NEW

Autosvezzamento

Il divezzamento, anche detto (meno correttamente) svezzamento, descrive il periodo di tempo in cui una progressiva riduzione dell'allattamento al seno o dell'alimentazione con il latte formulato, lascia il posto ad una graduale introduzione di alimenti complementari...

Noci e malattie cardiovascolari (CHD).

(Ros E Br J Nutr. 2015 aprile; 113 Suppl 2: S111-20) In virtù della loro composizione unica, è probabile che le noci influiscano positivamente sulla salute cardiovascolare. Studi epidemiologici hanno associato il consumo di noci con una ridotta incidenza di CHD in...

Gamberi e uova sono dannosi per il colesterolo?

In particolare, negli Stati Uniti, circa uno su quattro decessi si verificano a causa di malattie cardiache. La causa principale del CVD è l'aterosclerosi, che è una condizione infiammatoria cronica legata dalla deposizione di colesterolo e dei tessuti fibrosi nelle...

L’importanza di giustopeso.it

Obiettivo. Esaminare l'impatto dell'influenza dei social media sul marketing degli alimenti (sani e malsani) sull'assunzione di cibo da parte dei bambini. Per questo sono stati esaminati 176 bambini (9-11 anni, media 10,5 ± 0,7 anni), assegnati in modo casuale a...

Il calcio nella dieta

E mangiare in maniera equilibrata significa soprattutto "ruotare" i cibi presenti nel mondo animale ed in quello vegetale. Anche per quanto riguarda i minerali è indispensabile variare giornalmente le pietanze. Il calcio è il minerale più abbondante dell'organismo, è...
Latte Sano, chi pensa Sano ama il buono della vita.

Associazione tra il consumo di bevande non lattee e l’altezza infantile.

Morency ME et al. Am J Clin Nutr. 2017 agosto; 106 (2): 597-602.

Il consumo di latte vaccino durante l’infanzia è stato associato ad un aumento dell’altezza, che è una misura importante per la crescita e lo sviluppo dei bambini.

D’altra parte, molti genitori scelgono bevande a base di latte non vaccino come latte di soia e mandorle a causa di benefici per la salute percepiti.

Tuttavia, il latte non vaccino contiene meno proteine e grassi rispetto al latte vaccino e potrebbe non avere lo stesso effetto sull’altezza.

Nel presente lavoro si è cercato di determinare se esiste un’associazione tra il consumo di latte non vaccino e l’altezza inferiore nell’infanzia e quindi, se ci sia una relazione tra il consumo di latte vaccino e il consumo di latte non vaccino relativamente al parametro altezza.

È stato condotto uno studio trasversale di 5034 bambini canadesi sani di età compresa tra 24 e 72 mesi, arruolati nella coorte di Applied Research Group for Kids.

L’esposizione principale era il volume del consumo di latte non in polvere (numero di tazze da 250 ml al giorno).

L’outcome primario era l’altezza, che è stata misurata come punteggio z di altezza per l’età. La regressione lineare multivariata è stata utilizzata per determinare l’associazione tra il consumo di latte non vaccino e l’altezza.

Risultati:

C’era un’associazione dose-dipendente tra il consumo di latte non bovino e l’altezza inferiore (P <0,0001).

Per ogni tazza giornaliera di latte non non vaccino consumato, i bambini erano 0,4 cm (95% CI: 0,2, 0,8 cm) più corti. La differenza di altezza per un bambino di 3 anni che consuma 3 tazze di latte non vaccino rispetto a 3 tazze di latte vaccino era di 1,5 cm (IC 95%: 0,8, 2,0 cm).

Conclusioni: il consumo di latte non vaccino era associato ad un’altezza inferiore.

Precedenti

Successivi

Share This

Share this post with your friends!