NEW

Il suicidio in pediatria: parliamone

Il suicidio in pediatria. Il pediatra è coinvolto nell'identificazione o nella gestione di giovani con comportamenti suicidari. Il pediatra dovrebbe essere in grado di identificare la presenza di “segnali di allarme” per tentato suicidio / suicidio nei bambini e / o...

Vitamina C e Covid-19

Vitamina C e Covid-19. Il contributo nutritivo ottimale della vitamina C è quindi è correlato a un minor danno ossidativo e la sua integrazione è associata a una minore incidenza di infezioni specifiche. Inoltre, studi condotti su embrioni di pollo hanno mostrato che...

Olio extravergine di oliva: what else?

Olio extravergine di oliva (EVO). Chi non conosce? È uno degli alimenti più tipicamente mediterranei; è parte della nostra cultura alimentare e non solo. Ha un altissimo valore, sotto tutti i punti di vista. Per olio extravergine di oliva si intende un olio ottenuto...

Latte materno

Latte materno: come allattare. Nella posizione classica la madre deve stare seduta comodamente, su una sedia bassa o con i piedi poggiati su uno sgabello, in modo che le ginocchia rimangano sollevate, affinché le gambe sostengano il bambino. La madre non deve...

Dimmi cosa mangi e ti dirò di sei

Ed essa, già da sola, indirizza la differenziazione delle famiglie batteriche verso specifici enterotipi che appaiono correlati a determinate abitudini alimentari. Dimmi cosa mangi e ti dirò di sei! Dato che dalla composizione del microbiota (l’insieme dei...

La dieta mediterranea e ADHD in bambini e adolescenti.

Sebbene il disturbo da deficit di attenzione/iperattività (ADHD) sia stato correlato a carenze di nutrienti e diete “malsane”, abbiamo ipotizzato che una scarsa aderenza ad una dieta mediterranea sarebbe positivamente associata ad un aumento della diagnosi di ADHD.

Metodi:

Un totale di 120 bambini e adolescenti (60 con ADHD di nuova diagnosi e 60 controlli) sono stati studiati in uno studio caso-controllo paragonabile per sesso ed età. Diagnosi di ADHD fatta da disturbi mentali, quarta edizione, revisione del testo. Sono stati misurati l’energia, l’apporto alimentare, l’aderenza a una dieta mediterranea e il background familiare.

La regressione logistica è stata utilizzata per determinare le associazioni tra aderenza alla dieta mediterranea e ADHD.

Risultati:

Una minore aderenza a una dieta mediterranea era associata alla diagnosi di ADHD (odds ratio: 7,07, intervallo di confidenza al 95%: 2,65-18,84, rischio relativo: 2,80, intervallo di confidenza al 95%: 1,54-5,25).

Entrambi sono rimasti significativi dopo l’adeguamento ai potenziali fattori di confusione. Una minore frequenza di consumo di frutta e verdura era associata alla diagnosi di ADHD (P <.05).

L’elevato consumo di zucchero, caramelle, bevande a base di cola e bibite analcoliche (P <.01) e il basso consumo di pesce grasso (P <.05) sono stati anche associati a una maggiore prevalenza di diagnosi di ADHD.

Conclusioni:

Queste associazioni trasversali, pur non stabilendo la causalità, sollevano un possibile effetto protettivo della dieta mediterranea nei confronti dello sviluppo di ADHD.

Ríos-Hernández A et al. Pediatrics 2017 febbraio; 139 (2).

Precedenti

Successivi

Share This

Share this post with your friends!