NEW

COVID-19 in Pediatria. A cosa prestare attenzione

Covid-19 in Pediatria La maggior parte dei bambini era asintomatica (13,1%) o presentava una malattia lieve (62,3%), mentre 11 (8,5%) aveva una malattia moderata, 11 (8,5%) aveva una malattia grave e 9 (6,9%) aveva una presentazione critica. La febbre è stata...

Dieta mediterranea: di cosa parliamo.

Ci sono stati molti indici proposto per la valutazione della dieta mediterranea. Gli indici di qualità della dieta sono strumenti mirati nel quantificare la conformità a un modello dietetico definito. Questi indici sono una misura combinata della dieta fattori (gruppi...

La storia della nutrizione – prima parte

Storia della nutrizione La dieta dei nostri precursori era rappresentata da vegetali ed animali. Questo per soddisfare (ancora oggi) il fabbisogno umano in proteine e lipidi di circa 1gr/kg di peso corporeo ciascuno e di circa 100 gr di glucidi al giorno. Pochi...

Covid-19: Il rientro a scuola

A causa dell’emergenza epidemiologica Covid-19 ha vissuto per un lungo periodo una preoccupazione collettiva di enorme portata, è rimasto chiuso in casa e ha dovuto fronteggiare esperienze inedite a livello individuale, interpersonale e sociale. Ciascuno ha vissuto...

Carenza di vitamina D

L'infanzia è un periodo durante il quale maturano i sistemi immunitari innati e adattativi, a partire dalla nascita per questo è importante controllare la carenza di vitamina D. Carenza di vitamina D Nell'infanzia, c'è un alto rischio di infezioni del tratto...

In Italia 1 obeso muore ogni minuto

In Italia la metà della popolazione è in sovrappeso o obesa.

Ogni anno muoiono 57.000 persone

Ogni anno nel nostro Paese per le complicanze di questa malattia muoiono 57mila persone.
All’incirca mille a settimana, 150 al giorno e una ogni 10 minuti.

Sono i dati allarmanti che emergono dal position paper sull’obesità dal titolo ‘L’obesità è una malattia. Curabile’.

Questo è un documento di sintesi multidisciplinare realizzato da un advisory board coordinato dal professor Michele Carruba, presidente del Centro di Ricerca sull’Obesità dell’Università Statale di Milano, e composto da esperti di diverse società (Sio, Sicob, Adi e Associazione ‘Amici Obesi Onlus’).

Il lavoro è stato presentato il 10 novembre 2016 al Ministero della Salute.

Rappresenta il primo passo del progetto ‘Obesità 2020‘, patrocinato dall’European Association for the Study of Obesity (Easo).

Questo è nato a seguito di un’indagine che ha permesso di comprendere come l’obesità, malgrado chiare evidenze in questo senso, non sia considerata una malattia.

“L’obesità aumenta la probabilità di morte”

Questo è ciò che hanno spiegato gli esperti.

Mediamente una persona obesa vive almeno sei anni di meno rispetto a una sana. Non solo: in media perde quasi dodici anni di vita in salute“.

L’Organizzazione mondiale della Sanità stima quindi che:

  • circa il 58% del diabete mellito;
  • il 21% delle malattie coronariche;
  • quote comprese tra l’8 e il 42% di certi tipi di cancro

sono attribuibili all’obesità.

A queste vanno aggiunte:

  • le patologie polmonari;
  • cataratta;
  • pancreatiti;
  • malattie del fegato;
  • patologie renali;
  • insufficienza venosa;
  • osteoartrosi;
  • infertilità;
  • disfunzione erettile;
  • ipertrofia prostatica;
  • asma;
  • gotta;
  • apnee notturne.

A livello globale sono circa 1,5 miliardi le persone adulte sovrappeso.

200 milioni di uomini e circa 300 milioni di donne sono obesi. Si tratta di valori raddoppiati rispetto al 1980 e le proiezioni stimano che entro il 2020 circa 2,5 miliardi di adulti saranno in sovrappeso e 700 milioni obesi.

I costi per la sanità pubblica

Diversi studi stimano che i costi diretti legati all’obesità rappresentino circa il 2-8% del totale dei costi sanitari a livello mondiale.

La spesa sanitaria sostenuta da un obeso sia in media il 25% più alta di quella di un soggetto normopeso.

In Italia, grazie ad uno studio del progetto SiSSI- hanno proseguito gli esperti- si calcola che l’obesità sia responsabile del 4% della spesa sanitaria nazionale per un totale di circa 4,5 miliardi di euro nel 2012.

In termini assoluti un obeso severo/molto severo costa ogni anno tra i 450 e i 550 euro in più rispetto a una persona normopeso.

Il 59% della spesa totale per singola persona obesa è legato all’ospedalizzazione, mentre il restante 41% a spese extra ospedaliere come farmaci e prestazioni ambulatoriali“.

Il costo annuo dell’obesità arriverebbe addirittura a più di 22 miliardi di euro se si calcolassero anche i costi complessivi delle patologie correlate all’obesità.

Prevenzione

È stato realizzato Uno studio dal Ceis-Università Tor Vergata di Roma in collaborazione con l’Ocse (Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economici).

Questo ha dimostrato che attraverso la prevenzione in Europa si potrebbero ottenere risparmi “per 150 miliardi di euro nell’arco di circa 45 anni, grazie a minori spese per diabete, ipertensione, ictus e malattie cardiache”.

E lo stesso intervento per l’Italia potrebbe portare a risparmiare “oltre 36 miliardi in un arco temporale di circa 40 anni“.

Fonte

Precedenti

Successivi

Share This

Share this post with your friends!