NEW

Sensibilità al glutine non celiaca

Mentre la celiachia e l'allergia al grano sono disturbi ben noti con una diagnosi chiara basata su test clinici e parametri biologici, la sensibilità al glutine non celiaca (NCGS) è una diagnosi più difficile, specialmente nei bambini con disturbi gastrointestinali...

Food delivery

Food delivery. Parliamoci chiaro. La cucina è ancora il centro della casa, legata alla famiglia e agli affetti, il luogo in cui si preparano i cibi, in cui ci si ritrova per mangiare e non solo? E ancora, dove sta andando la cucina italiana? Parliamone qui visto che...

Pediatra? Allora visita così. Ti conviene

Pediatra? Allora visita così. Ti conviene. In questo studio di coorte su 6280 famiglie con casi pediatrici, le probabilità aggiustate di trasmissione familiare da parte di bambini di età compresa tra 0 e 3 anni erano 1,43 rispetto ai bambini di età compresa tra 14 e...

Covid-19 e malattie respiratorie croniche diverse dall’asma nei bambini: quale rapporto?

Covid-19 e malattie respiratorie croniche diverse dall'asma nei bambini. Durante l'infanzia, l'infezione da SARS-CoV-2 sembra essere meno comune, e la malattia è generalmente più mite. Tuttavia, diversi studi hanno dimostrato che, anche quando si presenta con sintomi...

Covid-19. Effetto dell’obesità sul sistema immunitario

Obesità e Covid-19. L'obesità può essere associata a una perdita della competenza immunitaria, con menomazioni dell'attività dei linfociti T helper, linfociti T citotossici, linfociti B e cellule natural killer, e ridotta produzione di anticorpi e IFN-γ. Ciò significa...
vinci-partners

L’ostruzione nasale

Position Paper su valutazione e trattamento

L’ostruzione nasale (NO) è definita come la percezione soggettiva di disagio o difficoltà nel passaggio dell’aria attraverso le narici.

È un motivo comune per la consultazione nelle cure primarie e specialistiche e può interessare fino al 30% – 40% della popolazione. Colpisce la qualità della vita (soprattutto il sonno) e riduce l’efficienza lavorativa.

L’ostruzione nasale può essere unilaterale o bilaterale, intermittente o persistente e può essere causato da fattori locali o sistemici, che possono essere di origine anatomica, infiammatoria, neurologica, ormonale, funzionale, ambientale o farmacologica.

Lo studio diretto della storia medica e l’esame obiettivo sono fondamentali per diagnosticare la causa specifica.

L’ostruzione nasale può essere valutato utilizzando strumenti di valutazione soggettiva (scala analogica visiva, punteggio dei sintomi, questionari standardizzati) o mediante stima oggettiva (rinomanometria anteriore attiva, rinometria acustica, flusso inspiratorio nasale di picco).

Sebbene ci sia poca correlazione tra i risultati, possono essere considerati complementari e non esclusivi.

È inoltre consigliabile valutare l’impatto sulla qualità della vita attraverso questionari standardizzati in base alla malattia sottostante.

L’ostruzione nasale viene trattato in base alla sua causa.

Il trattamento è fondamentalmente farmacologico (topico e / o sistemico) quando l’eziologia è infiammatoria o funzionale.

La chirurgia può essere necessaria quando il trattamento medico non riesce a completare o migliorare il trattamento medico o quando altri approcci terapeutici non sono possibili.

Possono essere necessarie combinazioni di tecniche chirurgiche e cure mediche.

Punti chiave dell’ostruzione nasale:

  • è uno dei motivi più comuni per la consultazione in cure primarie e specialistiche.
  • può essere causato da farmaci e da anatomia, infiammatori, neurologici, ormonali, funzionali e fattori ambientali.
  • se è unilaterale e progredisce nel tempo può essere un segno che il disturbo ha origine espansiva.
  • può essere valutato soggettivamente utilizzando una scala analogica visiva (VAS), un sintomo scala di valutazione (ad es. tipo Likert) e / o un questionario a valutare l’effetto dell’ostruzione nasale (NOSE, CQ7 o DyNaChron).
  • può essere valutato oggettivamente utilizzando tecniche che valutare la geometria nasale (AcR) o la permeabilità nasale (AARMN e PNIF).
  • influisce sulla qualità della vita del paziente, in particolare sulla qualità del sonno.
  • dovrebbe essere trattato in base alla sua causa.
  • I decongestionanti nasali si sono dimostrati efficaci nel trattamento dell’ostruzione nasale associata a rinite allergica (AR) e rinite non allergica (NAR), ma non ci sono prove che questo è il caso di rinosinusite acuta (ARS) o rinosinusite cronica (CRS). Dato i loro effetti collaterali, l’uso dovrebbe essere limitato sia nel dosaggio che nel tempo.
  • I cortisonici intranasali (INC) si sono dimostrati efficaci contro l’ostruzione nasale, nella rinite e nella rinosinusite. I corticosteroidi orali hanno un maggiore effetto, ma non dovrebbero essere indicati come terapia d’elezione ma soltanto nel controllo delle riacutizzazioni e quando il trattamento medico di routine fallisce.
  • Gli anti-H1 sia orali che intranasali si sono dimostrati efficaci contro l’ostruzione nasale nei pazienti con AR, sebbene il beneficio sia modesto rispetto ai decongestionanti e ai cortisonici locali.
  • L’efficacia della formulazione intranasale di formulazione intranasale di azelastina cloridrato (MP-AzeFlu) è superiore a quello dei cortisonici locali e dell’anti-H1 intranasale (cetirizina, fexofenadina) in pazienti con forme moderate-gravi; l’azione è scarsa nei casi di AR o NAR controllati.
  • Lavaggi o docce nasali con soluzione salina (isotonica o ipertonico) migliorano l’NO nelle riniti e nelle rinosinusiti.
  • Anche se l’immunoterapia specifica (AIT) ha una raccomandazione “A” per AR, non sono dati specifici per il suo effetto su NO.
  • I farmaci biologici possono svolgere un ruolo chiave nel migliorare l’NO associati a rino-sinusite cronica (CRS) e poliposi nasali (NP), sebbene siano ancora in la fase di sperimentazione clinica per questa indicazione. Ci sono anche studi di efficacia in AR.
  • Potrebbe essere necessario un intervento chirurgico dopo che il trattamento medico ha fallito, o quando altri approcci terapeutici non sono stati efficaci. Spesso sarà necessario combinare diverse tecniche nello stesso paziente.

Fonte http://www.jiaci.org/summary/vol28-issue2-num1585

Precedenti

Successivi

Share This

Share this post with your friends!