NEW

Infezione da Helicobacter pylori

L’ infezione da Helicobacter pylori porta costantemente a una risposta infiammatoria cronica e di basso grado nella mucosa gastrica ed è strettamente correlata alle malattie gastrointestinali ed extra-gastriche. Gli effetti del microbioma locale nello stomaco sono...

Il mal di pancia nel bambino

Il mal di pancia nel bambino. Nella maggioranza dei casi si tratta di alterazioni funzionali gastrointestinali perché solo nel 5-10% dei pazienti è possibile individuare una causa organica del dolore. Dispepsia e dolore funzionale. La dispepsia può essere definita...

Bevande vegetali per il bambino?

Nell'ultimo decennio, il consumo di latte vaccino pro capite è progressivamente diminuito insieme all'aumento della disponibilità e del consumo di bevande vegetali. Le bevande vegetali non casearie continuano a mostrare una tendenza alle vendite in aumento nei paesi...

Latte materno, Omega-3 e temperamento infantile

La nutrizione nella prima infanzia gioca un ruolo fondamentale nello sviluppo del cervello. Negli ultimi decenni, la ricerca ha dimostrato che l'esposizione al latte umano e la variazione nella sua composizione contribuiscono in modo significativo al comportamento,...

La frittata

Sono passati 70 anni da quando lo studio dei sette paesi di Keys ha esaminato l'associazione tra dieta e malattia coronarica (CAD) negli uomini di diverse popolazioni in tutto il mondo e ha trovato una correlazione positiva tra l'assunzione di colesterolo alimentare e...

Quali alimenti cambiano il tuo odore quando li mangi?

Vi sarete accorti che esistono diversi alimenti che hanno dei gusti e degli odori abbastanza forti.
E sapete anche che una quando ingerite questi cibi cambia pure il vostro odore corporeo?

Esistono particolari alimenti dai gusti forti e dai sapori pungenti che sono anche in grado di suggestionare il nostro odore.

Che cosa influenza l’odore della nostra pelle?

La dottoressa gastroenterologa dell’Humanitas Federica Furfaro afferma:

”L’odore della pelle dipende da un insieme di fattori, in particolare si sviluppa dall’interazione tra il sudore prodotto dal nostro corpo a livello delle ghiandole sudoripare e la flora batterica che abita la pelle.

Le ghiandole sudoripare producono il sudore per mantenere la temperatura corporea.

Il sudore è costituito da acqua, ioni, urea, immunoglobuline e colesterolo.
I lipidi, in contatto con i batteri che abitano la pelle, producono odori più intensi.

Tale odore è soggettivo, ma può essere influenzato anche dal cibo che mangiamo, oltre che da farmaci o da stati di stress”.

Quali sono questi alimenti?

  • Le spezie: tra le diverse spezie, soprattutto il curry e il cumino, presentano un’odore che si attacca alla lingua e ai denti e che di conseguenza resta anche sulla pelle e nel fiato;
  • Aglio e cipolla: questi sono i responsabili del cosiddetto “alito pesante”. Ciò avviene perché le loro molecole tendono a restare sulla nostra lingua;
  • Carne rossa: quando mangiamo la carne rossa alcune proteine prive di odore vengono rilasciate dalla pelle attraverso la sudorazione. Queste si mischiano ai batteri della pelle e possono generare un cattivo odore;
  • Pesce: diverse persone dopo aver mangiato il pesce convertono una sostanza chiamata colina in trimetilammina. Questa sostanza, rilasciata dalla pelle e dal fiato, è la causa di quell’odore così riconoscibile che avvertiamo;
  • Broccoli: insieme anche ai cavoli e ai cavoletti di bruxelles, quando vengono digeriti rilasciano acido solforico. Tale sostanza viene poi rilasciata dal corpo attraverso il fiato, il sudore e i gas intestinali;
  • Asparagi: sono famosi per la loro proprietà di colorare l’urina di verde e di cambiarne l’odore. Contengono mercaptano che, durante i processi di assimilazione, diviene acido solforico;
  • Alcol: quando viene assunto in grandi quantità dà al nostro alito un odore forte e nauseante. Questo avviene perché esso viene metabolizzato in acido acetico che si libera attraverso i pori della pelle e il fiato;

Rimedi contro i cattivi odori

Come si può evitare quindi di emanare un cattivo odore?

Una soluzione potrebbe essere non eliminare, ma limitare l’assunzione di questi particolari cibi.
Poi bisogna intervenire sulla nostra igiene personale: asciugarci bene dopo la doccia per ridurre la proliferazione dei batteri sulla cute.

È importante:

  • utilizzare saponi antibatterici;
  • indossare abiti traspiranti a base di fibre naturali (lino o cotone);
  • usare un traspirante per limitare la sudorazione o un deodorante per coprire i cattivi odori.

Precedenti

Successivi

Share This

Share this post with your friends!