NEW

Vuoi bene alla tua pelle? Allora mangia così!

Il rapido aumento delle malattie metaboliche, avvenuto negli ultimi tre decenni sia nei paesi industrializzati che in quelli in via di sviluppo, è stato collegato all'aumento del consumo di zuccheri aggiunti e del consumo di bevande zuccherate. Evitarli, significa...

Latte vaccino

Il recupero post-esercizio è un processo complesso che varia in base alla natura dell'esercizio, al tempo che intercorre tra le sessioni di allenamento ed ai diversi obiettivi dell'operatore. Da un punto di vista nutrizionale, le principali considerazioni sono:...

LA STORIA DELLA PRIMA COLAZIONE

È improbabile che la prima colazione sia esistita prima dello sviluppo dell'allevamento, dell'agricoltura e dell'acquisizione della capacità di conservare il cibo. Prima di allora "il pasto" in generale era il risultato di una caccia fortunata o di fortuiti...

Diete di esclusione nei bambini autistici

Bambini autistici. Ecco cosa riporta la letteratura medica. Quindi diffidate dai tanti medici, paramedici o peggio: sono tante sirene ammaliatrici. Gluten- and casein-free diet and autism spectrum disorders in children: a systematic review. Piwowarczyk, A., Horvath,...

Prima visita di medicina estetica

La Prima visita di medicina estetica, comprende, dopo un accurata anamnesi ed esame obiettivo finalizzati alla conoscenza dello stato di salute generale ed estetico, una serie di valutazioni morfologiche e funzionali volte ad approfondire lo studio e la cura degli...
Latte Sano, chi pensa Sano ama il buono della vita.

Più latte e formaggi

Tre porzioni al giorno di di formaggi non magri per ridurre la mortalità e il rischio di malattie cardiovascolari.
È quello che è emerso da un recente studio in relazione al consumo giornaliero di latticini.

Più latte e formaggi aiutano a diminuire il rischio di mortalità

Il risultato dello studio pubblicato sulla rivista The Lancet sul consumo quotidiano di latticini ci dicono proprio questo.

Più latte e i formaggi nella nostra alimentazione fanno bene alla nostra salute

L’indagine è stata condotta su un campione di 136.000 persone, appartenenti a 21 paesi diversi, che sono stati seguiti per circa nove anni.
Inizialmente sono stati sottoposti loro dei questionari abbastanza dettagliati incentrati sulla loro alimentazione.

Da questi sono emerse poi quattro categorie di gruppi suddivisi in base al consumo giornaliero di latticini:

  • gruppo a zero consumo (28.674)
  • gruppo da meno di una porzione (55.651)
  • gruppo da 1-2 porzioni (24.423)
  • gruppo da oltre 2 porzioni (27.636)

Durante il periodo di monitoraggio gli epidemiologi hanno registrato inoltre tutti i decessi del campione in esame con le rispettive cause di morte.

Il risultato?

Rispetto al gruppo che non mangiava per niente latticini, il gruppo con un consumo più alto ha presentato tassi inferiori di mortalità:

  • per tutte le cause (3,4% vs 5,6%)
  • per le cause non cardiovascolari (2,5% vs 4%)
  • per le malattie cardiovascolari (0,9% vs 1,6%)

Ma a quanto equivale una porzione di latticini?

Semplicemente ad un bicchiere di latte, un vasetto grande di yogurt, una fetta di formaggio da 15 grammi o ad un cucchiaino di tè da burro.
Nulla di esagerato insomma!

Stando alle parole di Mahshid Dehghan della McMaster University in Canada, principale esponente della ricerca:

“I nostri risultati sostengono l’idea che il consumo di latticini possa proteggere da morte e patologie cardiovascolari, specialmente nei paesi a basso e medio reddito dove, attualmente, il consumo di questi alimenti è ben più limitato rispetto a nord America ed Europa”.

Precedenti

Successivi

Share This

Share this post with your friends!