NEW

Basso livello di vitamina D3

Questo articolo è una prestampa e non è stato certificato da peer review. Che cos'è una prestampa non revisionata? Prima della pubblicazione formale in una rivista accademica, gli articoli scientifici e medici sono tradizionalmente certificati da "peer review". In...

Disturbi dell’alimentazione (DA): cosa c’è da sapere

Disturbi dell’alimentazione (DA). Queste patologie si manifestano prevalentemente tra i 12 e i 25 anni, ma negli ultimi tempi è emerso un preoccupante aumento delle fasce di età coinvolte: attualmente circa il 20% dei pazienti ha un'età compresa tra gli 8 e i 14 anni....

Considerazioni su bambini e Covid-19

Bambini e Covid-19. Su questo punto i dati sono ormai consolidati e coerenti tra i diversi studi effettuati, in Paesi diversi e da diversi gruppi di ricerca: i bambini si ammalano poco, molto poco; e quando lo fanno, le manifestazioni cliniche sono lievi. Le eccezioni...

Dieta mediterranea e artrosi

Questo perché i risultati di molti studi di base, clinici ed epidemiologici sono arrivati a considerarlo come un fattore protettivo contro lo sviluppo di processi multipli come malattie cardiovascolari, diversi tipi di cancro, malattie neurodegenerative e persino...

ALIMENTAZIONE E PSICHE

È indubbio che esiste un forte tra alimentazione e psiche. La famiglia, oltre a trasmettere i caratteri genetici, influenza inevitabilmente il comportamento alimentare e questo “imprinting” familiare risulta particolarmente importante in età prescolare. Nelle famiglie...

Noci e malattie cardiovascolari (CHD).

Le noci sono alimenti ricchi di nutrienti con matrici complesse ricche di acidi grassi insaturi e altri composti bioattivi, come arginina, fibre, minerali salutari, vitamina E, fitosteroli e polifenoli.

(Ros E Br J Nutr. 2015 aprile; 113 Suppl 2: S111-20)

In virtù della loro composizione unica, è probabile che le noci influiscano positivamente sulla salute cardiovascolare.

Studi epidemiologici hanno associato il consumo di noci con una ridotta incidenza di CHD in entrambi i sessi e di diabete nelle donne, ma non negli uomini.

Le prove di alimentazione hanno chiaramente dimostrato che il consumo di tutti i tipi di frutta a guscio ha un effetto di abbassamento del colesterolo, anche nel contesto di diete sane.

Vi è una crescente evidenza che il consumo di noci ha un effetto benefico sullo stress ossidativo, sull’infiammazione e sulla reattività vascolare.

Anche la pressione sanguigna, l’adiposità viscerale e la sindrome metabolica sembrano essere positivamente influenzate dal consumo di noci.

Contrariamente alle aspettative, gli studi epidemiologici e gli studi clinici suggeriscono che il consumo regolare di noci non è associato ad un eccessivo aumento di peso.

Recentemente, il Prevención con la prova clinica randomizzata di Dieta Mediterránea sull’intervento nutrizionale a lungo termine in soggetti ad alto rischio cardiovascolare ha fornito prove di prima classe che il consumo regolare di noci è associato a una riduzione del 50% del diabete e, cosa più importante, a una riduzione del 30% delle malattie cardiovascolari.

Di nota, l’ictus dell’incidente è stato ridotto di quasi il 50% nei partecipanti assegnati a una dieta mediterranea arricchita con una porzione giornaliera di noci miste (15 g di noci, 7,5 g di mandorle e 7,5 g di nocciole).

Così il consumo frequente di frutta secca in guscio ha un effetto benefico sul rischio di CVD che può essere mediato da effetti salutari sui fattori di rischio intermedi.

Precedenti

Successivi

Share This

Share this post with your friends!