NEW

La tosse psicogena nel bambino

La tosse psicogena, si caratterizza per il timbro metallico e per gli accessi, che si presentano solo quando il bambino è sveglio e che per lo più si evocano in presenza dei genitori, degli insegnanti o di operatori sanitari. Non ha eziologia organica ma si manifesta...

I latti di crescita

Ad esempio, l'eccesso proteico precoce (quota energetica > 14% tra 6 e 24 mesi), conduce ad un aumento della concentrazione dei fattori di crescita (IGF-1). Quindi dell'insulina, con un’ipertrofia ed una iperplasia delle cellule adipose, nonché ad una stimolazione...

Probiotici e Covid-19

Da dicembre 2019, diversi casi di polmonite di eziologia sconosciuta sono stati segnalati a Wuhan, nella provincia di Hubei, in Cina. Il 7 gennaio 2020, un nuovo coronavirus è stato identificato da un campione di tampone della gola di un paziente dal Centro cinese per...

Efficacia del Lactobacillus rhamnosus GG

L'Organizzazione mondiale della sanità e il Fondo internazionale per le emergenze dei bambini delle Nazioni Unite definiscono la diarrea come più di tre feci molli o acquose durante un periodo di 24 ore. Una durata di 14 giorni è il criterio proposto per distinguere...

Covid-19 e mascherine di protezione: quale scegliere?

In Italia è definito dall’UNI, l’Ente nazionale italiano di unificazione. Le norme relative ai dispositivi di protezione per le vie respiratorie sono elaborate a partire dagli standard europei di riferimento (EN) e, a seconda della conformità alle diverse normative,...

Associazione tra il consumo di bevande non lattee e l’altezza infantile.

Morency ME et al. Am J Clin Nutr. 2017 agosto; 106 (2): 597-602.

Il consumo di latte vaccino durante l’infanzia è stato associato ad un aumento dell’altezza, che è una misura importante per la crescita e lo sviluppo dei bambini.

D’altra parte, molti genitori scelgono bevande a base di latte non vaccino come latte di soia e mandorle a causa di benefici per la salute percepiti.

Tuttavia, il latte non vaccino contiene meno proteine e grassi rispetto al latte vaccino e potrebbe non avere lo stesso effetto sull’altezza.

Nel presente lavoro si è cercato di determinare se esiste un’associazione tra il consumo di latte non vaccino e l’altezza inferiore nell’infanzia e quindi, se ci sia una relazione tra il consumo di latte vaccino e il consumo di latte non vaccino relativamente al parametro altezza.

È stato condotto uno studio trasversale di 5034 bambini canadesi sani di età compresa tra 24 e 72 mesi, arruolati nella coorte di Applied Research Group for Kids.

L’esposizione principale era il volume del consumo di latte non in polvere (numero di tazze da 250 ml al giorno).

L’outcome primario era l’altezza, che è stata misurata come punteggio z di altezza per l’età. La regressione lineare multivariata è stata utilizzata per determinare l’associazione tra il consumo di latte non vaccino e l’altezza.

Risultati:

C’era un’associazione dose-dipendente tra il consumo di latte non bovino e l’altezza inferiore (P <0,0001).

Per ogni tazza giornaliera di latte non non vaccino consumato, i bambini erano 0,4 cm (95% CI: 0,2, 0,8 cm) più corti. La differenza di altezza per un bambino di 3 anni che consuma 3 tazze di latte non vaccino rispetto a 3 tazze di latte vaccino era di 1,5 cm (IC 95%: 0,8, 2,0 cm).

Conclusioni: il consumo di latte non vaccino era associato ad un’altezza inferiore.

Precedenti

Successivi

Share This

Share this post with your friends!