NEW

Zuccheri. bere solo latte o acqua

Il consumo di zuccheri, delle bevande zuccherate o bevande che contengono addolcitori calorici aggiunti (ad esempio saccarosio, sciroppo di mais ad alto contenuto di fruttosio, concentrati di succo di frutta) nei bambini e negli adolescenti europei, supera le attuali...

Meteorismo intestinale e flatulenza

È esperienza comune che le emozioni possono influenzale l’attività gastrointestinale, provocando sintomi come flatulenza, dolori addominali non importanti e variabili accompagnati da irregolarità dell’intestino. Sono sintomi estremamente comuni e possono corrispondere...

Il rigurgito del lattante

Diagnosi: Presenza in un lattante di età compresa tra 3 settimane e 12 mesi di 2 o più episodi di rigurgito al giorno per 3 o più settimane con assenza di conati di vomito, ematemesi, aspirazione, apnea, arresto di crescita, difficoltà ad ingoiare o a deglutire o...

La melatonina

I disturbi del sonno sono molto diffusi nei bambini e, senza un adeguato trattamento, possono diventare cronici e durare per molti anni. La definizione di insonnia è la difficoltà ripetuta di addormentarsi (più di 30 minuti a notte), sonno insufficiente (meno di 8...

Ginecomastia adolescenziale

Dovrebbe essere differenziato dalla pseudo ginecomastia (seno grasso) che è comunemente visto nei maschi obesi a causa della maggiore deposizione di grasso senza proliferazione ghiandolare. La ginecomastia adolescenziale può causare imbarazzo e disagio emotivo nei...
Latte Sano, chi pensa Sano ama il buono della vita.

Ginecomastia adolescenziale

La ginecomastia adolescenziale è definita come una proliferazione ghiandolare benigna nel seno maschile.

Dovrebbe essere differenziato dalla pseudo ginecomastia (seno grasso) che è comunemente visto nei maschi obesi a causa della maggiore deposizione di grasso senza proliferazione ghiandolare.

La ginecomastia adolescenziale può causare imbarazzo e disagio emotivo nei maschi.

Può presentarsi già all’età di 10 anni, con un picco di insorgenza tra i 13 ei 14 anni.
La maggior parte dei casi di ginecomastia adolescenziale (ginecomastia fisiologica) non ha cause note.

Sembra essere uno squilibrio locale tra la stimolazione degli estrogeni e l’azione inibitoria degli androgeni sulla proliferazione del tessuto mammario, sebbene la maggior parte degli adolescenti con ginecomastia abbia livelli normali di estrogeni.

Ciò può essere dovuto ad una maggiore sensibilità del tessuto mammario ai normali livelli circolanti di estrogeni anche in presenza di normali concentrazioni circolanti di androgeni.

La prevalenza della ginecomastia sembra essere maggiore negli adolescenti obesi.

In alcuni studi, il BMI (Body Mass Index)  è correlato positivamente sia al diametro del seno sia alla presenza di ginecomastia sia negli adolescenti che negli adulti.

Il tessuto adiposo del seno contiene il complesso enzima aromatasi che converte il testosterone e l’androstenedione in E2 ed E1, rispettivamente.

L’aromatizzazione degli androgeni periferici è aumentata con l’aumento dell’indice di massa corporea. I maschi obesi mostrano un aumento significativo delle concentrazioni plasmatiche di estradiolo e basse concentrazioni di testosterone.

I livelli di testosterone migliorano anche sulla perdita di peso, che è l’intervento di scelta per gli uomini obesi con o senza bassi livelli di testosterone.

La ginecomastia puberale è autolimitata nel 75-90% degli adolescenti e regredisce in 1-3 anni.

L’osservazione e la rassicurazione sono ampiamente considerate come il trattamento più sicuro e più ragionevole nei casi lievi.

Tuttavia, poiché la ginecomastia negli adolescenti si verifica in un momento delicato in cui i ragazzi sono sempre più consapevoli dell’immagine di sé, il ruolo delle terapie farmacologiche o chirurgiche è sempre in discussione.

In generale la lieve ginecomastia regredisce interamente in tutti i pazienti, mentre moderata solo nel 20% dopo una durata di 3 anni mentre la ginecomastia severa di solito persiste e richiede una gestione nel 40% dei casi.

Il dolore è più comune nei pazienti con ginecomastia che è rapidamente progressiva o di recente insorgenza.

La mammografia sembra non necessaria nella maggior parte degli uomini, in particolare nei giovani pazienti di sesso maschile e non deve essere utilizzata come procedura di imaging di routine.

Il trattamento medico della ginecomastia mira a correggere lo squilibrio degli estrogeni e degli androgeni attraverso tre possibili percorsi:

  1. bloccare gli effetti degli estrogeni sul seno (ad esempio, clomifene, tamoxifene, raloxifene);
  2. somministrazione di androgeni (ad es. danazolo);
  3. inibizione della produzione di estrogeni (ad es. anastrozolo, testolattone).

In conclusione, sembra che la terapia farmacologica della ginecomastia adolescenziale persistente sia ragionevole se somministrata precocemente nel corso della malattia e più efficace nei casi di ingrossamento mammario piccolo o moderato.

Nei casi con marcato ingrossamento della pelle in eccesso, mimando il seno femminile, si può prendere in considerazione un intervento chirurgico se non si osserva alcuna regressione dopo un periodo di osservazione di almeno un anno.

La gestione chirurgica della ginecomastia puberale può essere presa in considerazione negli adolescenti maschi non obesi che presentano un ingrandimento persistente del seno dopo un periodo di osservazione di almeno 12 mesi, dolore o tenerezza al seno e / o significativo disagio psicosociale.

Tratto da Management of Adolescent Gynecomastia: An Update. Soliman AT et al. Acta Biomed. 2017 Aug 23;88(2):204-213.

Precedenti

Successivi

Share This

Share this post with your friends!