NEW

Alimentazione ed eros – Parte seconda

I cibi afrodisiaci - Alimentazione ed eros - Parte seconda Alimentazione ed eros: Aglio e cipolla. Considerati eccitanti in tante culture, aglio e cipolla sono proibiti in molte congregazioni monastiche sia in Oriente che in Occidente. Sono i più popolari cibi...

Alimentazione ed eros – Prima parte

Tutto merito della BBC che in un programma aveva attribuito all’aglio crudo delle proprietà simili a quelle dei noti farmaci per il “potenziamento” della funzione sessuale maschile. Alimentazione ed eros. In effetti, da sempre e in ogni parte del mondo, l’uomo ha...

Uso degli antibiotici

Uso degli antibiotici. Si ritiene che il microbiota intestinale sia coinvolto nella patogenesi della malattia celiaca, unitamente alla componente genetica. Il microbiota intestinale è fortemente influenzato dagli antibiotici sistemici, specialmente nelle prime fasi...

Pediatra, dove stai andando?

Pediatra, dove stai andando? È indubbio che la medicina, negli ultimi 40 anni, ha beneficiato di un enorme volume di conoscenze. Noi attualmente abbiamo le risorse tecniche per diagnosticare un numero impressionante di malattie, ma non siamo ancora capaci di curarne...

I nitrati alimentari e attività sportiva agonistica . L’importanza della Barbabietola

I nitrati sono composti costituiti da un atomo di azoto e tre di ossigeno (NO3). La maggiore fonte dei nitrati alimentari non proviene come si pensa dagli insaccati ma dai vegetali, quelli maggiormente ricchi, avendo un contenuto per kg di prodotto vegetale superiore...
vinci-partners

Il microbiota intestinale

Da madre in figlio

Proporzioni più elevate di Lactobacillus e percentuali inferiori di Bacteroides entro tre mesi dalla nascita predice un rischio più elevato di sovrappeso nell’infanzia.

Inoltre, una abbondanza di Bifidobacterium spp. all’inizio della vita sembra essere associato con un minor rischio di diventare sovrappeso, mentre l’abbondanza di Bacteroides fragilis aumenta la probabilità di sviluppo dell’obesità.

In aggiunta a queste evidenze c’è da dire che uno dei più forti predittori dell’obesità infantile è rappresentata dall’obesità materna.

Un insieme di prove suggerisce che questo potrebbe essere parzialmente spiegato dal trasferimento verticale di microbiota obesogenico da madri obese alla loro progenie.

Il microbiota intestinale

Contribuisce fortemente all’aumento di peso e l’obesità.

C’è un crescente interesse nel targeting o nella manipolazione del microbiota intestinale al fine di prevenire l’obesità o facilitare la perdita di peso.

Riconoscendo l’importanza della colonizzazione dell’intestino, diversi studi stanno testando nuove terapie probiotiche (ad esempio Akkermansia muciniphila e Butirricocco pullicaecorum) negli studi clinici di donne in gravidanza, anche se sono necessarie ulteriori indagini per determinare complessivamente la sicurezza clinica e l’efficacia di questo approccio.

Accanto a questi tentativi per ottimizzare il microbiota intestinale con i probiotici, c’è un forte interesse nella comprensione circa l’impatto degli antibiotici sul microbiota intestinale in via di sviluppo.

da Isolauri E, Sherman PM, Walker WA (eds): Microbioma intestinale: aspetti funzionali in salute e malattia. Nestlé Nutr Inst Workshop Ser, vol. 88, pagg. 67-79, (DOI: 10.1159 / 000455216) Nestec Ltd., Vevey / S. Karger AG., Basel, © 2017

Precedenti

Successivi

Share This

Share this post with your friends!