NEW

Il suicidio in pediatria: parliamone

Il suicidio in pediatria. Il pediatra è coinvolto nell'identificazione o nella gestione di giovani con comportamenti suicidari. Il pediatra dovrebbe essere in grado di identificare la presenza di “segnali di allarme” per tentato suicidio / suicidio nei bambini e / o...

Vitamina C e Covid-19

Vitamina C e Covid-19. Il contributo nutritivo ottimale della vitamina C è quindi è correlato a un minor danno ossidativo e la sua integrazione è associata a una minore incidenza di infezioni specifiche. Inoltre, studi condotti su embrioni di pollo hanno mostrato che...

Olio extravergine di oliva: what else?

Olio extravergine di oliva (EVO). Chi non conosce? È uno degli alimenti più tipicamente mediterranei; è parte della nostra cultura alimentare e non solo. Ha un altissimo valore, sotto tutti i punti di vista. Per olio extravergine di oliva si intende un olio ottenuto...

Latte materno

Latte materno: come allattare. Nella posizione classica la madre deve stare seduta comodamente, su una sedia bassa o con i piedi poggiati su uno sgabello, in modo che le ginocchia rimangano sollevate, affinché le gambe sostengano il bambino. La madre non deve...

Dimmi cosa mangi e ti dirò di sei

Ed essa, già da sola, indirizza la differenziazione delle famiglie batteriche verso specifici enterotipi che appaiono correlati a determinate abitudini alimentari. Dimmi cosa mangi e ti dirò di sei! Dato che dalla composizione del microbiota (l’insieme dei...

La tosse psicogena nel bambino

La tosse psicogena è una tosse cronica, tipicamente secca.

La tosse psicogena, si caratterizza per il timbro metallico e per gli accessi, che si presentano solo quando il bambino è sveglio e che per lo più si evocano in presenza dei genitori, degli insegnanti o di operatori sanitari.

Non ha eziologia organica ma si manifesta spesso dopo un banale episodio infettivo delle alte vie respiratorie.

Si presenta prevalentemente in età scolare o pre-adolescenziale (6-14 anni), per lo più in occasione di situazioni stressanti (paura della scuola e/o l’elevata conflittualità fra i genitori).

Il bambino non si cura della tosse. Ha invece bisogno di attenzioni.

I genitori sono molto coinvolti e controllanti; spesso c’è elevata conflittualità in famiglia; nella storia familiare si possono ritrovare un membro con tosse cronica; frequentemente il bambino con tosse psicogena è il più piccolo dei fratelli.

La tosse psicogena è caratteristica.

È sempre uguale a se stessa e nello stesso bambino; si può riconoscere addirittura prima di vedere il bambino, con un timbro abbaiante o metallico (barking, honking), di gola (come se il bambino “raschiasse la gola”), non schiarisce la voce, non c’è espettorazione, si accentua nei momenti di tensione e si riduce quando il bambino è distratto e, tipicamente, scompare con l’addormentamento.

Per la diagnosi differenziale è importante escludere la tosse cronica presente come uno dei sintomi associati ad altri disturbi comportamentali (sindrome di Tourette, tic, tic cronici motori o tic cronici vocali).

Le probabilità di guarigione di un bambino con tosse psicogena sono eccellenti: una rapida remissione del sintomo è già possibile con un intervento informativo/educativo rivolto sia al paziente perché acquisisca una capacità di controllo della tosse – sia ai genitori, affinchè si rassicurino.

(da “La tosse cronica in età pediatrica” DOCUMENTO INTERSOCIETARIO (SIAIP- SIMRI-SIPO-SIPPS. 2015)

Precedenti

Successivi

Share This

Share this post with your friends!