NEW

Sindrome da morte improvvisa infantile

Sindrome da morte improvvisa infantile. La posizione prona (a pancia in giù) per dormire è il principale fattore di rischio modificabile noto per la sindrome della morte improvvisa del lattante (SIDS). Alla fine del ventesimo secolo, furono avviate campagne...

Trasmissione COVID-19 e bambini: non è colpa del bambino

Trasmissione COVID-19 e bambini: non è colpa del bambino. Un aspetto sorprendente di questa pandemia è che i bambini sembrano essere infettati dalla sindrome respiratoria acuta grave coronavirus 2 (SARS-CoV-2), il virus che causa il COVID-19, molto meno frequentemente...

Tolleranza gastrointestinale

Tolleranza gastrointestinale. L'allattamento al seno è la fonte di nutrimento preferita per i neonati ed è stato dimostrato che fornisce una serie di benefici a breve e lungo termine per il sistema nervoso, immunitario, metabolico e gastrointestinale del bambino. Ogni...

Creatina per il trattamento della depressione

Creatina per il trattamento della depressione. Nonostante la diffusa disponibilità e utilizzo di antidepressivi convenzionali come gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI) e gli inibitori della ricaptazione della serotonina-norepinefrina...

Antibiotici e celiachia

Antibiotici e Celiachia. Si ritiene che il microbiota intestinale sia coinvolto nella patogenesi della malattia celiaca, unitamente alla componente genetica. Il microbiota intestinale è fortemente influenzato dagli antibiotici sistemici, specialmente nelle prime fasi...

Il microbiota intestinale

Da madre in figlio

Proporzioni più elevate di Lactobacillus e percentuali inferiori di Bacteroides entro tre mesi dalla nascita predice un rischio più elevato di sovrappeso nell’infanzia.

Inoltre, una abbondanza di Bifidobacterium spp. all’inizio della vita sembra essere associato con un minor rischio di diventare sovrappeso, mentre l’abbondanza di Bacteroides fragilis aumenta la probabilità di sviluppo dell’obesità.

In aggiunta a queste evidenze c’è da dire che uno dei più forti predittori dell’obesità infantile è rappresentata dall’obesità materna.

Un insieme di prove suggerisce che questo potrebbe essere parzialmente spiegato dal trasferimento verticale di microbiota obesogenico da madri obese alla loro progenie.

Il microbiota intestinale

Contribuisce fortemente all’aumento di peso e l’obesità.

C’è un crescente interesse nel targeting o nella manipolazione del microbiota intestinale al fine di prevenire l’obesità o facilitare la perdita di peso.

Riconoscendo l’importanza della colonizzazione dell’intestino, diversi studi stanno testando nuove terapie probiotiche (ad esempio Akkermansia muciniphila e Butirricocco pullicaecorum) negli studi clinici di donne in gravidanza, anche se sono necessarie ulteriori indagini per determinare complessivamente la sicurezza clinica e l’efficacia di questo approccio.

Accanto a questi tentativi per ottimizzare il microbiota intestinale con i probiotici, c’è un forte interesse nella comprensione circa l’impatto degli antibiotici sul microbiota intestinale in via di sviluppo.

da Isolauri E, Sherman PM, Walker WA (eds): Microbioma intestinale: aspetti funzionali in salute e malattia. Nestlé Nutr Inst Workshop Ser, vol. 88, pagg. 67-79, (DOI: 10.1159 / 000455216) Nestec Ltd., Vevey / S. Karger AG., Basel, © 2017

Precedenti

Successivi

Share This

Share this post with your friends!