NEW

Celiachia

La Celiachia: Deriva da una risposta immunitaria inappropriata mediata da cellule T al glutine ingerito che causa danni immuno-mediati all'intestino tenue in persone geneticamente predisposte. Il danno alla mucosa prossimale dell'intestino tenue porta al...

L’ostruzione nasale

L'ostruzione nasale (NO) è definita come la percezione soggettiva di disagio o difficoltà nel passaggio dell'aria attraverso le narici. È un motivo comune per la consultazione nelle cure primarie e specialistiche e può interessare fino al 30% - 40% della popolazione....

Iperattività dei bambini

Iperattività dei bambini. Gli estratti di radice di valeriana e melissa hanno dimostrato in precedenza efficacia e ottima tollerabilità nei bambini al di sotto dei 12 anni che soffrono di irrequietezza e insonnia. Abbiamo ora esaminato se il trattamento con una...

Diagnosi della sensibilità al glutine non celiaca (NCGS).

Diagnosi della sensibilità al glutine non celiaca (NCGS). Data la mancanza di un biomarcatore per la diagnosi di NCGS, c'è la necessità di standardizzare la procedura che porta alla conferma della diagnosi. Sebbene l'NCGS sia attivato dai cereali contenenti glutine,...

Qualità del sonno nell’obesità

Qualità del sonno nell'obesità. I disturbi del sonno (SD) sono un riscontro comune nell'obesità. L'apnea ostruttiva del sonno (OSA) è il tipo più diffuso di disturbo del sonno correlato all'obesità, che a sua volta rappresenta un fattore di rischio per diverse...

La vitamina C e massa muscolare. Quale correlazione?

La perdita di massa muscolare scheletrica legata all'età contribuisce concorre alla sarcopenia, la disabilità fisica, la fragilità, il diabete di tipo 2 e la mortalità.

La vitamina C ha rilevanza fisiologica per il muscolo scheletrico e può proteggerlo durante l’invecchiamento, ma pochi studi hanno studiato la sua importanza nelle popolazioni più anziane.

La sarcopenia è caratterizzata da una perdita progressiva e generalizzata della massa e della forza muscolare scheletrica.

L’aumento dell’età è un fattore di rischio ben noto per la sarcopenia, tanto che in tutto il mondo la condizione colpisce più di 50 milioni di persone di età superiore ai 50 anni.

Mentre il mantenimento della forza e della funzione è riconosciuto come importante per prevenire limitazioni funzionali, disabilità fisica e perdita di mobilità, meno riconosciuti sono i disturbi metabolici associati alla perdita di massa muscolare scheletrica.

Questi disturbi metabolici includono un utilizzo alterato di aminoacidi, glucosio e acidi grassi, nonché fattori negativi quali l’obesità e del diabete di tipo 2.

Anche la sarcopenia e la perdita di massa muscolare scheletrica correlata all’età contribuiscono in modo determinante alla fragilità.

Nonostante il crescente apprezzamento dell’importanza di ridurre la perdita di massa e funzione scheletrica con l’età, le attuali opzioni di prevenzione sono limitate.

L’eziologia della sarcopenia è multifattoriale, con diversi meccanismi contributivi tra cui cause endocrine, cambiamenti legati all’età nelle citochine circolanti, produzione di specie reattive dell’ossigeno (ROS), immobilità e basso apporto di proteine.

I ROS, che vengono prodotti durante il metabolismo ossidativo nei muscoli, e da disfunzione mitocondriale senile, inducono danno cellulare nel muscolo, così come l’aumento legata all’età in concentrazioni di citochine infiammatorie circolanti.

La vitamina C, una vitamina idrosolubile ottenuta dal consumo di frutta, verdura e dei loro prodotti nella dieta, ha diverse funzioni meccanicistiche rilevanti per il metabolismo e la fisiologia del muscolo scheletrico, che potrebbero prevenire la perdita di muscolo scheletrica correlata all’età.

I meccanismi per la vitamina C nella fisiologia del muscolo scheletrico includono la sintesi di carnitina e collagene.

Poiché la vitamina C è un donatore di elettroni, ciò può ridurre il danno ossidativo muscolare e ridurre le concentrazioni di citochine infiammatorie circolanti.

La carenza di vitamina C, nota anche come scorbuto, è identificata da concentrazioni circolanti di acido ascorbico <11,4 μmol / L, con concentrazioni <50 μmol / L considerate insufficienti.

Prove da studi di convalida indica che queste concentrazioni circolanti sono appropriate biomarker di dieta di vitamina C in studi epidemiologici.

Nonostante la conoscenza dei meccanismi attraverso i quali la vitamina C può influenzare la fisiologia del muscolo scheletrico durante l’invecchiamento, l’importanza della vitamina C in relazione alla massa muscolare scheletrica non è stata ampiamente studiata.

Lo scopo di questo studio era di indagare le associazioni di vitamina C alimentare e plasmatica con la massa magra (FFM), come misura sostitutiva della massa muscolare scheletrica in una popolazione di 13000 uomini e donne di mezza età del Regno Unito, all’interno dello studio European Prospective Investigation into Cancer and Nutrition (EPIC).

Associazioni positive sono state trovate tra vitamina C nella dieta e % FFM sia negli uomini che nelle donne ( P <0,001, n = 6350 uomini; e P <0,001, n = 7989 donne).

I contributi percentuali maggiori di diversi gruppi alimentari all’assunzione giornaliera di vitamina C della popolazione provenivano da frutta, verdura, patate e succhi di frutta (84,4% dell’assunzione totale negli uomini e 87,1% nelle donne).

Nel complesso, il contributo maggiore all’assunzione di vitamina C è stato dato dall’assunzione di frutta (26,5% negli uomini e 32% nelle donne, seguita dalla verdura (25,2% per entrambi i sessi).

I ruoli meccanicistici della vitamina C nella fisiologia del muscolo scheletrico includono la sintesi di carnitina e collagene.

Questi sono importanti perché il collagene è un componente strutturale chiave delle cellule e dei tendini del muscolo scheletrico e la carnitina è essenziale per il metabolismo degli acidi grassi a catena lunga durante l’attività fisica.

L’analisi dei dati dietetici per la nostra coorte ha mostrato che sia per gli uomini che per le donne i maggiori contributori all’assunzione di vitamina C erano frutta, verdura, patate e succhi di frutta.

Sebbene tali alimenti siano in genere prontamente disponibili e facili da preparare e dovrebbero essere conseguibili piccoli aumenti nel consumo quotidiano, esistono limitazioni di reddito, accesso e disponibilità nelle popolazioni a rischio.

In conclusione:

Questo studio ha mostrato associazioni positive significative tra vitamina C sia dietetica che circolante e misure del muscolo scheletrico in un’ampia coorte di uomini e donne di mezza età e anziani che vivono liberi.

Questi risultati suggeriscono che garantire un apporto alimentare sufficiente di vitamina C, promuovendo una dieta ricca di frutta e verdura, può aiutare a ridurre la perdita di muscolo scheletrica correlata all’età e quindi avere benefici per la salute pubblica di ampia portata.

Inoltre la vitamina C plasmatica è un buon biomarcatore del consumo di frutta e verdura.

fonte https://academic.oup.com/jn/article/150/10/2789/5897318

Precedenti

Successivi

Share This

Share this post with your friends!