NEW

Dieta mediterranea e morbo di Alzheimer

Dieta mediterranea e morbo di Alzheimer. La malattia di Alzheimer (AD) è la causa più comune di demenza negli adulti, in media l’11% e aumenta con l'età tanto che è tra le prime 10 cause di morte di questa fascia di età; rappresenta una questione importante sia per i...

Io spero di farcela… nelle sale di attesa

Le sale di attesa, infatti, per noi informatori scientifici del farmaco possono diventare davvero pesanti, uno perché può protrarsi davvero a lungo, due perché le persone tendono ad additarti come il “rappresentante” che sta lì solo per fare due chiacchiere con il...

Vuoi bene alla tua pelle? Allora mangia così!

Il rapido aumento delle malattie metaboliche, avvenuto negli ultimi tre decenni sia nei paesi industrializzati che in quelli in via di sviluppo, è stato collegato all'aumento del consumo di zuccheri aggiunti e del consumo di bevande zuccherate. Evitarli, significa...

Latte vaccino

Il recupero post-esercizio è un processo complesso che varia in base alla natura dell'esercizio, al tempo che intercorre tra le sessioni di allenamento ed ai diversi obiettivi dell'operatore. Da un punto di vista nutrizionale, le principali considerazioni sono:...

LA STORIA DELLA PRIMA COLAZIONE

È improbabile che la prima colazione sia esistita prima dello sviluppo dell'allevamento, dell'agricoltura e dell'acquisizione della capacità di conservare il cibo. Prima di allora "il pasto" in generale era il risultato di una caccia fortunata o di fortuiti...
Latte Sano, chi pensa Sano ama il buono della vita.

L’ adolescenza e la bellezza costruita

L’adolescenza è l’età della vita interposta tra fanciullezza ed età adulta.

È collocabile tra i 12-14 e i 18-20 anni, ed è caratterizzata da una serie di cambiamenti fisici e psicologici che possono rendere i ragazzi più fragili e confusi.

È importante considerare che in questa fase di transizione lo sviluppo psicologico-emozionale avviene in ritardo rispetto allo sviluppo fisico.

La necessità di essere “indipendenti” e il bisogno di figure di riferimento al di fuori della famiglia, facilitano il nascere della socialità verso i 13-14 anni.

Iniziano sentimenti quali ansia, sensi di colpa, vergogna, pulsioni (ad es. la libido) e muta il rapporto dell’adolescente con il proprio corpo.

Sempre in questa fase della vita l’aspetto fisico assume un’importanza molto rilevante, influenzati come sono da media, social e chat.

Gli adolescenti, inevitabilmente, assumono come figure di riferimento modelli estetici perfetti e, desiderando migliorare il proprio aspetto o correggere difetti reali o immaginati, ricorrono sempre più frequentemente a trattamenti di medicina e/o di chirurgia estetica, a volte consigliati perfino dal nucleo familiare.

Proprio questi atteggiamenti ossessivi e che tendono verso un’estetica immaginaria e indotta, possono influire negativamente sullo sviluppo psicologico-emozionale, perché intervengono in un momento delicato della formazione del Sé quale è l’adolescenza, rischiando così di determinare una scarsa autostima, insicurezza e atteggiamenti patologici quali anoressia/bulimia fino ad arrivare ad una vera e propria dismorfofobia.

La dismorfofobia è propriamente una fobia che nasce da una visione distorta che si ha del proprio aspetto esteriore, causata da un’eccessiva preoccupazione della propria immagine corporea.

È anche la paura del brutto, la preoccupazione ossessiva di essere o diventare brutti ed è un disturbo legato alle “trasformazioni”, tipiche della pubertà.

Le insoddisfazioni corporee, tipiche dell’ adolescenza riguardano difetti reali o immaginari del viso come capelli, rughe, acne o imperfezioni quali la couperose, forme o dimensioni di occhi, bocca, labbra, denti ma anche altre parti del corpo, che possono diventare motivo di forte preoccupazione.

Da un’indagine effettuata nel 2015 dalla SIME (Società italiana di Medicina Estetica) tramite la compilazione di un questionario, su un campione di 2265 partecipanti di cui 880 maschi (38,9%) e 1385 femmine (61,1%) di età compresa tra i 13 e i 18 anni, sono emersi alcuni dati:

  • Il concetto di bellezza è dettato da canoni di armonia e proporzione della figura in egual misura per ragazzi e ragazze (con prevalenza per le femmine) di “modelli” appartenenti al mondo dello spettacolo.
  • Farebbe uso della medicina estetica il 49,2% degli adolescenti mentre il 31,3% del campione ricorre alla chirurgia estetica con prevalenza delle femmine; il 15% ha già fatto uso di trattamenti di medicina estetica per acne, riduzione dei peli superflui o smagliature.
  • Il 12,6% dei familiari suggerisce ai ragazzi interventi di estetica.

I trattamenti più richiesti sono:

  • acne 57%
  • smagliature 16%
  • ipertricosi 12%
  • cellulite 15% (in quest’ultimo caso sono solo donne)

Il 15% delle femmine e il 3,3% dei maschi ha già fatto trattamenti di medicina estetica per curare l’acne, ridurre i peli superflui e le smagliature.

Hanno fatto ricorso alla chirurgia estetica il 5,3% dei maschi e l’1,9% delle femmine per interventi su naso, orecchie, seno.

Tra gli adolescenti con bulimia nervosa, le ragazze hanno fatto trattamenti di medicina estetica in maggioranza nelle regioni del Nord Italia e i ragazzi che si sono sottoposti a trattamenti di chirurgia plastica erano spesso insoddisfatti della propria altezza; entrambi i gruppi mostravano bassa autostima.

Le ragazze intervistate erano disposte, in futuro, a sottoporsi a interventi chirurgici per dimagrire. Almeno il 50% del campione sarebbe disposto ad un accanimento terapeutico.

Fondamento della medicina estetica, soprattutto nell’età adolescenziale, è la cosmesi.

Sono state indagate le abitudini cosmetologiche, tramite un questionario, dal quale sono emersi i seguenti dati:

Il 90% degli intervistati usa un detergente al mattino.

Di questi le ragazze il sapone nel 52% dei casi, il 20% il detergente della madre e solo il 18% un detergente specifico.

I ragazzi si serve del sapone nel 70% dei casi e nel 30% di prodotti specifici per l’acne.

Solo il 53% degli adolescenti usa il detergente la sera con prevalenza delle femmine (48%), usato per struccarsi.

In generale seguono, con maggior precisione, i trattamenti consigliati per l’acne rispetto a quelli per la terapia della cellulite.

Le ragazze acquistano le creme nel 63% dei casi al supermercato e nel 37% in profumeria; i ragazzi usano i prodotti consigliati dalle madri. Le femmine, invece, seguono prevalentemente i consigli delle amiche e della pubblicità. Quindi per i maschi esistono o le madri o la pubblicità.

Il trucco è più frequente tra le giovanissime 14-16 anni.

Le adolescenti usano fondotinta, gloss e mascara con particolare attenzione alle labbra e sono disposte a spendere nell’84,3 % dei casi più per un prodotto cosmetico da trucco che per una buona crema.

In questa nuova e crescente richiesta di trattamenti di estetica, spesso lontani dal reale benessere che tale disciplina dovrebbe fornire (dove l’apparire domina l’essere), si rende sempre più necessaria una figura professionale di riferimento che sappia indirizzare gli adolescenti verso il corretto stile di vita e la giusta terapia che sono alla base della salute e della vera bellezza.

È quindi fondamentale la figura del pediatra, che segue e conosce l’evoluzione del bambino fino all’adolescenza, e che è in grado di seguire il meraviglioso percorso della crescita.

È auspicabile che acquisisca una esperienza anche in medicina estetica intesa non come trattamento che muta la figura ma come la medicina che cura l’inestetismo in quanto sintomo di un disturbo reale.

Infatti solo curando la patologia reale si può raggiungere la cura dell’imperfezione, il vero senso del bello e realizzare così il compito della medicina estetica in adolescenza.

Precedenti

Successivi

Share This

Share this post with your friends!