NEW

Basso livello di vitamina D3

Questo articolo è una prestampa e non è stato certificato da peer review. Che cos'è una prestampa non revisionata? Prima della pubblicazione formale in una rivista accademica, gli articoli scientifici e medici sono tradizionalmente certificati da "peer review". In...

Disturbi dell’alimentazione (DA): cosa c’è da sapere

Disturbi dell’alimentazione (DA). Queste patologie si manifestano prevalentemente tra i 12 e i 25 anni, ma negli ultimi tempi è emerso un preoccupante aumento delle fasce di età coinvolte: attualmente circa il 20% dei pazienti ha un'età compresa tra gli 8 e i 14 anni....

Considerazioni su bambini e Covid-19

Bambini e Covid-19. Su questo punto i dati sono ormai consolidati e coerenti tra i diversi studi effettuati, in Paesi diversi e da diversi gruppi di ricerca: i bambini si ammalano poco, molto poco; e quando lo fanno, le manifestazioni cliniche sono lievi. Le eccezioni...

Dieta mediterranea e artrosi

Questo perché i risultati di molti studi di base, clinici ed epidemiologici sono arrivati a considerarlo come un fattore protettivo contro lo sviluppo di processi multipli come malattie cardiovascolari, diversi tipi di cancro, malattie neurodegenerative e persino...

ALIMENTAZIONE E PSICHE

È indubbio che esiste un forte tra alimentazione e psiche. La famiglia, oltre a trasmettere i caratteri genetici, influenza inevitabilmente il comportamento alimentare e questo “imprinting” familiare risulta particolarmente importante in età prescolare. Nelle famiglie...

Divezzamento ed uovo: come fare un uovo sodo?

Dal 10° mese, nell’alimentazione del bambino, è possibile gradualmente introdurre il tuorlo dell’uovo (2 volte/settimana).

Si ma come fare un uovo sodo?

    1. Mettere delicatamente le uova in un pentolino con acqua fredda e un pizzico di sale;
    2. Fare in modo che l’acqua le copra e la pentola sia abbastanza alta da contenerle tutte senza far uscire l’acqua che bolle.
      Il sale contribuisce a rassodare gli albumi velocemente. Inoltre contribuisce a sigillare le piccole crepe che potrebbero formarsi sui gusci in cottura;
    3. Una volta che l’acqua bolle, accendere un timer e impostare un tempo di 8/10 minuti (meglio dieci, ma dipende anche dalla consistenza che si desidera);
    4. Scolare le uova e metterle immediatamente sotto acqua fredda per fermare la cottura;
    5. Schiacciale contro una superficie pulita e piatta e farle rotolare delicatamente con una mano per rompere il guscio
    6. Risciacquare le uova sotto l’acqua fredda corrente man mano che le sgusci per eliminare la membrana e i piccoli frammenti che restano attaccati.

Una curiosità:

Se si hanno dei dubbi sulla freschezza delle uova, basta fare un controllo mettendole in una ciotola di acqua salata.
Se vanno a fondo, sono fresche. Se galleggiano bisogna buttarle.

Se un uovo si rompe in cottura, aggiungi aceto all’acqua.
Questo è un problema abbastanza comune, soprattutto se le uova sono molto fredde.

Se noti che uno si è rotto, aggiungi un cucchiaino di aceto all’acqua di cottura per aiutare le proteine dell’albume a coagularsi in fretta e sigillare l’apertura.

Precedenti

Successivi

Share This

Share this post with your friends!