NEW

Sport ed attività fisica dei bambini

La fase di crescita è quella in cui gli esseri umani sperimentano la più grande vulnerabilità bio-psico-sociale. Il pediatra ha uno dei compiti principali in medicina: garantire che il bambino raggiunga il suo pieno potenziale di crescita geneticamente determinata....

Covid-19. Una pandemia senza precedenti.

In tutto il mondo, gli epidemiologi stanno costruendo proiezioni a breve e lungo termine per prepararsi e potenzialmente “prevedere” la diffusione e l'impatto della SARS-CoV-2, il virus che causa COVID-19. Sebbene le loro previsioni e tempistiche variano, i modellisti...

Sapori della psicologia

Il bisogno di nutrirsi, invece, eccede l’esigenza primitiva di sazietà e necessita di ingredienti emotivi, relazionali, mentali e comportamentali. Sin dalle prime fasi di vita il cibo evoca sensazioni viscerali, contribuisce a definire l’identità, perché parla della...

Le castagne

Le castagne sono un frutto tipico della stagione autunnale. In generale il frutto del castagno viene consumato cotto nei mesi di ottobre, novembre e dicembre, oppure impiegato per la preparazione di marmellate o dei marron glacé. Le varietà di castagne presenti in...

Covid-19. La lattoferrina è una barriera protettiva?

Lattoferrina. Una barriera protettiva. Recentemente, il mondo ha dovuto affrontare una devastante infezione da coronavirus pandemica globale, con oltre 45 milioni di infetti in tutto il mondo e oltre 1,18 milioni di decessi al 30 ottobre 2020, correlata a un nuovo...

Latte materno, Omega-3 e temperamento infantile

Nel latte umano è associata al temperamento infantile.

La nutrizione nella prima infanzia gioca un ruolo fondamentale nello sviluppo del cervello.

Negli ultimi decenni, la ricerca ha dimostrato che l’esposizione al latte umano e la variazione nella sua composizione contribuiscono in modo significativo al comportamento, alla cognizione e al rischio di malattia dei bambini.

L’American Academy of Pediatrics raccomanda che il latte umano sia l’unica fonte di nutrizione infantile per i primi 6 mesi di vita, un periodo delicato caratterizzato da un rapido sviluppo del cervello.

Un fattore nutrizionale chiave che è presente nel latte umano e che è necessario per uno sviluppo ottimale del cervello durante questo periodo sono gli acidi grassi polinsaturi omega-3 (n-3) (PUFA).

Il latte umano contiene livelli relativamente alti di n-3 PUFA, che sono essenziali per lo sviluppo visivo, motorio e cognitivo. Tra gli 11 PUFA n-3, i tre più importanti e prevalenti nel latte umano sono l’acido alfa-linolenico (ALA), l’acido eicosapentaenoico (EPA) e l’acido docosaesaenoico (DHA).

L’ALA è il PUFA n-3 più comune nel latte umano (e nella dieta degli adulti) e può essere convertito in EPA e DHA. Il DHA è il PUFA n-3 più abbondante nel sistema nervoso centrale dei mammiferi e forma la matrice strutturale della materia grigia e delle membrane retiniche.

L’EPA viene utilizzato per produrre eicosanoidi, molecole di segnalazione che svolgono numerosi ruoli, inclusa la riduzione dell’infiammazione nel corpo e nel cervello.

Le linee guida dietetiche per gli americani 2015-2020 del Dipartimento della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti raccomandano che tutti gli adulti, in particolare le donne incinte e che allattano, consumino circa 230 grammi (8 once) di pesce a settimana, fornendo così circa 250 mg di EPA e DHA al giorno.

I neonati allattati al seno hanno livelli significativamente più alti di PUFA n-3 nei loro lipidi plasmatici a tre mesi rispetto ai bambini a cui è stato somministrato un latte artificiale privo di fortificazione con n-3.

Numerosi studi hanno dimostrato che le carenze nei PUFA n-3 sono correlate ai disturbi dell’umore e dell’ansia.

Negli adulti, l’integrazione di n-3 ha benefici per la prevenzione e il trattamento della depressione maggiore, del disturbo bipolare e dei disturbi d’ansia.

Si sa molto meno su come le prime variazioni nell’esposizione agli n-3 PUFA influiscano sull’umore e sul comportamento dei bambini.

Tuttavia, i modelli animali suggeriscono che l’esposizione precoce a n-3 può avere un impatto duraturo sul temperamento della prole e sui fenotipi comportamentali.

In uno studio su 255 donne, seguire una dieta più alta in n-3 rispetto agli acidi grassi n-6 durante la gravidanza ha mitigato i neonati contro gli effetti dannosi dello stress materno.

È stato anche scoperto che i livelli plasmatici di DHA sono correlati negativamente con i sintomi depressivi nei bambini e negli adolescenti con disturbo bipolare.

L’attuale studio verifica se la composizione n-3 PUFA del latte materno è associata al temperamento dei loro bambini.

Per rispondere a questa domanda, sono stati raccolti campioni di latte da 52 madri di bambini di 3 mesi e valutati per i livelli di PUFA n-3 mediante cromatografia gas-liquido.

Le madri hanno anche completato il Rothbart Revised Infant Behavior Questionnaire (IBQ-R), uno strumento di relazione parentale ampiamente utilizzato che valuta tre ampie dimensioni del temperamento infantile.

Il presente studio ha trovato prove a sostegno di un legame tra la composizione n-3 PUFA del latte umano e il temperamento infantile.

In particolare, i bambini le cui madri avevano livelli più elevati di n-3 PUFA nel latte hanno mostrato livelli più bassi di affettività negativa (associata a un rischio più elevato di interiorizzare disturbi nella tarda infanzia) a 3 mesi rispetto ai bambini le cui madri avevano livelli più bassi di n-3 PUFA nel loro latte.

Nella loro forma più forte, questi risultati potrebbero avere diverse potenziali implicazioni politiche. In primo luogo, la dieta materna può influenzare i livelli di n-3 PUFA nel latte e, così facendo, può influenzare il temperamento infantile.

Ad esempio, le concentrazioni di EPA e DHA nel latte materno sono strettamente collegate all’assunzione alimentare materna di EPA e DHA e studi di controllo randomizzati hanno dimostrato che le madri a cui sono stati somministrati integratori di PUFA n-3 mostrano aumenti corrispondenti nella composizione di PUFA n-3 del loro latte.

I risultati di questo studio si aggiungono al crescente corpo di ricerca che dimostra che la variazione nella composizione del latte materno gioca un ruolo importante nel plasmare lo sviluppo della prole.

Nello specifico, abbiamo scoperto che il latte più ricco di n-3 PUFA era associato a una riduzione della tristezza e dell’angoscia nei neonati.

fonte:
https://www.mdpi.com/2072-6643/11/12/2964

Precedenti

Successivi

Share This

Share this post with your friends!