NEW

La melatonina

I disturbi del sonno sono molto diffusi nei bambini e, senza un adeguato trattamento, possono diventare cronici e durare per molti anni. La definizione di insonnia è la difficoltà ripetuta di addormentarsi (più di 30 minuti a notte), sonno insufficiente (meno di 8...

Ginecomastia adolescenziale

Dovrebbe essere differenziato dalla pseudo ginecomastia (seno grasso) che è comunemente visto nei maschi obesi a causa della maggiore deposizione di grasso senza proliferazione ghiandolare. La ginecomastia adolescenziale può causare imbarazzo e disagio emotivo nei...

Gocce di Luteina

In diversi Centri Nascita è invalso l’uso di prescrivere a neonati a termine sani gocce a base di carotenoidi come luteina o il suo stereoisomero zeaxantina per la prevenzione di un supposto danno retinico. La ricerca in letteratura di studi che ne documentino...

L’ adolescenza e la bellezza costruita

È collocabile tra i 12-14 e i 18-20 anni, ed è caratterizzata da una serie di cambiamenti fisici e psicologici che possono rendere i ragazzi più fragili e confusi. È importante considerare che in questa fase di transizione lo sviluppo psicologico-emozionale avviene in...

Test della saliva per lo screening della malattia celiaca

  Nella mucosa dell’intestino tenue sono presenti lesioni caratteristiche: infiammazione e appiattimento dei villi con iperplasia delle cripte di Lieberkün (le strutture in cui gli enterociti, le cellule che rivestono il lume intestinale, vengono prodotte e...
Latte Sano, chi pensa Sano ama il buono della vita.

Noci e malattie cardiovascolari (CHD).

Le noci sono alimenti ricchi di nutrienti con matrici complesse ricche di acidi grassi insaturi e altri composti bioattivi, come arginina, fibre, minerali salutari, vitamina E, fitosteroli e polifenoli.

(Ros E Br J Nutr. 2015 aprile; 113 Suppl 2: S111-20)

In virtù della loro composizione unica, è probabile che le noci influiscano positivamente sulla salute cardiovascolare.

Studi epidemiologici hanno associato il consumo di noci con una ridotta incidenza di CHD in entrambi i sessi e di diabete nelle donne, ma non negli uomini.

Le prove di alimentazione hanno chiaramente dimostrato che il consumo di tutti i tipi di frutta a guscio ha un effetto di abbassamento del colesterolo, anche nel contesto di diete sane.

Vi è una crescente evidenza che il consumo di noci ha un effetto benefico sullo stress ossidativo, sull’infiammazione e sulla reattività vascolare.

Anche la pressione sanguigna, l’adiposità viscerale e la sindrome metabolica sembrano essere positivamente influenzate dal consumo di noci.

Contrariamente alle aspettative, gli studi epidemiologici e gli studi clinici suggeriscono che il consumo regolare di noci non è associato ad un eccessivo aumento di peso.

Recentemente, il Prevención con la prova clinica randomizzata di Dieta Mediterránea sull’intervento nutrizionale a lungo termine in soggetti ad alto rischio cardiovascolare ha fornito prove di prima classe che il consumo regolare di noci è associato a una riduzione del 50% del diabete e, cosa più importante, a una riduzione del 30% delle malattie cardiovascolari.

Di nota, l’ictus dell’incidente è stato ridotto di quasi il 50% nei partecipanti assegnati a una dieta mediterranea arricchita con una porzione giornaliera di noci miste (15 g di noci, 7,5 g di mandorle e 7,5 g di nocciole).

Così il consumo frequente di frutta secca in guscio ha un effetto benefico sul rischio di CVD che può essere mediato da effetti salutari sui fattori di rischio intermedi.

Precedenti

Successivi

Share This

Share this post with your friends!