

Sembra quindi importante che la madre assuma con la dieta quantità adeguate di luteina e zeaxantina, sotto forma di frutta e verdura. Pertanto, nei neonati sani e a termine dei Paesi sviluppati, non ci sono motivi per pensare a danni oculari da stress ossidativo.

In conclusione una dieta con almeno 5 porzioni (pari a 5 pugni) al giorno di frutta e di verdure è prudente ed è probabile che sia sufficiente per fornire una dose ottimale di carotenoidi.

Riflettiamo:
Cosa c’è dietro al boom inarrestabile e miliardario degli integratori alimentari? Con uno stile di vita corretto ed un’alimentazione varia e completa non c’è nessun motivo di usare integratori di cui non abbiamo prove di efficacia, meglio spendere quei soldi in attività fisica e prevenzione.

Tratto da The Effect of Lutein on Eye and Extra-Eye Health Buscemi S. et al. Nutrients.2018 Sep;10(9):1321

Precedenti

Successivi

Share This

Share this post with your friends!