NEW

Basso livello di vitamina D3

Questo articolo è una prestampa e non è stato certificato da peer review. Che cos'è una prestampa non revisionata? Prima della pubblicazione formale in una rivista accademica, gli articoli scientifici e medici sono tradizionalmente certificati da "peer review". In...

Disturbi dell’alimentazione (DA): cosa c’è da sapere

Disturbi dell’alimentazione (DA). Queste patologie si manifestano prevalentemente tra i 12 e i 25 anni, ma negli ultimi tempi è emerso un preoccupante aumento delle fasce di età coinvolte: attualmente circa il 20% dei pazienti ha un'età compresa tra gli 8 e i 14 anni....

Considerazioni su bambini e Covid-19

Bambini e Covid-19. Su questo punto i dati sono ormai consolidati e coerenti tra i diversi studi effettuati, in Paesi diversi e da diversi gruppi di ricerca: i bambini si ammalano poco, molto poco; e quando lo fanno, le manifestazioni cliniche sono lievi. Le eccezioni...

Dieta mediterranea e artrosi

Questo perché i risultati di molti studi di base, clinici ed epidemiologici sono arrivati a considerarlo come un fattore protettivo contro lo sviluppo di processi multipli come malattie cardiovascolari, diversi tipi di cancro, malattie neurodegenerative e persino...

ALIMENTAZIONE E PSICHE

È indubbio che esiste un forte tra alimentazione e psiche. La famiglia, oltre a trasmettere i caratteri genetici, influenza inevitabilmente il comportamento alimentare e questo “imprinting” familiare risulta particolarmente importante in età prescolare. Nelle famiglie...

Analisi retrospettiva su bambini ricoverati a Wuhan, in Cina

Correspondence - Detection of Covid-19 in Children in Early January 2020 in Wuhan, China

Abbiamo condotto un’ analisi retrospettiva su bambini ricoverati a Wuhan, in Cina.

Weiyong Liu, Qi Zhang et al.
March 12, 2020
DOI: 10.1056/NEJMc2003717


Un piccolo numero di casi di coronavirus nel 2019 (Covid-19) è stato descritto nei bambini e la nostra comprensione dello spettro della malattia è limitata.

Dal 7 gennaio al 15 gennaio 2020, un totale di 366 bambini ospedalizzati (≤16 anni di età) sono stati arruolati in uno studio retrospettivo sulle infezioni respiratorie in tre rami dell’ospedale Tongji, che si trovano a 14 km a 34 km l’uno dall’altro Wuhan centrale.

Tra i 366 bambini, i patogeni più frequentemente rilevati erano il virus dell’influenza A (in 23 pazienti ) e il virus dell’influenza B (in 20 ).

SARS-CoV-2, il virus che causa Covid-19, è stato rilevato in 6 pazienti (1,6%).

Il consenso informato è stato ottenuto dai genitori o tutori dei pazienti con Covid-19 per la pubblicazione dei loro dati clinici.

Le date di insorgenza della malattia nei sei pazienti con Covid-19 erano tra il 2 gennaio e l’8 gennaio 2020 e i pazienti sono stati ricoverati in ospedale tra il 7 gennaio e il 13 gennaio.

L’età media dei sei pazienti era di 3 anni (intervallo da 1 a 7).

Tutti e sei i bambini erano stati in precedenza completamente sani.

Le caratteristiche cliniche comuni includevano febbre alta (> 39 ° C) (in tutti e sei i pazienti), tosse (in tutti e sei) e vomito (in quattro).

Le indagini di laboratorio hanno mostrato che i livelli di linfociti, globuli bianchi e neutrofili erano al di sotto del range normale in sei, quattro e tre pazienti, rispettivamente.

Quattro dei sei pazienti presentavano polmonite, valutata radiograficamente, con scansioni tomografiche del torace calcolate che mostravano tipici schemi di polmonite virale.

Un bambino è stato ricoverato nell’unità di terapia intensiva pediatrica (ICU) e ha ricevuto immunoglobuline in pool da donatori sani.

Tutti i pazienti sono stati trattati empiricamente con agenti antivirali, antibiotici e terapie di supporto. Tutti i pazienti si sono ripresi dopo il ricovero in ospedale per una mediana di 7,5 giorni (intervallo da 5 a 13).

Questo studio ha dimostrato che Covid-19 si è verificato nei bambini.

questo ha causato malattie respiratorie da moderate a gravi, nella fase iniziale dell’epidemia di SARS-CoV-2 a Wuhan ed è stato associato all’ammissione in terapia intensiva in un paziente.

Nessuno dei pazienti o dei loro familiari aveva avuto un’esposizione diretta al mercato all’ingrosso di frutti di mare di Huanan (il luogo iniziale a cui erano collegati i casi di Covid-19) o tra loro.

Vale la pena ricordare che inaspettatamente abbiamo trovato un caso di Covid-19 in un paziente (Paziente 3) residente fuori Wuhan; questa paziente ebbe una malattia il 2 gennaio 2020.

La paziente e la sua famiglia erano residenti nell’area di Yangxin di Huangshi e non avevano viaggiato fuori città nel mese prima della malattia.

Non abbiamo identificato la fonte di infezione per questo paziente.

Precedenti

Successivi

Share This

Share this post with your friends!