NEW

Infezione da Helicobacter pylori

L’ infezione da Helicobacter pylori porta costantemente a una risposta infiammatoria cronica e di basso grado nella mucosa gastrica ed è strettamente correlata alle malattie gastrointestinali ed extra-gastriche. Gli effetti del microbioma locale nello stomaco sono...

Il mal di pancia nel bambino

Il mal di pancia nel bambino. Nella maggioranza dei casi si tratta di alterazioni funzionali gastrointestinali perché solo nel 5-10% dei pazienti è possibile individuare una causa organica del dolore. Dispepsia e dolore funzionale. La dispepsia può essere definita...

Bevande vegetali per il bambino?

Nell'ultimo decennio, il consumo di latte vaccino pro capite è progressivamente diminuito insieme all'aumento della disponibilità e del consumo di bevande vegetali. Le bevande vegetali non casearie continuano a mostrare una tendenza alle vendite in aumento nei paesi...

Latte materno, Omega-3 e temperamento infantile

La nutrizione nella prima infanzia gioca un ruolo fondamentale nello sviluppo del cervello. Negli ultimi decenni, la ricerca ha dimostrato che l'esposizione al latte umano e la variazione nella sua composizione contribuiscono in modo significativo al comportamento,...

La frittata

Sono passati 70 anni da quando lo studio dei sette paesi di Keys ha esaminato l'associazione tra dieta e malattia coronarica (CAD) negli uomini di diverse popolazioni in tutto il mondo e ha trovato una correlazione positiva tra l'assunzione di colesterolo alimentare e...

Meteorismo intestinale e flatulenza

Ovvero, quando anche l’intestino è “irritabile”

È esperienza comune che le emozioni possono influenzale l’attività gastrointestinale, provocando sintomi come flatulenza, dolori addominali non importanti e variabili accompagnati da irregolarità dell’intestino.

Sono sintomi estremamente comuni e possono corrispondere a semplici disfunzioni o rappresentare manifestazioni di esordio di gravi malattie organiche.

Nell’ambito di questo quadro clinico si colloca la problematica diagnostica della sindrome dell’intestino irritabile.

La diagnosi di sindrome dell’intestino irritabile è quasi sempre una sfida.

Per definizione è una diagnosi di esclusione.

È opinione generale che alcuni elementi di giudizio rendano improbabile una patologia organica.

Essi comprendono una lunga storia di sintomi:

  • età relativamente giovanile
  • assenza di calo ponderale
  • sintomatologia dolorosa notturna
  • sangue nelle feci
  • presenza di disturbi della sfera emotiva.

Questa condizione colpisce quasi un terzo della popolazione; tuttavia una minoranza dei pazienti si rivolge al medico.

Consultare un medico non è detto che sia un fatto positivo per il singolo soggetto, dal momento che trasforma l’individuo in paziente e può avviare indagini diagnostiche costose, fastidiose, talvolta potenzialmente nocive, fino a creare un circolo vizioso, spesso più dannoso che utile, di terapie farmacologiche e non.

Una caratteristica importante della flatulenza è che abitualmente il dolore viene indicato con la mano aperta, come ad esprimere che non è localizzato in un punto specifico dell’addome.

È stato ipotizzato che la carenza di fibre alimentari nella dieta occidentale possa giocare un ruolo importante, perché la sindrome dell’intestino irritabile è praticamente sconosciuta in popolazioni come quelle africane, che assumo una dieta ricca di fibre.

A questo proposito è comunque consigliato assumere 5 porzioni (pari al volume del tuo pugno) di frutta e/o verdura ogni giorno.

Le intolleranze (es. glutine, lattosio) e le allergie alimentari possono provocare sintomi analoghi a quelli dei pazienti con sindrome dell’intestino irritabile.

Si può facilmente calcolare che il costo sociale della sindrome, in termini di spese sanitarie e di assenze dal lavoro, è estremamente elevato.

Vuoi che almeno il tuo intestino sia meno “irritabile”?

Ecco gli alimenti sconsigliati:

  • cioccolato
  • caffè
  • brioche (e lieviti in genere)
  • vino
  • superalcoolici
  • cibi fritti e/o fermentati e/o affumicati
  • selvaggina
  • salumi
  • acciughe
  • molluschi
  • taleggio
  • gorgonzola
  • pecorino
  • insalata cruda
  • funghi
  • asparagi
  • bietole
  • cipolle
  • carote
  • cavolfiori
  • cetrioli
  • spinaci
  • prezzemolo
  • pomodori
  • carciofi
  • broccoli
  • cavolini di Bruxelles
  • cicoria
  • ravanelli
  • sottaceti
  • legumi
  • cipolle
  • cavoli
  • carciofi
  • melanzane
  • noci
  • orzo integrale
  • mele crude e con la buccia
  • albicocche crude o disidratate
  • kiwi
  • mango
  • agrumi
  • pesche crude
  • pere cocomero
  • papaya
  • frutti di bosco
  • melone
  • fichi
  • prugne
  • pane ai cereali
  • bibite gassate.

Evitare (o limitare al massimo) il consumo di alimenti che possono indurre flatulenza, come legumi: ceci, lenticchie, piselli, fagioli, fagiolini. Attenzione poi ai carboidrati particolarmente ricchi in oligosaccaridi non digeribili, presenti sempre nei legumi.

Questi zuccheri sono indigeribili e non assorbibili per l’uomo, ma fermentabili a livello dell’intestino crasso dalla flora microbica intestinale.

Nei soggetti intolleranti al lattosio (lo zucchero del latte) è buona regola eliminare il latte, anche parzialmente scremato e sostituirlo con yogurt o latte delattosato.

Attenzione poi alle bibite ed ai dolci e alimenti ricchi di zuccheri solubili: fermentando a livello intestinale favoriscono o potenziano la flatulenza.

È il caso frappè, frullati, pasta sfoglia, maionese, panna montata, come anche i dolcificanti artificiali e gli alimenti dietetici e gli alimenti contenenti fruttosio.

Più in generale è sconsigliato seguire un regime dietetico sbilanciato, ricco di alimenti grassi e da junk-food (cibo spazzatura).

Gli alimenti consigliati?

  • Pane non lievitato
  • carni tenere
  • pollo
  • pesce
  • uova
  • pasta e riso non integrali
  • patate
  • cornflakes
  • latte o yogurt
  • formaggi freschi
  • finocchi
  • menta
  • origano
  • cumino
  • semi di finocchio
  • curcuma
  • cavoli cotti
  • sedano
  • indivia
  • lattuga
  • zucca
  • passato di pomodoro
  • centrifugati di vegetali
  • crescione
  • zucchine
  • mele cotte
  • albicocche cotte
  • banane
  • ciliegie
  • mirtilli
  • spremute
  • pesche ed ananas in scatola
  • prugne cotte
  • avocado.

In generale abbinare alimenti proteici a verdure fresche, bollite o cotte al vapore.

In conclusione, una dieta mediterranea ben condotta, consente di “tranquillizzare” anche l’intestino più irritabile e con esso anche tutto il corredo sintomatologico, spesso fastidioso ed imbarazzante.

Precedenti

Successivi

Share This

Share this post with your friends!