NEW

Infezione da Helicobacter pylori

L’ infezione da Helicobacter pylori porta costantemente a una risposta infiammatoria cronica e di basso grado nella mucosa gastrica ed è strettamente correlata alle malattie gastrointestinali ed extra-gastriche. Gli effetti del microbioma locale nello stomaco sono...

Il mal di pancia nel bambino

Il mal di pancia nel bambino. Nella maggioranza dei casi si tratta di alterazioni funzionali gastrointestinali perché solo nel 5-10% dei pazienti è possibile individuare una causa organica del dolore. Dispepsia e dolore funzionale. La dispepsia può essere definita...

Bevande vegetali per il bambino?

Nell'ultimo decennio, il consumo di latte vaccino pro capite è progressivamente diminuito insieme all'aumento della disponibilità e del consumo di bevande vegetali. Le bevande vegetali non casearie continuano a mostrare una tendenza alle vendite in aumento nei paesi...

Latte materno, Omega-3 e temperamento infantile

La nutrizione nella prima infanzia gioca un ruolo fondamentale nello sviluppo del cervello. Negli ultimi decenni, la ricerca ha dimostrato che l'esposizione al latte umano e la variazione nella sua composizione contribuiscono in modo significativo al comportamento,...

La frittata

Sono passati 70 anni da quando lo studio dei sette paesi di Keys ha esaminato l'associazione tra dieta e malattia coronarica (CAD) negli uomini di diverse popolazioni in tutto il mondo e ha trovato una correlazione positiva tra l'assunzione di colesterolo alimentare e...

Quale relazione tra alimentazione e comportamento? Giustopeso.it è in libreria

In generale i carboidrati, rispetto alle proteine, esercitano effetti sedativi.

Fin da piccoli sappiamo cosa e quanto mangiare.
Da piccoli, perché poi perdiamo contatto con i bisogni alimentari a danno di pressioni esterne, mode e cattiva informazione. Il cervello tiene conto della composizione dell’ultimo pasto e decide circa le caratteristiche del pasto successivo.

Ora, negli individui obesi, la scelta della composizione dei pasti è invece decisamente anomala.

In particolare gli obesi golosi di cibi dolci sono meno depressi, mentre gli obesi non golosi di cibi dolci diventano più depressi, oltre che molto più stanchi e meno vigili. Si può quindi dire che gli obesi golosi effettuano una vera e propria automedicazione, anche se involontaria.

(dal libro Giustopeso.it di Giorgio Pitzalis e Maddalena Lucibello. 2012 Armando Editore). In tutte le librerie.

Precedenti

Successivi

Share This

Share this post with your friends!