NEW

Uova e colesterolo

Le malattie cardiovascolari (CVD) contribuiscono a oltre 17 milioni di decessi all'anno a livello globale, che rappresentano quasi la metà di tutti i decessi per malattie non trasmissibili. Le malattie cardiovascolari sono principalmente causate dall'aterosclerosi....

Il coronavirus e i bambini

Nel dicembre 2019, un gruppo di casi di polmonite, che in seguito furono dimostrati essere causati da un nuovo coronavirus (chiamato "2019-nCoV"), è emerso nella città di Wuhan, nella provincia di Hubei, in Cina. Al 30 gennaio 2020, 9692 casi confermati e 15.238 casi...

Dieta senza glutine

La celiachia è un’intolleranza permanente al glutine. Quindi la dieta senza glutine serve per eliminare le sostanze proteiche presenti nei cereali come il grano, l’orzo, la segale e il farro. Continua ad aumentare, seppur gradualmente, il numero di persone cui viene...

Le diete vegetariane

Le diete vegetariane sono in forte espansione e, sebbene queste diete siano state collegate ad alcuni benefici per la salute, la bassa biodisponibilità di alcuni micronutrienti negli alimenti vegetali può comportare il rischio di carenze nutrizionali, il che rende...

15-17 anni. Non lasciamoli soli.

Finalità del progetto adolescenti di Giustopeso Italia #nonlasciamolisoli Attivare una rete integrata di professionisti specializzati nella prevenzione e nel trattamento del disagio e dei comportamenti a rischio negli adolescenti ansia depressione dipendenze disturbi...

Sport e salute: attenzione al rene

Il culto per un "corpo perfetto" è entrato a far parte della nostra società.

Ma attenzione, a proposito di sport e salute:

tra il 6 e il 10% dei clienti di una palestra usano droghe e ormoni per aumentare le prestazioni, altro che Sport e salute.

In popolazioni selezionate, come sollevatori di pesi e culturisti, l’abuso di queste sostanze è molto più elevato, raggiungendo fino al 44%.

Il pericolo non è tanto dalle sostanze stesse, ma dal modo in cui vengono utilizzate:

senza controllo medico, facendo combinazioni diverse e a dosi molto più elevate del solito nella pratica clinica.

Le vere conseguenze di questo abuso non sono del tutto note. A causa di questa somministrazione plurima è spesso difficile determinare l’agente specifico responsabile della lesione renale in questi pazienti.

Il rene è uno degli organi interessati da queste pratiche e le consultazioni nefrologiche in questa popolazione stanno diventando più frequenti, il che richiede una maggiore conoscenza da parte del medico su questa patologia emergente e un alto livello di sospetto, poiché il paziente non sempre riconoscere questo abuso.

Sebbene sia difficile conoscere la vera dimensione della patologia renale associata a queste sostanze, è importante che il medico e il nefrologo sappia che circa il 30% degli utenti anabolici sviluppa dipendenza e, pertanto, sarebbe a maggior rischio di sviluppare le conseguenze mediche dell’uso prolungato di queste sostanze.

Le formule utilizzate per stimare la velocità di filtrazione glomerulare (GFR) includono i livelli di creatinina sierica e sono influenzati dalla massa muscolare e dall’assunzione con la dieta, in particolare dall’apporto di creatina.

La creatina diventa spontaneamente e irreversibilmente creatinina, quindi a coloro che assumono creatina o hanno una massa muscolare importante può essere erroneamente diagnosticata una ridotta funzionalità renale usando le formule attuali.

Diete iperproteiche

L’aumento dell’assunzione di proteine di alta qualità prima e dopo l’esercizio fisico, migliora la risposta adattativa all’esercizio, aumenta la sintesi di glicogeno e proteine e ne riduce il degrado.

Pertanto, l’International Society of Sports Nutrition nel 2007 e 2017 considera un apporto proteico sicuro e adeguato di 1,4–2,0g / kg / die.

Tuttavia, la realtà è che gli atleti, anche i dilettanti, aumentano l’assunzione di proteine a livelli superiori a quelli raccomandati, raggiungendo fino a 5g / kg / giorno e per periodi di tempo prolungati.

Comunque è stata dimostrata un’associazione tra l’assunzione elevata di proteine e il peggioramento della funzionalità renale.

Un altro rischio della dieta iperproteica è la disidratazione, aumentando l’escrezione renale di soluti – urea e altri rifiuti azotati -, che richiede un maggiore consumo di acqua, soprattutto in presenza di diabete, ipertensione o malattie cardiovascolari.

Ed è un fattore di rischio indipendente per lo sviluppo di calcoli renali in soggetti predisposti. Sono anche associati ad un aumentato rischio di diabete di tipo 2 a causa di diete ad alto carico acido.

Supplementi nutrizionali

Alcuni nutrienti usati come integratori alimentari come l-carnitina, colina / fosfatidilcolina, triptofano e tirosina, possono produrre effetti tossici nei pazienti con malattia renale cronica (CKD), poiché modificano il microbiota intestinale, aumentando il numero di batteri che elaborano questi composti in tossine uremiche –N-trimetilammina ossido (TMAO), p-cresil solfato, indoil solfato e acido indole-3-acetico. Queste tossine sono associate ad un aumentato rischio di morte e malattie cardiovascolari.

La creatina è ampiamente utilizzata per aumentare la massa muscolare e migliorare le prestazioni atletiche.

Può aumentare i livelli di creatinina senza causare danni alla funzionalità renale: negli atleti allenati, l’integrazione di creatinina per 3 mesi non ha avuto effetti dannosi sulla funzionalità renale, misurata con 51 Cr-EDTA.

Il problema è che, in questo contesto, un aumento della creatinina sierica può riflettere l’integrazione di creatina o un danno renale reale e il medico i il nefrologo deve differenziare entrambe le situazioni calcolando il 24h clearance della creatinina.

Steroidi androgeni anabolizzanti (AAS)

L’attuale estensione dell’uso e gli effetti collaterali degli steroidi androgeni anabolizzanti (EAA) non sono noti, ma esiste un consumo nascosto significativo da parte di atleti professionisti e dilettanti in tutto il mondo, compresi gli adolescenti.

L’AAS include il testosterone e i numerosi analoghi sintetici che sono stati modificati per aumentare gli effetti anabolici.

Sono formulati per la somministrazione orale, parenterale: iniezioni intramuscolari, sottocutanee o transdermiche. Sono utilizzati in cicli da 6 a 12 settimane, quindi sospesi per un lungo o breve periodo o continuano il consumo a una dose più bassa.

Occasionalmente, vengono somministrati utilizzando un modello piramidale, iniziando con una dose giornaliera bassa all’inizio fino a raggiungere la dose massima, quindi diminuendola gradualmente fino al suo ritiro. La quantità consumata supera le dosi terapeutiche di 10 e 100 volte, spesso combinando diversi preparati, per via orale e parenterale.

Negli ultimi 4 anni si è verificato un aumento di 3 volte delle complicanze epatiche (epatopatia colestatica e epatopatia colestatica) e delle complicanze renali (nefropatia biliare acuta o nefrosi biliare, glomerulosclerosi focale e segmentale (FSGS) e nefropatia tubulointerstiziale (NTI) ) associato ad AAS che richiede il ricovero ospedaliero anche in dialisi.

Il profilo lipidico alterato, l’ipertrofia ventricolare sinistra e l’elevata pressione sanguigna nei giovani atleti dovrebbero sospettare il consumo di queste sostanze, poiché hanno un ruolo nella regolazione della funzione cardiovascolare: rilascio di ossido nitrico (NO), mobilizzazione del calcio, apoptosi vascolare, ipertrofia, calcificazione, senescenza e generazione di specie reattive dell’ossigeno.

Il rischio di morte negli utenti cronici di AAS è 4,6 volte superiore rispetto alla popolazione normale adattata per età.

Clenbuterolo

Il clenbuterolo, un broncodilatatore usato per il trattamento dell’asma, è anche usato per le sue proprietà anaboliche.

Il clenbuterolo può produrre aritmie e alterazioni degli elettroliti (ipopotassiemia, ipomagnesemia e ipofosfatemia) che possono causare morte improvvisa.

Esercizio rabdomiolisi

L’allenamento riduce il rischio di sviluppare rabdomiolisi, ma in presenza di sudorazione abbondante, la mancanza di un’adeguata sostituzione di acqua ed elettroliti insieme a una temperatura elevata può influenzare anche gli atleti allenati, aumentando il rischio di insufficienza renale.

Qualsiasi persona sana sottoposta a un esercizio estremo e intenso può avere un episodio di rabdomiolisi con insufficienza renale acuta e requisiti di dialisi, che sono stati descritti anche dopo la prima classe di spinning.

Conclusioni

Una recente ricerca sistematica di banche dati elettroniche conclude che la letteratura che descrive le pratiche di assunzione dietetica di culturisti competitivi è obsoleta e spesso di scarsa qualità; e per tutto questo, alcuni autori avvertono del rischio e raccomandano di analizzare la creatinina sierica e la proteinuria prima di iniziare a consumare questo tipo di dieta e integratori, poiché la CKD è spesso silenziosa e i pazienti potrebbero non essere consapevoli di questa condizione.

I medici e i pazienti devono essere consapevoli del fatto che, nei pazienti con insufficienza renale cronica e anche nelle persone sane, alcune pratiche associate allo sport possono deteriorare la salute.

Tratto da:
When the sport stops being health: diets, supplements and substances to increase the performance and its relation with the kidney. Arenas Jiménez. Nefrologia. 2019 May – Jun;39(3):223-226.

Precedenti

Successivi

Share This

Share this post with your friends!