NEW

Dieta mediterranea e morbo di Alzheimer

Dieta mediterranea e morbo di Alzheimer. La malattia di Alzheimer (AD) è la causa più comune di demenza negli adulti, in media l’11% e aumenta con l'età tanto che è tra le prime 10 cause di morte di questa fascia di età; rappresenta una questione importante sia per i...

Io spero di farcela… nelle sale di attesa

Le sale di attesa, infatti, per noi informatori scientifici del farmaco possono diventare davvero pesanti, uno perché può protrarsi davvero a lungo, due perché le persone tendono ad additarti come il “rappresentante” che sta lì solo per fare due chiacchiere con il...

Vuoi bene alla tua pelle? Allora mangia così!

Il rapido aumento delle malattie metaboliche, avvenuto negli ultimi tre decenni sia nei paesi industrializzati che in quelli in via di sviluppo, è stato collegato all'aumento del consumo di zuccheri aggiunti e del consumo di bevande zuccherate. Evitarli, significa...

Latte vaccino

Il recupero post-esercizio è un processo complesso che varia in base alla natura dell'esercizio, al tempo che intercorre tra le sessioni di allenamento ed ai diversi obiettivi dell'operatore. Da un punto di vista nutrizionale, le principali considerazioni sono:...

LA STORIA DELLA PRIMA COLAZIONE

È improbabile che la prima colazione sia esistita prima dello sviluppo dell'allevamento, dell'agricoltura e dell'acquisizione della capacità di conservare il cibo. Prima di allora "il pasto" in generale era il risultato di una caccia fortunata o di fortuiti...
Latte Sano, chi pensa Sano ama il buono della vita.

Vitamine ed antiossidanti in farmacia: meglio mangiare bene

Sebbene studi di tipo osservazionale abbiano suggerito un effetto benefico cardiovascolare delle vitamine e degli antiossidanti contenuti nella frutta e nella verdura, studi randomizzati sull’argomento hanno ottenuto risultati controversi.

La maggior parte di questi studi ha preso in considerazione l’uso di supplementi vitaminici, ma mancano metanalisi sull’argomento. Alcuni ricercatori ne hanno realizzata una utilizzando i dati di 50 studi randomizzati, con un campione totale di 295.000 soggetti, per verificare l’efficacia di supplementazioni vitaminiche e di antiossidanti nella prevenzione cardiovascolare.

Nel complesso non si è visto alcun effetto di questi supplementi sul rischio di decesso da causa cardiovascolare (infarto, angina, stroke, morte cardiaca improvvisa, TIA).

Allo stesso modo questi supplementi non hanno avuto effetto alcuno sul rischio CV di sottogruppi in prevenzione primaria o secondaria, e non è stato possibile riscontrare efficacia né in base al tipo di vitamine o di antiossidanti utilizzati, né in base alla durata dell’assunzione, né in base all’associazione di più sostanze.

L’industria farmaceutica presenta questi prodotti come integratori dotati di ottime proprietà preventive in ambito cardiovascolare anche se ciò non trova per ora riscontro nella pratica clinica.

In conclusione è comunque necessario ed imperativo mangiare in modo corretto e variato, facendo ampio uso di frutta e verdura di stagione.

Myung S-K et al. Efficacy of vitamin and antioxidant supplements in prevention of cardiovascular disease: Systematic review and meta-analysis of randomised controlled trials. BMJ 2013 Jan 18; 346:f10

Precedenti

Successivi

Share This

Share this post with your friends!