NEW

Alimentazione ed eros – Parte seconda

I cibi afrodisiaci - Alimentazione ed eros - Parte seconda Alimentazione ed eros: Aglio e cipolla. Considerati eccitanti in tante culture, aglio e cipolla sono proibiti in molte congregazioni monastiche sia in Oriente che in Occidente. Sono i più popolari cibi...

Alimentazione ed eros – Prima parte

Tutto merito della BBC che in un programma aveva attribuito all’aglio crudo delle proprietà simili a quelle dei noti farmaci per il “potenziamento” della funzione sessuale maschile. Alimentazione ed eros. In effetti, da sempre e in ogni parte del mondo, l’uomo ha...

Uso degli antibiotici

Uso degli antibiotici. Si ritiene che il microbiota intestinale sia coinvolto nella patogenesi della malattia celiaca, unitamente alla componente genetica. Il microbiota intestinale è fortemente influenzato dagli antibiotici sistemici, specialmente nelle prime fasi...

Pediatra, dove stai andando?

Pediatra, dove stai andando? È indubbio che la medicina, negli ultimi 40 anni, ha beneficiato di un enorme volume di conoscenze. Noi attualmente abbiamo le risorse tecniche per diagnosticare un numero impressionante di malattie, ma non siamo ancora capaci di curarne...

I nitrati alimentari e attività sportiva agonistica . L’importanza della Barbabietola

I nitrati sono composti costituiti da un atomo di azoto e tre di ossigeno (NO3). La maggiore fonte dei nitrati alimentari non proviene come si pensa dagli insaccati ma dai vegetali, quelli maggiormente ricchi, avendo un contenuto per kg di prodotto vegetale superiore...
vinci-partners

Il suicidio in pediatria: parliamone

Il suicidio è raro nei bambini prima dell'età della pubertà; successivamente, la sua frequenza tende ad aumentare durante l'adolescenza.

Il suicidio in pediatria. Il pediatra è coinvolto nell’identificazione o nella gestione di giovani con comportamenti suicidari.

Il pediatra dovrebbe essere in grado di identificare la presenza di “segnali di allarme” per tentato suicidio / suicidio nei bambini e / o adolescenti.

In particolare, l’American Academy of Pediatrics (AAP) raccomanda di effettuare uno screening per il suicidio tra gli adolescenti durante le visite effettuate per malattie acute e durante i controlli di routine.

D’altra parte, il pediatra dovrebbe anche fornire ai pazienti supporto diagnostico e terapeutico, collaborando con altri professionisti al fine di creare un team in grado di gestire tutte le loro diverse esigenze.

In media, si stima che circa 2 milioni di adolescenti tentano il suicidio ogni anno, 700.000 soggetti in questa fascia di età richiedono assistenza sanitaria dopo un tentato suicidio, 2.000 adolescenti muoiono.

Si stima inoltre che mentre il tentativo di suicidio è due volte più frequente tra le femmine rispetto ai maschi, la morte per suicidio è più frequente tra i maschi che nelle femmine (9,4 / 100.000 contro 2,7 / 100.000).

Inoltre, sebbene la prevalenza di morte per suicidio tra gli adolescenti rimanga bassa (0,006%), il suicidio rappresenta la terza causa di morte tra i soggetti di età compresa tra 13 e 19 anni e la seconda causa di morte tra quelli di età compresa tra 10 e 24 anni.

In Italia, il suicidio nei più giovani rappresenta una delle principali cause di morte tra le persone di età compresa tra i 15 ei 24 anni; nel 2007 154 ragazzi di età compresa tra i 14 e i 24 anni sono morti a causa del suicidio.

Non esistono banche dati italiane specifiche per l’individuazione di tentato suicidio; approssimativamente, si stima che il rapporto tra tentato suicidio e suicidio nei più giovani sia di 200: 1.

La causa nota più frequente di suicidio è il conflitto in una relazione sentimentale, seguito dal bullismo.

I disturbi affettivi e distruttivi dell’infanzia e l’abuso sono i fattori di rischio psichiatrico più spesso segnalati.

Il ruolo del Pediatra.

La prevenzione del suicidio è una questione estremamente impegnativa per gli operatori sanitari.

Alcuni dati della letteratura riportano che, in età adulta, le vittime di suicidio avevano spesso visitato il proprio medico prima di tentare il suicidio.

Considerando la maggiore incidenza del suicidio nell’adolescenza, il pediatra svolge un ruolo fondamentale nella valutazione del livello di rischio attraverso il giudizio clinico, riesaminando i fattori di rischio e protettivi e attraverso una verifica diretta dei pensieri e degli atti di suicidio. Inoltre, il pediatra svolge un ruolo fondamentale nel campo dell’educazione.

Anche se non ci sono test specifici per identificare i soggetti suscettibili al suicidio, i fattori di rischio devono essere indagati dal pediatra e presi in considerazione:

  • Malattia psichiatrica. I dati della letteratura mostrano che circa il 90% degli adolescenti che si suicidano soffre di un disturbo psichiatrico (in particolare disturbo dell’umore) e più del 60% dei giovani è depresso al momento della morte.
  • I bambini rispetto agli adolescenti hanno una maggiore difficoltà a rappresentare i propri stati interni e manifestano depressione attraverso sintomi comportamentali e somatici (dolori addominali, stipsi, cefalea) e attraverso l’umore irritabile;
  • gli adolescenti mostrano invece sintomi più simili a quelli sperimentati dagli adulti come umore depresso, perdita di interesse nelle attività quotidiane, perdita / aumento di peso e insonnia / ipersonnia.

Sintomi e segni di depressione possono essere notati dai familiari e devono essere esaminati dal medico curante:

  • Irritabilità e / o umore depresso
  • Perdita di interesse nelle attività quotidiane
  • Agitazione psicomotoria e / o perdita di energia
  • Bassa concentrazione e indecisione
  • Insonnia e / o ipersonnia
  • Perdita e / o aumento del peso corporeo
  • Perdita di speranze e senso di impotenza
  • Sensi di colpa e bassa autostima
  • Sintomi somatici cronici, che non rispondono alle terapie comuni (mal di testa, addominalgia, stipsi)
  • Pensieri di morte e / o suicidio

Anche nell’ambiente scolastico possono essere raccolti elementi interessanti di valutazione e segni di depressione del bambino:

  • Frequenti assenze
  • Ritardi eccessivi
  • Ridotta concentrazione
  • Difficoltà nello svolgimento dei compiti assegnati
  • Pianto in classe
  • Difficoltà ad adattarsi ai cambiamenti
  • Scarsa partecipazione alle attività scolastiche
  • Difficoltà di interazione con i compagni
  • Atteggiamento provocatorio
  • Irrequietezza e nervosismo
  • Isolamento e mutismo

L’autolesionismo non suicidario e il comportamento suicidario differiscono in intenzione (gli individui che intraprendono autolesionismo non suicidario non desiderano porre fine alla loro vita), letalità e frequenza (metodi ad alta letalità con bassa frequenza in comportamenti suicidari).

Negli anni dell’adolescenza i tentativi di suicidio sono circa due volte più frequenti nelle femmine rispetto ai maschi; inoltre il 30% dei soggetti che hanno tentato il suicidio in adolescenza riproverà entro 4 anni.

Quando un bambino o un adolescente viene ricoverato al Pronto Soccorso dopo aver tentato il suicidio, il pediatra deve essere in grado di valutare il rischio di ripetizione di tale atto.

Prima di dimettere il paziente, il pediatra dovrebbe sempre raccomandare ai genitori di rimuovere da casa armi o farmaci potenzialmente letali e di limitare il più possibile l’accesso ad alcol o altre sostanze con effetti disinibitori. Inoltre, è molto importante assicurarsi che il bambino / adolescente abbia una figura di sostegno a casa, e assicurare al piano familiare un adeguato follow-up.

La familiarità per comportamenti suicidari è un fattore di rischio per il suicidio indipendentemente dalla presenza di malattie psichiatriche.

Per questo motivo, il pediatra dovrebbe indagare e prendere in considerazione eventuali conflitti in famiglia, perdita di un familiare (divorzio / morte), possibili abusi o difficoltà di relazione tra genitori e figli.

Esiste una stretta associazione tra comportamenti suicidari e una relazione genitore / figlio caratterizzata da scarsa cura o iperprotezione.

L’abuso di droghe e alcol dovrebbe essere sempre indagato, poiché aumenta la possibilità di suicidio, soprattutto tra gli adolescenti maschi con disturbi dell’umore. L’abuso sessuale e fisico sono importanti fattori di rischio per comportamenti suicidari o idee suicide, soprattutto nei soggetti di età compresa tra i 16 ei 25 anni.

Il pediatra dovrebbe anche valutare l’orientamento sessuale degli adolescenti che sono a rischio di suicidio.

La letteratura mostra che i giovani uomini omosessuali hanno 2-3 volte più probabilità di suicidarsi rispetto ai loro coetanei eterosessuali.

In particolare, coloro che vivono in famiglie che rifiutano il proprio orientamento sessuale corrono un rischio di suicidio 8 volte maggiore rispetto a coloro il cui orientamento sessuale è accettato dalla famiglia.

È stato riferito che sia i “bulli” che le “vittime” di bullismo corrono un rischio maggiore di comportamenti suicidi.

Infatti i “bulli” sono naturalmente più esposti a questioni legali (comportamenti criminali, compreso l’uso di droghe), e sono a rischio di sviluppare un disturbo antisociale di personalità.

Essere vittima di bullismo influisce sulla crescita mentale in termini di autostima e benessere personale, e può portare allo sviluppo di sindromi depressive o di anoressia nervosa in soggetti predisposti.

Insieme ai fattori di rischio, i pediatri dovrebbero indagare anche sulla presenza di fattori protettivi in età evolutiva:

  • Accesso ai servizi di igiene mentale
  • Collegamenti positivi con la scuola
  • Stabilità familiare
  • Coinvolgimento religioso
  • Buoni rapporti con i loro coetanei
  • La capacità di risolvere problemi e superare le avversità

Successivamente, se si sospetta un’idea suicida, è necessario esaminare le seguenti domande specifiche:

  • Hai mai pensato di ucciderti o preferiresti essere morto?
  • Hai mai fatto qualcosa con lo scopo di farti del male o ucciderti?
  • Hai mai considerato dei metodi per porre fine alla tua esistenza?

Sebbene le domande dirette possano causare ansia al medico, è importante sapere che le indagini sull’ideazione suicidaria non inducono tali idee nel paziente.
È invece di vitale importanza comprendere la reale necessità di un’azione immediata.

In conclusione:

i dati riportati evidenziano il ruolo fondamentale del pediatra nella gestione del bambino /adolescente con comportamento suicidario.

Dovrebbe essere in grado di indagare sulla presenza di disturbi dell’umore, pensieri suicidi, orientamento sessuale e altri fattori legati al suicidio ed educare coloro che vivono e lavorano con i giovani (ad esempio genitori e insegnanti) a riconoscere i fattori di rischio per il suicidio, con particolare attenzione ai pazienti con malattie croniche.

Inoltre, il pediatra dovrebbe essere in grado di collaborare con altri professionisti (es. psichiatri) coinvolti nella cura dei pazienti a rischio di suicidio o tentato suicidio, dovrebbe essere consapevole dell’equilibrio tra benefici e rischi della somministrazione di farmaci antidepressivi e dovrebbe monitorare i pazienti durante il trattamento.

Fonte:
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4494780/

Precedenti

Successivi

Share This

Share this post with your friends!