NEW

Sindrome da morte improvvisa infantile

Sindrome da morte improvvisa infantile. La posizione prona (a pancia in giù) per dormire è il principale fattore di rischio modificabile noto per la sindrome della morte improvvisa del lattante (SIDS). Alla fine del ventesimo secolo, furono avviate campagne...

Trasmissione COVID-19 e bambini: non è colpa del bambino

Trasmissione COVID-19 e bambini: non è colpa del bambino. Un aspetto sorprendente di questa pandemia è che i bambini sembrano essere infettati dalla sindrome respiratoria acuta grave coronavirus 2 (SARS-CoV-2), il virus che causa il COVID-19, molto meno frequentemente...

Tolleranza gastrointestinale

Tolleranza gastrointestinale. L'allattamento al seno è la fonte di nutrimento preferita per i neonati ed è stato dimostrato che fornisce una serie di benefici a breve e lungo termine per il sistema nervoso, immunitario, metabolico e gastrointestinale del bambino. Ogni...

Creatina per il trattamento della depressione

Creatina per il trattamento della depressione. Nonostante la diffusa disponibilità e utilizzo di antidepressivi convenzionali come gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI) e gli inibitori della ricaptazione della serotonina-norepinefrina...

Antibiotici e celiachia

Antibiotici e Celiachia. Si ritiene che il microbiota intestinale sia coinvolto nella patogenesi della malattia celiaca, unitamente alla componente genetica. Il microbiota intestinale è fortemente influenzato dagli antibiotici sistemici, specialmente nelle prime fasi...

La tosse psicogena nel bambino

La tosse psicogena è una tosse cronica, tipicamente secca.

La tosse psicogena, si caratterizza per il timbro metallico e per gli accessi, che si presentano solo quando il bambino è sveglio e che per lo più si evocano in presenza dei genitori, degli insegnanti o di operatori sanitari.

Non ha eziologia organica ma si manifesta spesso dopo un banale episodio infettivo delle alte vie respiratorie.

Si presenta prevalentemente in età scolare o pre-adolescenziale (6-14 anni), per lo più in occasione di situazioni stressanti (paura della scuola e/o l’elevata conflittualità fra i genitori).

Il bambino non si cura della tosse. Ha invece bisogno di attenzioni.

I genitori sono molto coinvolti e controllanti; spesso c’è elevata conflittualità in famiglia; nella storia familiare si possono ritrovare un membro con tosse cronica; frequentemente il bambino con tosse psicogena è il più piccolo dei fratelli.

La tosse psicogena è caratteristica.

È sempre uguale a se stessa e nello stesso bambino; si può riconoscere addirittura prima di vedere il bambino, con un timbro abbaiante o metallico (barking, honking), di gola (come se il bambino “raschiasse la gola”), non schiarisce la voce, non c’è espettorazione, si accentua nei momenti di tensione e si riduce quando il bambino è distratto e, tipicamente, scompare con l’addormentamento.

Per la diagnosi differenziale è importante escludere la tosse cronica presente come uno dei sintomi associati ad altri disturbi comportamentali (sindrome di Tourette, tic, tic cronici motori o tic cronici vocali).

Le probabilità di guarigione di un bambino con tosse psicogena sono eccellenti: una rapida remissione del sintomo è già possibile con un intervento informativo/educativo rivolto sia al paziente perché acquisisca una capacità di controllo della tosse – sia ai genitori, affinchè si rassicurino.

(da “La tosse cronica in età pediatrica” DOCUMENTO INTERSOCIETARIO (SIAIP- SIMRI-SIPO-SIPPS. 2015)

Precedenti

Successivi

Share This

Share this post with your friends!