NEW

Prima visita di medicina estetica

La Prima visita di medicina estetica, comprende, dopo un accurata anamnesi ed esame obiettivo finalizzati alla conoscenza dello stato di salute generale ed estetico, una serie di valutazioni morfologiche e funzionali volte ad approfondire lo studio e la cura degli...

Il latte, un abbraccio mattutino.

In Italia, la prima colazione è spesso screditata o saltata e un ridotto o assente consumo di latte o yogurt, costituisce il primo e più diffuso errore alimentare. La prima colazione è davvero fondamentale. Al risveglio è necessaria una buona carica di nutrienti per...

Obesità infantile: in Italia il problema è serio

Riguardo all'obesità infantile, sul banco degli imputati non solo consumo esagerato di zuccheri e grassi e alimentazione sbilanciata, ma anche il poco movimento fisico. In Italia il fenomeno dell'obesità infantile è in crescita, con la percentuale di bambini e...

Il microbiota intestinale

Proporzioni più elevate di Lactobacillus e percentuali inferiori di Bacteroides entro tre mesi dalla nascita predice un rischio più elevato di sovrappeso nell’infanzia. Inoltre, una abbondanza di Bifidobacterium spp. all’inizio della vita sembra essere associato con...

Sindrome da Alimentazione Notturna

La Sindrome da Alimentazione Notturna o night-eating syndrome (NES) è stata descritta per la prima volta da Albert Stunkard come un disturbo caratterizzato da “anoressia mattutina”, con tendenza a saltare la colazione, scarso appetito durante il giorno, aumento della...
Latte Sano, chi pensa Sano ama il buono della vita.

Ginecomastia adolescenziale

La ginecomastia adolescenziale è definita come una proliferazione ghiandolare benigna nel seno maschile.

Dovrebbe essere differenziato dalla pseudo ginecomastia (seno grasso) che è comunemente visto nei maschi obesi a causa della maggiore deposizione di grasso senza proliferazione ghiandolare.

La ginecomastia adolescenziale può causare imbarazzo e disagio emotivo nei maschi.

Può presentarsi già all’età di 10 anni, con un picco di insorgenza tra i 13 ei 14 anni.
La maggior parte dei casi di ginecomastia adolescenziale (ginecomastia fisiologica) non ha cause note.

Sembra essere uno squilibrio locale tra la stimolazione degli estrogeni e l’azione inibitoria degli androgeni sulla proliferazione del tessuto mammario, sebbene la maggior parte degli adolescenti con ginecomastia abbia livelli normali di estrogeni.

Ciò può essere dovuto ad una maggiore sensibilità del tessuto mammario ai normali livelli circolanti di estrogeni anche in presenza di normali concentrazioni circolanti di androgeni.

La prevalenza della ginecomastia sembra essere maggiore negli adolescenti obesi.

In alcuni studi, il BMI (Body Mass Index)  è correlato positivamente sia al diametro del seno sia alla presenza di ginecomastia sia negli adolescenti che negli adulti.

Il tessuto adiposo del seno contiene il complesso enzima aromatasi che converte il testosterone e l’androstenedione in E2 ed E1, rispettivamente.

L’aromatizzazione degli androgeni periferici è aumentata con l’aumento dell’indice di massa corporea. I maschi obesi mostrano un aumento significativo delle concentrazioni plasmatiche di estradiolo e basse concentrazioni di testosterone.

I livelli di testosterone migliorano anche sulla perdita di peso, che è l’intervento di scelta per gli uomini obesi con o senza bassi livelli di testosterone.

La ginecomastia puberale è autolimitata nel 75-90% degli adolescenti e regredisce in 1-3 anni.

L’osservazione e la rassicurazione sono ampiamente considerate come il trattamento più sicuro e più ragionevole nei casi lievi.

Tuttavia, poiché la ginecomastia negli adolescenti si verifica in un momento delicato in cui i ragazzi sono sempre più consapevoli dell’immagine di sé, il ruolo delle terapie farmacologiche o chirurgiche è sempre in discussione.

In generale la lieve ginecomastia regredisce interamente in tutti i pazienti, mentre moderata solo nel 20% dopo una durata di 3 anni mentre la ginecomastia severa di solito persiste e richiede una gestione nel 40% dei casi.

Il dolore è più comune nei pazienti con ginecomastia che è rapidamente progressiva o di recente insorgenza.

La mammografia sembra non necessaria nella maggior parte degli uomini, in particolare nei giovani pazienti di sesso maschile e non deve essere utilizzata come procedura di imaging di routine.

Il trattamento medico della ginecomastia mira a correggere lo squilibrio degli estrogeni e degli androgeni attraverso tre possibili percorsi:

  1. bloccare gli effetti degli estrogeni sul seno (ad esempio, clomifene, tamoxifene, raloxifene);
  2. somministrazione di androgeni (ad es. danazolo);
  3. inibizione della produzione di estrogeni (ad es. anastrozolo, testolattone).

In conclusione, sembra che la terapia farmacologica della ginecomastia adolescenziale persistente sia ragionevole se somministrata precocemente nel corso della malattia e più efficace nei casi di ingrossamento mammario piccolo o moderato.

Nei casi con marcato ingrossamento della pelle in eccesso, mimando il seno femminile, si può prendere in considerazione un intervento chirurgico se non si osserva alcuna regressione dopo un periodo di osservazione di almeno un anno.

La gestione chirurgica della ginecomastia puberale può essere presa in considerazione negli adolescenti maschi non obesi che presentano un ingrandimento persistente del seno dopo un periodo di osservazione di almeno 12 mesi, dolore o tenerezza al seno e / o significativo disagio psicosociale.

Tratto da Management of Adolescent Gynecomastia: An Update. Soliman AT et al. Acta Biomed. 2017 Aug 23;88(2):204-213.

Precedenti

Successivi

Share This

Share this post with your friends!