NEW

Uova e colesterolo

Le malattie cardiovascolari (CVD) contribuiscono a oltre 17 milioni di decessi all'anno a livello globale, che rappresentano quasi la metà di tutti i decessi per malattie non trasmissibili. Le malattie cardiovascolari sono principalmente causate dall'aterosclerosi....

Il coronavirus e i bambini

Nel dicembre 2019, un gruppo di casi di polmonite, che in seguito furono dimostrati essere causati da un nuovo coronavirus (chiamato "2019-nCoV"), è emerso nella città di Wuhan, nella provincia di Hubei, in Cina. Al 30 gennaio 2020, 9692 casi confermati e 15.238 casi...

Dieta senza glutine

La celiachia è un’intolleranza permanente al glutine. Quindi la dieta senza glutine serve per eliminare le sostanze proteiche presenti nei cereali come il grano, l’orzo, la segale e il farro. Continua ad aumentare, seppur gradualmente, il numero di persone cui viene...

Le diete vegetariane

Le diete vegetariane sono in forte espansione e, sebbene queste diete siano state collegate ad alcuni benefici per la salute, la bassa biodisponibilità di alcuni micronutrienti negli alimenti vegetali può comportare il rischio di carenze nutrizionali, il che rende...

15-17 anni. Non lasciamoli soli.

Finalità del progetto adolescenti di Giustopeso Italia #nonlasciamolisoli Attivare una rete integrata di professionisti specializzati nella prevenzione e nel trattamento del disagio e dei comportamenti a rischio negli adolescenti ansia depressione dipendenze disturbi...

L’adolescenza in famiglia: guida pratica per genitori

L’adolescenza è una fase del ciclo vitale caratterizzata da rapide trasformazioni fisiche, cognitive, psicologiche e relazionali.

Rappresenta un momento particolarmente delicato dello sviluppo, con svariate potenzialità e risorse da incanalare, ma con elevati rischi di disagi psicologici e sociali.

Il ragazzo si trova proiettato in un territorio di passaggio, sospeso tra la fanciullezza e l’età adulta, tra l’esaltazione e la confusione, tra l’onnipotenza e l’incertezza.

I repentini cambiamenti d’umore, che spesso disorientano i genitori, sono assolutamente naturali e fisiologici.

Il disagio adolescenziale si manifesta attraverso una serie di segnali che, se colti nella maniera corretta, possono essere affrontati.

In questa fase di vita è necessario un “ascolto rispettoso e non giudicante”: i genitori devono fungere da spettatori, lasciando la libertà ai propri figli di sperimentarsi in autonomia e di fare degli errori ma, allo stesso tempo, devono sapersi trasformare in attori protagonisti e attivare le risorse necessarie per intervenire in caso di bisogno.

Questa rubrica nasce dalla volontà di aiutare i genitori sia a relazionarsi in maniera corretta con un figlio adolescente, sia a decodificare e differenziare i normali segnali evolutivi dai campanelli d’allarme che preannunciano un malessere psicologico.

Precedenti

Successivi

Share This

Share this post with your friends!