NEW

Basso livello di vitamina D3

Questo articolo è una prestampa e non è stato certificato da peer review. Che cos'è una prestampa non revisionata? Prima della pubblicazione formale in una rivista accademica, gli articoli scientifici e medici sono tradizionalmente certificati da "peer review". In...

Disturbi dell’alimentazione (DA): cosa c’è da sapere

Disturbi dell’alimentazione (DA). Queste patologie si manifestano prevalentemente tra i 12 e i 25 anni, ma negli ultimi tempi è emerso un preoccupante aumento delle fasce di età coinvolte: attualmente circa il 20% dei pazienti ha un'età compresa tra gli 8 e i 14 anni....

Considerazioni su bambini e Covid-19

Bambini e Covid-19. Su questo punto i dati sono ormai consolidati e coerenti tra i diversi studi effettuati, in Paesi diversi e da diversi gruppi di ricerca: i bambini si ammalano poco, molto poco; e quando lo fanno, le manifestazioni cliniche sono lievi. Le eccezioni...

Dieta mediterranea e artrosi

Questo perché i risultati di molti studi di base, clinici ed epidemiologici sono arrivati a considerarlo come un fattore protettivo contro lo sviluppo di processi multipli come malattie cardiovascolari, diversi tipi di cancro, malattie neurodegenerative e persino...

ALIMENTAZIONE E PSICHE

È indubbio che esiste un forte tra alimentazione e psiche. La famiglia, oltre a trasmettere i caratteri genetici, influenza inevitabilmente il comportamento alimentare e questo “imprinting” familiare risulta particolarmente importante in età prescolare. Nelle famiglie...

Asilo? Tornano le infezioni respiratorie ricorrenti.

Le infezioni respiratorie (e non solo respiratorie) ricorrenti (RRI) o se si preferisce la sindrome delle infezioni respiratorie ricorrenti (RRIs) sono il tradizionale appannaggio (“la tassa da pagare”) del bambino che entra in comunità (asilo-nido, scuola materna) o del fratello minore di un bambino che le frequenta.

Di solito, il secondo genito inizia la trafila anticipatamente rispetto al primogenito. Chi va all’asilo nido si ammala più spesso e più gravemente di chi non va all’asilo-nido e va, più tardi alla scuola materna.

E’ raro il bambino che continua ad ammalarsi anche alla scuola dell’obbligo, dopo i 6 anni. È ancora più raro il bambino che si ammala senza frequentare le comunità e senza avere un convivente che le frequenta.

In base a cosa vengono definite le infezioni respiratorie

Il problema delle infezioni respiratorie ricorrenti si definisce dunque in base alla epidemiologia.
È l’espressione di una esposizione alle malattie contagiose, quasi sempre virali, in una fase in cui la risposta immune è ancora largamente immatura.Non è la frequenza, ma sono la gravità delle infezioni, la difficile guaribilità, la durata, i parametri che possono giustificare l’ipotesi di un difetto immunitario o di un substrato anatomo-funzionale da studiare e da correggere.

Non tutti i bambini sono eguali rispetto a questo rischio

C’è chi non si ammala mai, chi si ammala con poca febbre, e chi fa delle manifestazioni altamente febbrili e/o clinicamente molto espresse.

Non è chiaro  se questo tipo di risposta, che rende insopportabile il problema al bambino e alla famiglia sia l’espressione di un difetto di risposta ovvero, almeno in alcuni casi, di un eccesso. Certamente di una risposta immatura. (che comprendono la broncopolmonite e la bronchite asmatica).

La RRI non costituisce una entità omogenea. Essa comprende:
  • sia le infezioni febbrili semplici senza caratterizzazione clinica;
  • le sinusiti;
  • tonsilliti;
  • otiti ricorrenti;
  • le bronchiti asmatiche
  • il laringospasmo ricorrente;
  • le broncopolmoniti ricorrenti.

Ciascuna di queste condizioni può meritare un approccio diverso.

Su una coorte non selezionata, la incidenza delle RRI nei bambini di 2-4 anni che frequentano comunità è di 6 infezioni/anno. L’incidenza minima è di 1 infezione/anno, la massima di 27 infezioni/anno.

Fattori di rischio:

Sono fattori di rischio:

  • la parità (il secondogenito si ammala più e prima rispetto al primogenito);
  • la frequenza all’Asilo-Nido e alla Scuola materna (e la precocità dell’inserimento);
  • il numero dei fratelli (e in generale l’affollamento dell’appartamento);
  • il fumo dei genitori. 
da: F. Panizon. INFEZIONI RESPIRATORIE RICORRENTI. Medico e Bambino pagine elettroniche 1999;

Precedenti

Successivi

Share This

Share this post with your friends!