NEW

Infezione da Helicobacter pylori

L’ infezione da Helicobacter pylori porta costantemente a una risposta infiammatoria cronica e di basso grado nella mucosa gastrica ed è strettamente correlata alle malattie gastrointestinali ed extra-gastriche. Gli effetti del microbioma locale nello stomaco sono...

Il mal di pancia nel bambino

Il mal di pancia nel bambino. Nella maggioranza dei casi si tratta di alterazioni funzionali gastrointestinali perché solo nel 5-10% dei pazienti è possibile individuare una causa organica del dolore. Dispepsia e dolore funzionale. La dispepsia può essere definita...

Bevande vegetali per il bambino?

Nell'ultimo decennio, il consumo di latte vaccino pro capite è progressivamente diminuito insieme all'aumento della disponibilità e del consumo di bevande vegetali. Le bevande vegetali non casearie continuano a mostrare una tendenza alle vendite in aumento nei paesi...

Latte materno, Omega-3 e temperamento infantile

La nutrizione nella prima infanzia gioca un ruolo fondamentale nello sviluppo del cervello. Negli ultimi decenni, la ricerca ha dimostrato che l'esposizione al latte umano e la variazione nella sua composizione contribuiscono in modo significativo al comportamento,...

La frittata

Sono passati 70 anni da quando lo studio dei sette paesi di Keys ha esaminato l'associazione tra dieta e malattia coronarica (CAD) negli uomini di diverse popolazioni in tutto il mondo e ha trovato una correlazione positiva tra l'assunzione di colesterolo alimentare e...

Mangiare aglio per dimagrire? Non è necessario!

Oggi è il turno dell’aglio. Se ne magnificano le proprietà anche nella lotta al sovrappeso.

E un prezioso elemento della dieta mediterranea, indicato per la prevenzione di una vasta schiera di patologie tra cui:

  • aterosclerosi,
  • alcune forme di tumore,
  • ipercolesterolemia,
  • diabete di tipo 2,
  • ipertensione arteriosa.

Alcuni composti contenuti nel bulbo dell’aglio, principalmente tiosolfonati e polifenoli, sembrano infatti esercitare effetti diretti sui depositi di tessuto adiposo, promuovendo la loro riduzione e stimolando il consumo delle riserve energetiche.

Gli studi sui meccanismo d’azione dei composti dell’aglio

Recenti studi di biologia sperimentale hanno identificato i precisi meccanismi di azione dei composti dell’aglio. Pare che alcuni di questi possano essere impiegati come soluzioni medicinali per la lotta al sovrappeso.

Queste sostanze interferiscono nel normale ciclo vitale delle cellule del tessuto adiposo, gli adipociti, bloccando il loro processo di maturazione da semplici fibroblasti ad adipociti maturi contenenti lipidi.

Gli effetti anti-obesità dell’aglio hanno prodotto risultati stimolanti.

La dieta contenente dosi moderate di aglio determinava infatti una sostanziale riduzione dei depositi adiposi corporei dell’animale obeso e migliorava inoltre il profilo lipidico del sangue e del fegato.

Questi effetti risultavano mediati da una minore espressione dei geni responsabili della proliferazione ed accumulo delle cellule del tessuto adiposo.

Visto che le diete sbilanciate (Dukan, zona, iperproteiche varie e molte altre) non funzionano e che i farmaci non devono essere usate, ecco che, ogni tanto, vengono offerte le soluzioni più naturali e mirate.
Ma, ci chiediamo, perchè non seguire una dieta ipocalorica bilanciata, come proposto da Giustopeso Italia? Forse è solo troppo semplice!

Fonte: Lee MS, Kim IH, Kim CT, Kim Y. J Nutr. 2011

Precedenti

Successivi

Share This

Share this post with your friends!