NEW

Vuoi bene alla tua pelle? Allora mangia così!

Il rapido aumento delle malattie metaboliche, avvenuto negli ultimi tre decenni sia nei paesi industrializzati che in quelli in via di sviluppo, è stato collegato all'aumento del consumo di zuccheri aggiunti e del consumo di bevande zuccherate. Evitarli, significa...

Latte vaccino

Il recupero post-esercizio è un processo complesso che varia in base alla natura dell'esercizio, al tempo che intercorre tra le sessioni di allenamento ed ai diversi obiettivi dell'operatore. Da un punto di vista nutrizionale, le principali considerazioni sono:...

LA STORIA DELLA PRIMA COLAZIONE

È improbabile che la prima colazione sia esistita prima dello sviluppo dell'allevamento, dell'agricoltura e dell'acquisizione della capacità di conservare il cibo. Prima di allora "il pasto" in generale era il risultato di una caccia fortunata o di fortuiti...

Diete di esclusione nei bambini autistici

Bambini autistici. Ecco cosa riporta la letteratura medica. Quindi diffidate dai tanti medici, paramedici o peggio: sono tante sirene ammaliatrici. Gluten- and casein-free diet and autism spectrum disorders in children: a systematic review. Piwowarczyk, A., Horvath,...

Prima visita di medicina estetica

La Prima visita di medicina estetica, comprende, dopo un accurata anamnesi ed esame obiettivo finalizzati alla conoscenza dello stato di salute generale ed estetico, una serie di valutazioni morfologiche e funzionali volte ad approfondire lo studio e la cura degli...
Latte Sano, chi pensa Sano ama il buono della vita.

La mela-insana buonissima.

Di Giorgio Pitzalis

In Europa la melanzana venne introdotta dagli arabi forse dall’India (anche se c’è chi dice Cina), nel VII secolo d.C., esattamente in Spagna.

E non è un caso che arabi ed ebrei non solo ne sono stati sempre ghiotti, ma ci hanno lasciato delle ricette storiche che sono la base dei vari modi di cucinare la melanzana ancora oggi.

Pensiamo, per esempio, alla canzone della tradizione ebraico sefardita Siete Modos de guisar las berenjenas, ovvero sette modi di cucinare le melanzane.

Il nostro ortaggio qui è accompagnato da pomodori, cipolle, aglio, erbette. Vengono fritte o cotte in una fornace.

https://www.youtube.com/watch?v=XfDgV0Q8Nkk

L’ortaggio, va detto, ha goduto di cattivissima fama fino al XVI-XVII secolo, forse proprio perché legato ad arabi ed ebrei, quindi considerato (in una sorta di melanzanofobia) molto pericoloso e particolarmente insidioso.

Per quanto riguarda il valore nutrizionale, la melanzana ha un valore calorico molto basso (18 kcal ogni 100 grammi) con un contenuto elevato di acqua (92,7%) e di fibre alimentari (3,2 grammi ogni 100 grammi).

È considerata tra le verdure più sane per il suo alto contenuto di vitamine, minerali e composti bioattivi per la salute umana.

A questo proposito, la melanzana è classificata tra le prime 10 verdure in termini di capacità di assorbimento dei radicali dell’ossigeno.

Le proprietà bioattive delle melanzane sono per lo più associate ad un alto contenuto di composti fenolici, che sono principalmente acidi fenolici, in particolare acido clorogenico nella polpa del frutto e antociani nella buccia della frutta.

Sia gli acidi fenolici che gli antociani hanno proprietà multiple benefiche per la salute umana.

In genere la melanzana viene considerata ipercalorica perché quasi sempre abbinata a condimenti (olio, mozzarella) e quindi servita fritta e/o come parmigiana.

Alternativa ipocalorica?

Melanzane a fettine grigliate sulla piastra: saporite e ipocaloriche. La differenza la puoi fare tu con la quantità di olio che aggiungi.

Ti ricordo che ogni ml di olio sono 9 kcal.

È un ottimo contorno o spuntino e anche i bambini (facendo attenzione) possono diventare dei cuochi della melanzana.

Precedenti

Successivi

Share This

Share this post with your friends!