NEW

Basso livello di vitamina D3

Questo articolo è una prestampa e non è stato certificato da peer review. Che cos'è una prestampa non revisionata? Prima della pubblicazione formale in una rivista accademica, gli articoli scientifici e medici sono tradizionalmente certificati da "peer review". In...

Disturbi dell’alimentazione (DA): cosa c’è da sapere

Disturbi dell’alimentazione (DA). Queste patologie si manifestano prevalentemente tra i 12 e i 25 anni, ma negli ultimi tempi è emerso un preoccupante aumento delle fasce di età coinvolte: attualmente circa il 20% dei pazienti ha un'età compresa tra gli 8 e i 14 anni....

Considerazioni su bambini e Covid-19

Bambini e Covid-19. Su questo punto i dati sono ormai consolidati e coerenti tra i diversi studi effettuati, in Paesi diversi e da diversi gruppi di ricerca: i bambini si ammalano poco, molto poco; e quando lo fanno, le manifestazioni cliniche sono lievi. Le eccezioni...

Dieta mediterranea e artrosi

Questo perché i risultati di molti studi di base, clinici ed epidemiologici sono arrivati a considerarlo come un fattore protettivo contro lo sviluppo di processi multipli come malattie cardiovascolari, diversi tipi di cancro, malattie neurodegenerative e persino...

ALIMENTAZIONE E PSICHE

È indubbio che esiste un forte tra alimentazione e psiche. La famiglia, oltre a trasmettere i caratteri genetici, influenza inevitabilmente il comportamento alimentare e questo “imprinting” familiare risulta particolarmente importante in età prescolare. Nelle famiglie...

Un ottimo film su anoressia, bulimia ed altro ancora: da vedere!

http://www.youtube.com/watch?v=cyrSNfJ6zXU

Spesso le adolescenti si sottopongono a diete rigidissime ed a digiuni prolungati configurando quadri clinici ricondicibili all’anoressia.
Altri soggetti anche contemporaneamente all’anoressia si alimentano in maniera eccessiva e compulsiva (bulimia) per poi allontanare tale cibo con il vomito indotto e/o con uso smodato di lassativi .

Questi disturbi del comportamento alimentare sono aumentati

Questi disturbi del comportamento alimentare, rari fino agli anni ’50, sono aumentati in maniera considerevole.

Più della metà delle anoressie evolve in genere verso la bulimia e la maggior parte dei casi di bulimia sono stati in precedenza casi di anoressia conclamata o parziale. L’1-2% della popolazione (essenzialmente femminile), tra i 10 e i 30 anni soffre di anoressia e/o bulimia.

E’ possibile che fattori genetici possano favorire le condizioni ambientali.

I criteri diagnostici delineati

I criteri diagnostici, delineati dalla quarta edizione del “Diagnostic and statistical manual of mental disorders (DSM) sono i seguenti:

    • Perdita di peso e rifiuto di mantere il peso corporeo al livello minimo normale per l’età e la statura;
    • Disturbi nel modo di sentire il proprio peso e negazione della gravità della perdita di peso;
    • Paura di aumentare di peso, pur essendo sottopeso;
    • Amenorrea (o perdita della libido nei maschi).

Quando sono presenti questi disordini alimentari devono essere affrontati con decisione da uno staff medico-psicologico esperto di tali condizioni.

Indicazioni da seguire

Possiamo a riguardo consigliare ai genitori alcune indicazioni comportamentali di massima:

      • i genitori devono evitare di litigare e di contraddirsi;
      • pretendere che il paziente si sieda a tavola con gli altri o impedire che il soggetto bulimico svuoti il frigorifero;
      • mantenere gli impegni sociali e contatti con il mondo esterno;
      • non derogare dalle regole e dai principi educativi in famiglia;
      • non trattare la paziente diversamente dagli altri figli;
      • continuare a fare i genitori, con fermezza e coerenza.

Il medico dovrà pertanto individuare le famiglie a rischio per consigliare, quando necessario, un trattamento psicologico familiare unitamente alla dietoterapia.

dal libro Pitzalis G, Lucibello: Il cibo istruzioni per l’uso. Franco Angeli editore

Precedenti

Successivi

Share This

Share this post with your friends!