NEW

Basso livello di vitamina D3

Questo articolo è una prestampa e non è stato certificato da peer review. Che cos'è una prestampa non revisionata? Prima della pubblicazione formale in una rivista accademica, gli articoli scientifici e medici sono tradizionalmente certificati da "peer review". In...

Disturbi dell’alimentazione (DA): cosa c’è da sapere

Disturbi dell’alimentazione (DA). Queste patologie si manifestano prevalentemente tra i 12 e i 25 anni, ma negli ultimi tempi è emerso un preoccupante aumento delle fasce di età coinvolte: attualmente circa il 20% dei pazienti ha un'età compresa tra gli 8 e i 14 anni....

Considerazioni su bambini e Covid-19

Bambini e Covid-19. Su questo punto i dati sono ormai consolidati e coerenti tra i diversi studi effettuati, in Paesi diversi e da diversi gruppi di ricerca: i bambini si ammalano poco, molto poco; e quando lo fanno, le manifestazioni cliniche sono lievi. Le eccezioni...

Dieta mediterranea e artrosi

Questo perché i risultati di molti studi di base, clinici ed epidemiologici sono arrivati a considerarlo come un fattore protettivo contro lo sviluppo di processi multipli come malattie cardiovascolari, diversi tipi di cancro, malattie neurodegenerative e persino...

ALIMENTAZIONE E PSICHE

È indubbio che esiste un forte tra alimentazione e psiche. La famiglia, oltre a trasmettere i caratteri genetici, influenza inevitabilmente il comportamento alimentare e questo “imprinting” familiare risulta particolarmente importante in età prescolare. Nelle famiglie...

La dieta Mayr, ovvero tu sei solo intestino

A cura di Giorgio Pitzalis


Intorno agli anni ‘950 di Dott. Xavier Mayr era convinto che molte patologie dipendessero dal malfunzionamento dell’intestino, e che esso andasse depurato.

Cosa è la dieta Mayr

Digiuno per i primi due giorni (sono concessi acqua, te, tisane e succhi di frutta), seguita da una fase di semi-digiuno della durata di una settimana.

Fase 3

Si reintroducono gli alimenti poveri di fibre e i cibi di origine animale, infine nella fase 4 si reintroducono tutti i cibi, ma privilegiando i cereali integrali, i vegetali, la carne magra e il pesce.

Se un tempo la dieta Mayer non era stata pensata per far dimagrire i pazienti, attualmente questa dieta viene proposta in centri centri benessere o Spa come dieta dimagrante, perché è questo che la gente desidera, anche a costo di perdere la salute.

In questo senso la dieta Mayr è perfetta perché è estremamente inefficace e perché non possiede alcun requisito di base per essere considerata una buona dieta.

Non è educativa

Perché non consente l’apprendimento di corretti stili alimentari e poi perché il digiuno fa perdere qualche kg che poi viene ripreso molto velocemente nell’arco di qualche giorno.

Questa dieta rientra nel vastissimo mondo delle cosiddette VLCD, ossia Very Low Calories Diet (diete a bassissime calorie o diete fortemente ipocaloriche).

Le VLCD sono diete a bassissimo potere calorico (classicamente non dovrebbero superare le 800 kcal giornaliere), impiegate comunemente nel trattamento dell’obesità patologica.

Si tratta di diete sensibilmente al di sotto del fabbisogno calorico medio giornaliero di un adulto (stimato grossolanamente nelle 2000 kcal) e pertanto facilmente inducono di uno stato di malnutrizione.

Sono quindi assolutamente da evitare.

In caso di sovrappeso o disturbi nutrizionali rivolgetevi intanto al vostro medico di fiducia che provvederà, nel caso, a inviarvi presso strutture o medici competenti in materia.

Precedenti

Successivi

Share This

Share this post with your friends!