NEW

Autosvezzamento

Il divezzamento, anche detto (meno correttamente) svezzamento, descrive il periodo di tempo in cui una progressiva riduzione dell'allattamento al seno o dell'alimentazione con il latte formulato, lascia il posto ad una graduale introduzione di alimenti complementari...

Noci e malattie cardiovascolari (CHD).

(Ros E Br J Nutr. 2015 aprile; 113 Suppl 2: S111-20) In virtù della loro composizione unica, è probabile che le noci influiscano positivamente sulla salute cardiovascolare. Studi epidemiologici hanno associato il consumo di noci con una ridotta incidenza di CHD in...

Gamberi e uova sono dannosi per il colesterolo?

In particolare, negli Stati Uniti, circa uno su quattro decessi si verificano a causa di malattie cardiache. La causa principale del CVD è l'aterosclerosi, che è una condizione infiammatoria cronica legata dalla deposizione di colesterolo e dei tessuti fibrosi nelle...

L’importanza di giustopeso.it

Obiettivo. Esaminare l'impatto dell'influenza dei social media sul marketing degli alimenti (sani e malsani) sull'assunzione di cibo da parte dei bambini. Per questo sono stati esaminati 176 bambini (9-11 anni, media 10,5 ± 0,7 anni), assegnati in modo casuale a...

Il calcio nella dieta

E mangiare in maniera equilibrata significa soprattutto "ruotare" i cibi presenti nel mondo animale ed in quello vegetale. Anche per quanto riguarda i minerali è indispensabile variare giornalmente le pietanze. Il calcio è il minerale più abbondante dell'organismo, è...
Latte Sano, chi pensa Sano ama il buono della vita.

I carboidrati aiutano a dimagrire.

Molte persone decidono di fare a meno dei carboidrati perché li considerano dei veri e propri nemici per la propria linea.

In realtà non è così!

I carboidrati aiutano a dimagrire, sono salutari e devono essere inclusi all’interno delle vostre diete.

Questo è ciò che emerso dalla nuova ricerca dello studioso Maciej Banach, responsabile del centro per l’ipertensione dell’Università polacca di Lodz.

Secondo uno studio, le diete povere di questi macronutrienti sono squilibrate e dannose per il proprio organismo, in grado di mettere a rischio anche il cuore.

Durante l’ultimo Congresso Europeo di Cardiologia, il Responsabile del Centro per l’ipertensione dell’Università polacca di Lodz e coordinatore della ricerca Maciej Banach ha affermato:

“Le persone che consumavano una dieta povera di carboidrati, convivevano con un maggior rischio di morte precoce.
Sono inoltre risultati più alti i tassi di decesso per singole cause, quali l’ictus, i tumori e le malattie coronariche”.

I carboidrati devono essere assorbiti nella giusta misura

Nella ricerca è stata esaminata anche la relazione tra l’adozione di una dieta a basso contenuti di carboidrati ed i tassi di morte con le rispettive cause avvenute nel tempo.

Il campione di riferimento era composto da 25.000 persone.

E’ risultato che i tassi più alti di decesso tra coloro che seguivano uno stile di vita alimentare povero di carboidrati, sono stati dovuti a

  • Cause cardio (malattia coronarica)
  • Cause cerebrovascolari (ictus)

Più basso è invece il rischio di ammalarsi di cancro.

L’evidenza è stata poi confrontata con l’esito di una metanalisi che è stata condotta su sette studi prospettici. Sono stati osservati all’incirca 450mila pazienti per quasi quindici anni.

Le diete con un basso contenuto di carboidrati sono nemiche della salute

Secondo Banach “Le diete a basso contenuto di carboidrati potrebbero essere utili a breve termine per perdere peso, abbassare la pressione sanguigna e migliorare il controllo della glicemia. Ma il nostro studio suggerisce che nel tempo non sono alleate della salute, anzi.”

Ciò testimonia anche come tale associazione risultava più forte nei pazienti anziani non obesi.

Alla base del rapporto gli tra gli stili di vita alimentari a basso contenuto di carboidrati ed il più alto tasso di decessi, troviamo un maggiore consumo di proteine animali e della carne rossa. Questi alimenti sono inoltre associati in modo particolare ad un aumento del rischio di ammalarsi di cancro.

“Il ridotto apporto di fibre e frutta e un maggiore consumo di proteine animali, colesterolo e grassi saturi potrebbero giocare un ruolo non trascurabile, in questo senso.
Senza trascurare le differenze negli apporti di minerali, vitamine e sostanze fitochimiche potrebbero essere coinvolte”.

Ma qual è la giusta quantità da mangiare?

La dieta mediterranea prevede che l’apporto di energia attraverso gli zuccheri complessi corrisponde al 50-60% del totale giornaliero. Come indicato dalle linee guida Internazionali, circa la metà del fabbisogno giornaliero di energia di cui abbiamo bisogno deriva dai carboidrati.

Secondo la Società Italiana di Nutrizione Umana, va bene mangiare almeno 80 grammi di pasta al giorno, meglio ancora se è pasta integrale.

Inoltre sarebbe opportuno preferire gli amidi e le fibre perché aumentano il senso di sazietà riducendo i picchi di glicemia.

Eliminare i carboidrati dalla propria alimentazione è sbagliato e dannoso per la nostra salute.

Se da una parte l’iniziale riduzione dei carboidrati può portare più facilmente ad una perdita di peso, dall’altra potrebbe farci cadere nella cosiddetta “Weight Cycling Syndrome”.

Questa infatti ci porta a recuperare nel breve e nel medio periodo, tutti i chili persi nelle prime settimane di dieta.

Precedenti

Successivi

Share This

Share this post with your friends!