NEW

Sindrome da morte improvvisa infantile

Sindrome da morte improvvisa infantile. La posizione prona (a pancia in giù) per dormire è il principale fattore di rischio modificabile noto per la sindrome della morte improvvisa del lattante (SIDS). Alla fine del ventesimo secolo, furono avviate campagne...

Trasmissione COVID-19 e bambini: non è colpa del bambino

Trasmissione COVID-19 e bambini: non è colpa del bambino. Un aspetto sorprendente di questa pandemia è che i bambini sembrano essere infettati dalla sindrome respiratoria acuta grave coronavirus 2 (SARS-CoV-2), il virus che causa il COVID-19, molto meno frequentemente...

Tolleranza gastrointestinale

Tolleranza gastrointestinale. L'allattamento al seno è la fonte di nutrimento preferita per i neonati ed è stato dimostrato che fornisce una serie di benefici a breve e lungo termine per il sistema nervoso, immunitario, metabolico e gastrointestinale del bambino. Ogni...

Creatina per il trattamento della depressione

Creatina per il trattamento della depressione. Nonostante la diffusa disponibilità e utilizzo di antidepressivi convenzionali come gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI) e gli inibitori della ricaptazione della serotonina-norepinefrina...

Antibiotici e celiachia

Antibiotici e Celiachia. Si ritiene che il microbiota intestinale sia coinvolto nella patogenesi della malattia celiaca, unitamente alla componente genetica. Il microbiota intestinale è fortemente influenzato dagli antibiotici sistemici, specialmente nelle prime fasi...

Il problema delle resistenze per l’Helicobacter Pylori

Il trattamento standard per l’infezione da Helicobacter Pylori consiste nella tripla terapia:

  • un inibitore della pompa protonica (PPI),
  • claritromicina,
  • amoxicillina o metronidazolo.

Questa associazione si rivela però sempre meno efficace a causa della resistenza del batterio a questi antibiotici.

Per tale ragione è stata condotta una metanalisi di 46 studi randomizzati in cui una terapia sequenziale (PPI ed amoxicillina due volte al giorno per 5 giorni seguiti da 5 giorni di PPI più claritromicina più metronidazolo) è stata confrontata con differenti regimi terapeutici. Tutti i partecipanti non avevano subito precedenti trattamenti.

Il risultato?

  • In 22 studi (5.000 pazienti) la terapia sequenziale è risultata migliore rispetto ai 7 giorni di tripla terapia tradizionale (tasso di eradicazione 87% contro 72%).
  • In 14 studi (2.750 pazienti) la terapia sequenziale ha ottenuto risultati migliori rispetto alla tripla terapia prolungata a 10 giorni (tasso di eradicazione 84% contro 75%).
  • In 7 studi sono risultati invece simili i tassi di eradicazione della terapia sequenziale e della tripla terapia prolungata per 14 giorni.
  • In 5 studi l’efficacia è stata simile alla quadrupla terapia contenente bismuto e in altri 6 studi alla quadrupla terapia senza bismuto (PPI, amoxicillina, claritromicina, metronidazolo).

Nei pazienti che hanno presentato resistenza alla claritromicina o al metronidazolo durante lo svolgimento degli studi la terapia sequenziale è stata superiore sia a 7 giorni sia a 10 giorni di triplice terapia.

In base a questa metanalisi la terapia sequenziale è superiore alla tradizionale triplice terapia.

Le opzioni terapeutiche per eradicare l’Helicobacter Pylori sono sostanzialmente tre:

  • la classica triplice terapia protratta per 14 giorni
  • la quadruplice terapia
  • la terapia sequenziale.

Se è disponibile il test per le resistenze batteriche e l’Helicobacter Pylori risultasse resistenze sia alla claritromicina sia al metronidazolo, la sostituzione della claritromicina con la levofloxacina nella terapia sequenziale è la procedura che ottiene i risultati migliori.

Bibliografia:

Gatta L et al. Global eradication rates for Helicobacter pylori infection: Systematic review and meta-analysis of sequential therapy. BMJ 2013 Aug 7; 347:f4587

Precedenti

Successivi

Share This

Share this post with your friends!