NEW

La dieta mediterranea e ADHD in bambini e adolescenti.

Sebbene il disturbo da deficit di attenzione/iperattività (ADHD) sia stato correlato a carenze di nutrienti e diete "malsane", abbiamo ipotizzato che una scarsa aderenza ad una dieta mediterranea sarebbe positivamente associata ad un aumento della diagnosi di ADHD....

Disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD)

Cosa è noto su questo argomento dedicato al disturbo da deficit di attenzione e iperattività: I modelli dietetici non salutari (di solito ricchi di grassi saturi, zuccheri raffinati e alimenti trasformati e poveri di frutta e verdura) sono spesso associati a disturbo...

Al mattino, fai sempre colazione: ti conviene!

Si presume che conferisca una serie di benefici per la qualità della dieta, la salute e le prestazioni cognitive e accademiche. Quindi, fai sempre colazione! Bambini e adolescenti che consumano abitualmente la colazione hanno maggiori probabilità di avere una migliore...

La terapia della colica infantile: quale probiotico funziona?

La colica infantile o l'eccessivo pianto da causa sconosciuta è una condizione gravosa che colpisce circa 1 neonato su 5 di età inferiore a 3 mesi. È più comunemente definito dai criteri Wessel rappresentati da pianto e/o agitazione per più di 3 ore al giorno per più...

Sport e salute: attenzione al rene

Ma attenzione, a proposito di sport e salute: tra il 6 e il 10% dei clienti di una palestra usano droghe e ormoni per aumentare le prestazioni, altro che Sport e salute. In popolazioni selezionate, come sollevatori di pesi e culturisti, l'abuso di queste sostanze è...
Latte Sano, chi pensa Sano ama il buono della vita.

La conta dei leucociti è un marker di rischio per la sindrome metabolica

La sindrome metabolica (SM) è una condizione notoriamente associata a maggior rischio cardiovascolare, per predire il quale è stata proposta la conta dei globuli bianchi.

Tuttavia, pochi studi prospettici hanno valutato tale correlazione per i diversi sottotipi della serie bianca.

Da sette dei Centri partecipanti allo studio PREDIMED sono stati inclusi 4.377 soggetti, con un follow-up di 3,9 anni.
I partecipanti sono stati classificati in base alla conta leucocitaria e al conteggio dei diversi sottotipi.

Il 62,6 % dei soggetti studiati presentava sindrome metabolica al basale. Le persone con valori leucocitari al basale al quartile più alto hanno mostrato un aumentato rischio di sindrome metabolica rispetto ai partecipanti al quartile più basso (OR 2.47 , 95% CI , 2,03-2,99 ; P- trend < 0.001).

Quest’associazione è stata osservata anche per tutti i sottotipi della serie bianca, eccettuati i basofili.

In particolare, leucociti e neutrofili sono risultati fortemente associati con ipertrigliceridemia e bassi livelli di colesterolo HDL. Analogamente, la conta dei linfociti è risultata associata con bassi livelli di HDL e alta glicemia a digiuno.

White blood cell counts as risk markers of developing metabolic syndrome and its components in the PREDIMED study
Babio N, Ibarrola-Jurado N, Bulló M et al.
PLoS One. 2013;8(3):e58354. doi: 10.1371/journal.pone.0058354.

Precedenti

Successivi

Share This

Share this post with your friends!