NEW

Covid-19 e i bambini: Esposizione prolungata allo schermo

Covid-19 e i bambini. Il COVID-19 è una grave crisi di salute pubblica e ha cambiato notevolmente le nostre vite. In particolare, la maggior parte dei bambini è colpita poiché il COVID-19 ha impedito loro di accedere all'istruzione in presenza. Covid-19 e i bambini....

Il nichel: onnipresente ma sconosciuto

Il nichel (Ni) appartiene agli elementi ferromagnetici, ed è naturalmente presente nella crosta terrestre solitamente in combinazione con ossigeno e zolfo sotto forma di ossidi e solfuri. In mare ci sono circa otto miliardi di tonnellate di Ni. Grazie alle sue...

Alimentazione ed eros – Parte seconda

I cibi afrodisiaci - Alimentazione ed eros - Parte seconda Alimentazione ed eros: Aglio e cipolla. Considerati eccitanti in tante culture, aglio e cipolla sono proibiti in molte congregazioni monastiche sia in Oriente che in Occidente. Sono i più popolari cibi...

Alimentazione ed eros – Prima parte

Tutto merito della BBC che in un programma aveva attribuito all’aglio crudo delle proprietà simili a quelle dei noti farmaci per il “potenziamento” della funzione sessuale maschile. Alimentazione ed eros. In effetti, da sempre e in ogni parte del mondo, l’uomo ha...

Uso degli antibiotici

Uso degli antibiotici. Si ritiene che il microbiota intestinale sia coinvolto nella patogenesi della malattia celiaca, unitamente alla componente genetica. Il microbiota intestinale è fortemente influenzato dagli antibiotici sistemici, specialmente nelle prime fasi...
vinci-partners

I genitori hanno abdicato la loro ruolo di educatori

Molti genitori concedono l'uso dello smartphone ai propri figli come 'calmante'. Altri genitori ne permettono il possesso a partire dalla scuola primaria.

Ancor prima di analizzare il problema relativo a “cosa guardano i bambini online” bisognerebbe interrogarsi sul perché i bambini abbiano a disposizione potenti dispositivi come smartphone e tablet già in tenera età.

E in molti casi papà e mamme, ma anche nonni e baby sitter, lasciano che il lattante o il bambino piccolo giochi con il tablet.

Sono tutti comportamenti di cui non si devono sottovalutare le conseguenze: davanti allo schermo i bambini perdono infatti il ‘rispecchiamento emotivo’, che significa guardarsi negli occhi e pensare alla stessa cosa, ovvero uno degli aspetti indispensabili per sviluppare l’empatia, che è essenziale per crescere.

Perché accade tutto questo?

La mia impressione è che ormai i genitori abbiano abdicato al loro ruolo, e non riescono a dare regole precise – ne basterebbero poche, ma condivise da entrambi i genitori – circa la gestione di questi dispositivi.

Il risultato è che i bambini di oggi non hanno più diritto a un’infanzia ‘wifi-free’.

Il nucleo familiare spesso non aiuta:

frequentemente sono infatti i genitori a offrire ai bambini un pessimo esempio, perché sono i primi a essere continuamente collegati, sempre con lo smartphone in mano (e nell’altra, magari, l’amata sigaretta, anche quella elettronica).

Cosa pensate che faranno allora questi figli, una volta grandi? La pubblicità martellante, poi, arreca altri danni e con il passare degli anni la frequentazione dei coetanei fa il resto.

Molto spesso sento dire dai genitori: “Quando sta davanti al computer riesco a non pensarlo”.

Ma i bambini hanno bisogno di essere pensati. Genitori, pensateci».

Precedenti

Successivi

Share This

Share this post with your friends!