NEW

La dieta mediterranea e ADHD in bambini e adolescenti.

Sebbene il disturbo da deficit di attenzione/iperattività (ADHD) sia stato correlato a carenze di nutrienti e diete "malsane", abbiamo ipotizzato che una scarsa aderenza ad una dieta mediterranea sarebbe positivamente associata ad un aumento della diagnosi di ADHD....

Disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD)

Cosa è noto su questo argomento dedicato al disturbo da deficit di attenzione e iperattività: I modelli dietetici non salutari (di solito ricchi di grassi saturi, zuccheri raffinati e alimenti trasformati e poveri di frutta e verdura) sono spesso associati a disturbo...

Al mattino, fai sempre colazione: ti conviene!

Si presume che conferisca una serie di benefici per la qualità della dieta, la salute e le prestazioni cognitive e accademiche. Quindi, fai sempre colazione! Bambini e adolescenti che consumano abitualmente la colazione hanno maggiori probabilità di avere una migliore...

La terapia della colica infantile: quale probiotico funziona?

La colica infantile o l'eccessivo pianto da causa sconosciuta è una condizione gravosa che colpisce circa 1 neonato su 5 di età inferiore a 3 mesi. È più comunemente definito dai criteri Wessel rappresentati da pianto e/o agitazione per più di 3 ore al giorno per più...

Sport e salute: attenzione al rene

Ma attenzione, a proposito di sport e salute: tra il 6 e il 10% dei clienti di una palestra usano droghe e ormoni per aumentare le prestazioni, altro che Sport e salute. In popolazioni selezionate, come sollevatori di pesi e culturisti, l'abuso di queste sostanze è...
Latte Sano, chi pensa Sano ama il buono della vita.

Diete di esclusione nei bambini autistici

Ovvero, oltre il danno anche la beffa.

Bambini autistici. Ecco cosa riporta la letteratura medica. Quindi diffidate dai tanti medici, paramedici o peggio: sono tante sirene ammaliatrici.

Gluten- and casein-free diet and autism spectrum disorders in children: a systematic review.
Piwowarczyk, A., Horvath, A., Łukasik, J. et al. Eur J Nutr (2018) 57: 433.

Mancano trattamenti efficaci per i sintomi fondamentali dei disturbi dello spettro autistico (ASD).

Abbiamo sistematicamente aggiornato le prove sull’efficacia di una dieta priva di glutine e caseina (GFCF) come trattamento per l’ASD nei bambini.

I database della Biblioteca Cochrane, MEDLINE ed EMBASE sono stati cercati fino ad agosto 2016, per studi randomizzati controllati (RCT); riferimenti aggiuntivi sono stati ottenuti da articoli recensiti.

Sono stati inclusi sei studi randomizzati (214 partecipanti).

Con poche eccezioni, tra i bambini autistici non ci sono state differenze statisticamente significative nei sintomi fondamentali del disturbo dello spettro autistico tra i gruppi, misurati con scale standardizzate.

Uno studio ha rilevato che rispetto al gruppo di controllo, nel gruppo dietetico GFCF ci sono stati miglioramenti significativi nei punteggi per il sottodominio “comunicazione” del Programma di osservazione diagnostica autistica e per il sottodominio “interazione sociale” della scala di valutazione dell’autismo Gilliam.

Un altro studio ha riscontrato differenze significative tra i gruppi nei punteggi post intervento per i sottodomini “tratti autistici”, “comunicazione” e “contatto sociale” di un sistema danese standardizzato.

Le differenze rimanenti, se presenti, si riferivano a strumenti di valutazione basati sui genitori o ad altre funzionalità relative allo sviluppo / ASD.

Conclusioni.

Nel complesso, ci sono poche prove che una dieta GFCF sia benefica per i sintomi dell’ASD nei bambini.

Gluten-free and casein-free diets in the therapy of autism.
Klaus Lange., Joachim Hauser., Andreas Reissmann. Current Opinion in Clinical Nutrition and Metabolic Care. 18(6):572–575.

Lo scopo di questo studio è discutere il ruolo delle diete prive di glutine e caseine nel trattamento dell’autismo.

In un recente sondaggio condotto nel Regno Unito, oltre l’80% dei genitori di bambini con disturbo dello spettro autistico ha riportato un qualche tipo di intervento dietetico per il proprio bambino (dieta priva di glutine e caseina nel 29%).

Alla domanda sugli effetti della dieta priva di glutine e caseina, il 20-29% dei genitori ha riferito miglioramenti significativi delle dimensioni del nucleo del disturbo dello spettro autistico.

I risultati di questo studio suggeriscono effetti aggiuntivi di una dieta priva di glutine e caseina su problemi di comorbilità di autismo come sintomi gastrointestinali, concentrazione e attenzione.

I risultati di un’altra recente indagine hanno suggerito che l’età e alcuni composti delle urine possono prevedere la risposta dei sintomi dell’autismo a una dieta priva di glutine e caseina.

Sebbene questi risultati debbano essere replicati, evidenziano l’importanza dell’analisi dei sottogruppi di pazienti.

La maggior parte delle indagini che valutano l’efficacia di una dieta priva di glutine e caseina nel trattamento dell’autismo sono gravemente imperfette.

Le prove a sostegno del valore terapeutico di questa dieta sono limitate e deboli.

Una dieta priva di glutine e caseina deve essere somministrata solo se viene diagnosticata un’allergia o un’intolleranza al glutine nutrizionale o alla caseina.

The Gluten-Free/Casein-Free Diet: A Double-Blind Challenge Trial in Children with Autism.
Susan L. Hyman, Patricia A. Stewart, Jennifer Foley, Usa Cain, Robin Peck, Danielle D. Morris, Hongyue Wang, Tristram Smith. Journal of Autism and Developmental Disorders. January 2016, Volume 46, Issue 1, pp 205–220

Per ottenere informazioni sulla sicurezza e l’efficacia della dieta priva di glutine / caseina (GFCF), abbiamo messo 14 bambini con autismo, di età compresa tra 3 e 5 anni, sulla dieta per 4–6 settimane e poi condotto un doppio cieco, studio di verifica controllato con placebo per 12 settimane mentre si continua la dieta, con un follow-up di 12 settimane.

Le sfide dietetiche sono state consegnate tramite spuntini settimanali che contenevano glutine, caseina, glutine e caseina o placebo.

Con la consulenza nutrizionale, la dieta era sicura e ben tollerata.

Tuttavia, le difficoltà dietetiche non hanno avuto effetti statisticamente significativi sulle misure di funzionamento fisiologico, problemi comportamentali o sintomi di autismo.

Sebbene questi risultati debbano essere interpretati con cautela a causa delle dimensioni ridotte del campione, lo studio non fornisce prove a supporto dell’uso generale della dieta GFCF.

Precedenti

Successivi

Share This

Share this post with your friends!