NEW

Basso livello di vitamina D3

Questo articolo è una prestampa e non è stato certificato da peer review. Che cos'è una prestampa non revisionata? Prima della pubblicazione formale in una rivista accademica, gli articoli scientifici e medici sono tradizionalmente certificati da "peer review". In...

Disturbi dell’alimentazione (DA): cosa c’è da sapere

Disturbi dell’alimentazione (DA). Queste patologie si manifestano prevalentemente tra i 12 e i 25 anni, ma negli ultimi tempi è emerso un preoccupante aumento delle fasce di età coinvolte: attualmente circa il 20% dei pazienti ha un'età compresa tra gli 8 e i 14 anni....

Considerazioni su bambini e Covid-19

Bambini e Covid-19. Su questo punto i dati sono ormai consolidati e coerenti tra i diversi studi effettuati, in Paesi diversi e da diversi gruppi di ricerca: i bambini si ammalano poco, molto poco; e quando lo fanno, le manifestazioni cliniche sono lievi. Le eccezioni...

Dieta mediterranea e artrosi

Questo perché i risultati di molti studi di base, clinici ed epidemiologici sono arrivati a considerarlo come un fattore protettivo contro lo sviluppo di processi multipli come malattie cardiovascolari, diversi tipi di cancro, malattie neurodegenerative e persino...

ALIMENTAZIONE E PSICHE

È indubbio che esiste un forte tra alimentazione e psiche. La famiglia, oltre a trasmettere i caratteri genetici, influenza inevitabilmente il comportamento alimentare e questo “imprinting” familiare risulta particolarmente importante in età prescolare. Nelle famiglie...

Colazione del mattino? Si, grazie!

La colazione del mattino può essere utilizzata come un'eccellente opportunità per avviare e sviluppare strategie educative per stabilire e migliorare un approccio corretto al cibo e al mangiare.

Pedagogicamente parlando, la colazione del mattino, è una grande opportunità che si basa su diversi fattori importanti, in primo luogo per dare l’esempio.

Un genitore che mangia bene – in altre parole, che evita gli spuntini tra i pasti, chi mette molta frutta e verdura di stagione sul tavolo, che non acquista pasti pronti e prepara i pasti con attenzione e cura in particolar modo la colazione del mattino – probabilmente trasmetterà lo stesso modello dietetico per i suoi figli che tendono ad emulare gli esempi buoni e cattivi stabiliti dai genitori.

Non trattare mai il cibo come ricompensa:

mangiamo per nutrire e non per consolare o gratificare noi stessi.

Se insegniamo ai bambini questa verità ed evitiamo di premiarli con il cibo, saranno più inclini ad assegnare il cibo al ruolo giusto.

Ciò non significa che non dovremmo dare loro ciò che vogliono, ma semplicemente che mangiare avidamente (sano) cibo dovrebbe essere parte delle nostre abitudini alimentari.

Il cibo non è un gioco:

i bambini dovrebbero essere abituati a sedersi a tavola per mangiare, senza essere distratti dalla tecnologia o dai mass media.

Non devono essere usati trucchi per distrarli e costringerli a mangiare il loro cibo senza nemmeno rendersi conto di cosa stanno deglutendo.

Invece, dovrebbero essere insegnati ad apprezzare il loro cibo, anche fin dalla più tenera età.

I giochi e le attività creative possono essere importanti nei programmi di istruzione / formazione come tattica per approcciare la nutrizione, un modo per apprendere sul cibo; il bambino sarà in grado di rielaborare e trasformare il cibo e le sue trasformazioni in un’immagine personale; diventerà il protagonista di un ambiente piacevole e darà libero sfogo ai suoi sentimenti, alle sue relazioni e alle esperienze tangibili acquisendo e migliorando abitudini e comportamenti alimentari buoni e duraturi.

Infine, bisogna ricordare quanto siano importanti le abitudini:

i bambini sono creature abitudinarie, quindi se adottano certe abitudini saranno meno propensi a mangiare tra un pasto e l’altro e saranno pronti a mangiare durante i pasti.

Le buone abitudini alimentari dovrebbero essere acquisite in età molto precoce, perché un approccio naturale al cibo che continua durante i periodi successivi di crescita è alla base di un modello alimentare sano.

Tutto questo diventa “memoria” e i bambini possono usarlo per ricordare esperienze passate e sviluppare atteggiamenti positivi e un corretto approccio comportamentale alla loro salute.

Allo stesso tempo, è importante evitare un atteggiamento “moralistico” se vogliamo che un bambino adotti un approccio felice e rilassato alla sua scelta di stile di vita, pienamente consapevole dell’importanza della sua vita e delle caratteristiche personali di ogni individuo.

Di conseguenza, la colazione del mattino è la base per un programma educativo dedicato al benessere della dieta.

È quindi importante aiutare i bambini ad acquisire le informazioni di cui hanno bisogno per scegliere consapevolmente il cibo di cui hanno bisogno per crescere e mantenere una buona salute e benessere, sottolineando la necessità di una colazione regolare ogni giorno e il suo effetto sulla nostra vita personale, i gusti, i sentimenti, socialità e ambiente; tutte queste azioni mirano a migliorare le nostre abitudini alimentari e a trasformare la prima mattina in un piacevole e “delizioso / piacevole” momento di pace e tranquillità, così da poter affrontare il risveglio con ottimismo.

(Tratto da Breakfast: a multidisciplinary approach. Affinita A. et al. Ital J Pediatr. 2013; 39: 44).

Precedenti

Successivi

Share This

Share this post with your friends!