NEW

Infezione da Helicobacter pylori

L’ infezione da Helicobacter pylori porta costantemente a una risposta infiammatoria cronica e di basso grado nella mucosa gastrica ed è strettamente correlata alle malattie gastrointestinali ed extra-gastriche. Gli effetti del microbioma locale nello stomaco sono...

Il mal di pancia nel bambino

Il mal di pancia nel bambino. Nella maggioranza dei casi si tratta di alterazioni funzionali gastrointestinali perché solo nel 5-10% dei pazienti è possibile individuare una causa organica del dolore. Dispepsia e dolore funzionale. La dispepsia può essere definita...

Bevande vegetali per il bambino?

Nell'ultimo decennio, il consumo di latte vaccino pro capite è progressivamente diminuito insieme all'aumento della disponibilità e del consumo di bevande vegetali. Le bevande vegetali non casearie continuano a mostrare una tendenza alle vendite in aumento nei paesi...

Latte materno, Omega-3 e temperamento infantile

La nutrizione nella prima infanzia gioca un ruolo fondamentale nello sviluppo del cervello. Negli ultimi decenni, la ricerca ha dimostrato che l'esposizione al latte umano e la variazione nella sua composizione contribuiscono in modo significativo al comportamento,...

La frittata

Sono passati 70 anni da quando lo studio dei sette paesi di Keys ha esaminato l'associazione tra dieta e malattia coronarica (CAD) negli uomini di diverse popolazioni in tutto il mondo e ha trovato una correlazione positiva tra l'assunzione di colesterolo alimentare e...

Carenza di vitamina D

... e infezioni respiratorie in pediatria.

L’infanzia è un periodo durante il quale maturano i sistemi immunitari innati e adattativi, a partire dalla nascita per questo è importante controllare la carenza di vitamina D.

Carenza di vitamina D

Nell’infanzia, c’è un alto rischio di infezioni del tratto respiratorio, principalmente da virus e batteri.

La protezione precoce contro molte malattie infettive viene dalla madre attraverso il trasporto di anticorpi materni tramite la placenta in gravidanza e dal latte materno dopo la nascita.

Il sistema immunitario matura gradualmente durante l’infanzia e le vaccinazioni vengono a stimolare le risposte immunitarie protettive.

Si ritiene che la vitamina D abbia un ruolo importante nel miglioramento della funzione immunitaria e nella riduzione dell’infiammazione.

È stato documentato che il suo metabolita attivo 1,25 (OH) 2D (calcitriolo) media nel sistema immunitario innato e adattativo e innesca efficaci vie antimicrobiche contro batteri, virali.

La vitamina D induce l’espressione genica del peptide antimicrobico. Pertanto ha un effetto “antibiotico”.

  • La concentrazione sierica di 25 (OH) D è il miglior marker per definire lo stato della vitamina D, ma gli standard di riferimento utilizzati non sono chiaramente indicati in letteratura. Sembra esserci un’ampia variabilità tra i limiti inferiore e superiore dei livelli sierici di 25 (OH) D sani, e questo è il motivo per cui non esiste ancora un consenso internazionale sulle concentrazioni ottimali negli adulti e nei bambini.
  • Diversi autori e società definiscono la carenza di vitamina D come un livello sierico di 25 (OH) D ≤ 20 ng / mL (50 nmol / L), poiché questo livello soddisfa i bisogni del 97% della popolazione per quanto riguarda la salute delle ossa.
  • Le linee guida bone-centric raccomandano una concentrazione target di 25 (OH) D di 20 ng / mL (50 nmol / L) e dosi giornaliere di vitamina D dipendenti dall’età di 400-800 UI.

Carenza di vitamina D: infezioni acute del tratto respiratorio superiore.

Otite media (OM)

L’otite media si riferisce all’infiammazione dell’orecchio medio; è l’infezione più comune durante l’infanzia e può essere dovuta a batteri come pneumococchi, streptococchi e meningococchi o a virus.

  • Nel complesso, i risultati indicano che esiste una forte associazione tra OM e basse concentrazioni sieriche di 25 (OH) D.
    I pazienti con OM sembrano avere un’insufficienza / carenza di vitamina D, che può portare a una maggiore incidenza di OM, una maggiore durata della malattia e ripetuti episodi di OMA.
    Quindi, l’integrazione di vitamina D potrebbe essere un’efficace terapia adiuvante nel trattamento dell’OM.

Faringotonsillite

La faringotonsillite acuta è un’infezione delle vie aeree superiori molto comune nei neonati e nei bambini ed è definita come un’infezione delle tonsille e della faringe.

L’eziologia dell’infezione è solitamente virale (rinovirus, virus di Epstein-Barr, parainfluenza e influenza) e, tra le faringotonsilliti batteriche, le più importanti sono quelle causate da streptococchi beta-emolitici di gruppo A.

È molto comune nei bambini in età scolare e si verifica in genere in inverno e in autunno.

Alcuni bambini hanno episodi ricorrenti di faringotonsillite, ovvero almeno sette episodi all’anno, o almeno cinque episodi di tonsillite acuta all’anno per due anni consecutivi, o almeno tre episodi di tonsillite acuta all’anno per tre anni consecutivi.

  • Complessivamente, pur se in presenza di studi limitati, l’insufficienza / carenza di vitamina D sembra essere più prevalente nei bambini con tonsillite ricorrente o tonsillo-faringite ricorrente e candidati alla tonsillectomia.

Infezioni acute del tratto respiratorio inferiore

La bronchiolite è definita come il blocco delle piccole vie aeree nei polmoni causato principalmente dal virus respiratorio sinciziale (RSV) e da altri virus, come il rinovirus umano, l’adenovirus, il metapneumovirus, l’influenza, la parainfluenza e il coronavirus.

Di solito si verifica nei bambini di età inferiore a 2 anni e i sintomi possono includere febbre, tosse, respiro sibilante e problemi respiratori.

La polmonite è un’infiammazione del parenchima polmonare e il riempimento degli spazi aerei alveolari con cellule infiammatorie causate da virus, batteri o una miscela di entrambi.

Le cause virali più comuni sono influenza, parainfluenza, adenovirus e RSV, mentre la polmonite batterica è causata dallo streptococco beta-emolitico di gruppo A.

I sintomi della polmonite sono abbastanza simili a quelli della bronchiolite, con febbre, tosse e difficoltà respiratorie, ma è necessaria una radiografia del torace per confermare la diagnosi.

  • Uno studio che ha esaminato la relazione tra carenza di vitamina D e bronchiolite nei bambini di età compresa tra 1 e 24 mesi ha rilevato che il 25 (OH) D sierico è in media molto più basso nel gruppo moderato-grave rispetto a quello lieve. Inoltre, il numero di pazienti con livelli di 25 (OH) D <20 ng / mL in quest’ultimo gruppo era significativamente più alto, gli autori associano quindi la carenza di vitamina D alla gravità della bronchiolite e del ricovero.

Sebbene i risultati che collegano la carenza di vitamina D all’incidenza e alla gravità della polmonite non siano coerenti,

  • Esiste una chiara tendenza verso un’associazione tra gravità della polmonite e la carenza di vit. D, il che significa che la stessa potrebbe avere un impatto sulla risposta dell’ospite all’infezione.

Influenza

L’Organizzazione Mondiale della Sanità definisce l’influenza come una malattia infettiva causata da un virus influenzale, che ha quattro tipi, A, B, C e D; tuttavia, i virus dell’influenza A e B circolano e causano epidemie stagionali di malattia in tutte le fasce d’età.

  • Uno studio sui neonati è stato condotto in Cina e ha valutato la sicurezza e l’efficacia clinica di due dosi di vitamina D per la prevenzione dell’influenza stagionaleI neonati sani divisi in due gruppi hanno ricevuto per via orale vitamina D per un periodo di 4 mesi, a bassa (400 UI / giorno) o una dose elevata (1200 UI / giorno).

    Nei 121 casi affetti da virus influenzale, 78 e 43 casi di infezione da influenza A si sono verificati rispettivamente nei gruppi di vitamina D a basso dosaggio e ad alto dosaggio.

    È stata riscontrata anche una differenza significativa nell’esito dell’infezione tra i due gruppi. La dose elevata ha prodotto un rapido sollievo dai sintomi (febbre, tosse e respiro sibilante), rapida diminuzione della carica virale e guarigione dalla malattia.

    Nel complesso, hanno concluso che 1200 UI di vitamina D al giorno sono adatte per la prevenzione dell’influenza stagionale (Zhou J, et al. Preventive effects of vitamin D on seasonal influenza A in infants: a multicenter, randomized, open, controlled clinical trial. Pediatr Infect Dis J. 2018;37(8):749–754).

In conclusione:

Sebbene il meccanismo degli effetti della vitamina D sull’immunità sia piuttosto complesso, i dati esistenti supportano l’idea che un adeguato livello sierico 25 (OH) D faciliti il processo di difesa delle cellule immunitarie contro le infezioni batteriche e virali.

Ciò può essere la prova che un’insufficienza o la carenza di vitamina D, almeno in parte, contribuisce alla patogenesi di diverse malattie infettive delle vie respiratorie nell’infanzia.

Inoltre, dalle prove disponibili, uno stato di 25 (OH) D sierico da normale ad alto sembra avere una certa influenza benefica sull’incidenza e sulla gravità di alcuni, sebbene non tutti, tipi di queste infezioni e potrebbe quindi essere una modalità efficace ed economica di profilassi contro queste infezioni.

Fonte (https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC7092025/#CR92)

Precedenti

Successivi

Share This

Share this post with your friends!