NEW

Diete di esclusione nei bambini autistici

Bambini autistici. Ecco cosa riporta la letteratura medica. Quindi diffidate dai tanti medici, paramedici o peggio: sono tante sirene ammaliatrici. Gluten- and casein-free diet and autism spectrum disorders in children: a systematic review. Piwowarczyk, A., Horvath,...

Prima visita di medicina estetica

La Prima visita di medicina estetica, comprende, dopo un accurata anamnesi ed esame obiettivo finalizzati alla conoscenza dello stato di salute generale ed estetico, una serie di valutazioni morfologiche e funzionali volte ad approfondire lo studio e la cura degli...

Il latte, un abbraccio mattutino.

In Italia, la prima colazione è spesso screditata o saltata e un ridotto o assente consumo di latte o yogurt, costituisce il primo e più diffuso errore alimentare. La prima colazione è davvero fondamentale. Al risveglio è necessaria una buona carica di nutrienti per...

Obesità infantile: in Italia il problema è serio

Riguardo all'obesità infantile, sul banco degli imputati non solo consumo esagerato di zuccheri e grassi e alimentazione sbilanciata, ma anche il poco movimento fisico. In Italia il fenomeno dell'obesità infantile è in crescita, con la percentuale di bambini e...

Il microbiota intestinale

Proporzioni più elevate di Lactobacillus e percentuali inferiori di Bacteroides entro tre mesi dalla nascita predice un rischio più elevato di sovrappeso nell’infanzia. Inoltre, una abbondanza di Bifidobacterium spp. all’inizio della vita sembra essere associato con...
Latte Sano, chi pensa Sano ama il buono della vita.

Noci e malattie cardiovascolari (CHD).

Le noci sono alimenti ricchi di nutrienti con matrici complesse ricche di acidi grassi insaturi e altri composti bioattivi, come arginina, fibre, minerali salutari, vitamina E, fitosteroli e polifenoli.

(Ros E Br J Nutr. 2015 aprile; 113 Suppl 2: S111-20)

In virtù della loro composizione unica, è probabile che le noci influiscano positivamente sulla salute cardiovascolare.

Studi epidemiologici hanno associato il consumo di noci con una ridotta incidenza di CHD in entrambi i sessi e di diabete nelle donne, ma non negli uomini.

Le prove di alimentazione hanno chiaramente dimostrato che il consumo di tutti i tipi di frutta a guscio ha un effetto di abbassamento del colesterolo, anche nel contesto di diete sane.

Vi è una crescente evidenza che il consumo di noci ha un effetto benefico sullo stress ossidativo, sull’infiammazione e sulla reattività vascolare.

Anche la pressione sanguigna, l’adiposità viscerale e la sindrome metabolica sembrano essere positivamente influenzate dal consumo di noci.

Contrariamente alle aspettative, gli studi epidemiologici e gli studi clinici suggeriscono che il consumo regolare di noci non è associato ad un eccessivo aumento di peso.

Recentemente, il Prevención con la prova clinica randomizzata di Dieta Mediterránea sull’intervento nutrizionale a lungo termine in soggetti ad alto rischio cardiovascolare ha fornito prove di prima classe che il consumo regolare di noci è associato a una riduzione del 50% del diabete e, cosa più importante, a una riduzione del 30% delle malattie cardiovascolari.

Di nota, l’ictus dell’incidente è stato ridotto di quasi il 50% nei partecipanti assegnati a una dieta mediterranea arricchita con una porzione giornaliera di noci miste (15 g di noci, 7,5 g di mandorle e 7,5 g di nocciole).

Così il consumo frequente di frutta secca in guscio ha un effetto benefico sul rischio di CVD che può essere mediato da effetti salutari sui fattori di rischio intermedi.

Precedenti

Successivi

Share This

Share this post with your friends!